Skin
Joe-Biden
Trending

Chi ha chiesto a Joe Biden di dimettersi dal ruolo di presidente: c’è anche un ex membro della Casa Bianca

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Un coro di autorevoli opinionisti e critici che si autodefiniscono ammiratori del presidente Joe Biden – e fermamente contrari a Trump – hanno chiesto a quest’ultimo di farsi da parte nella corsa dopo quella che è stata considerata una performance disastrosa nel dibattito, anche se finora i funzionari democratici eletti lo hanno pubblicamente appoggiato.

LEGGI ANCHE: “Biden vs. Trump: quali sono i loro patrimoni e chi sono i miliardari che li sostengono”

LEGGI ANCHE: “Joe Biden, qual è il patrimonio del presidente degli Stati Uniti”

Aspetti principali

  • Come scrive il comitato editoriale del New York Times: “Per servire il suo Paese, Biden dovrebbe lasciare la corsa”, ha dichiarato il gruppo di sinistra in un titolo del giorno successivo al dibattito, definendolo “un presidente ammirevole” che si sta “impegnando in un azzardo sconsiderato”, ed esortando i democratici a parlare e a sostituirlo, o a rischiare di consegnare le elezioni a Trump.
  • Scrivendo di aver visto “abbastanza” dopo il dibattito, il comitato editoriale del Chicago Tribune ha criticato sia Trump che Biden come “due vecchietti” e “pagliacci”, oltre a dire che l’attuale presidente “dovrebbe annunciare che manterrà il potere per un solo mandato”.
  • Secondo il comitato editoriale dell’Atlanta Journal-Constitution, Biden dovrebbe farsi da parte “per far perdere Trump e per il bene della nazione”, ha scritto, respingendo le difese della campagna di Biden e dei suoi alleati, secondo cui avrebbe avuto un raffreddore o che la sua scarsa performance sarebbe stata un’anomalia, scrivendo che “non si è trattato di una brutta serata, ma è stata la conferma dei peggiori timori di alcuni dei più accaniti suoi sostenitori… l’età lo ha finalmente raggiunto”.
  • Riconoscendo la sua amicizia con Biden e descrivendo come abbia pianto assistendo a quello che ha definito un dibattito “straziante”, l’editorialista del New York Times Thomas Friedman, vincitore del premio Pulitzer, ha scritto che il presidente “non ha motivo di candidarsi alla rielezione” e che il Partito Democratico dovrebbe condurre un nuovo “processo aperto alla ricerca di un candidato democratico alla presidenza”.
  • In un articolo pubblicato poche ore dopo la fine del dibattito, l’editorialista del New York Times Nicholas Kristof ha scritto che la performance di Biden nel dibattito ha “rafforzato l’idea” che sia troppo vecchio per ricoprire la carica di presidente, esortandolo ad annunciare il suo ritiro prima della convention, dando ai suoi delegati la possibilità di scegliere un altro candidato democratico, come il governatore del Michigan Gretchen Whitmer, il senatore dell’Ohio Sherrod Brown o il segretario al Commercio Gina Raimondo.
  • “Il miglior presidente della mia vita deve ritirarsi”, è stato il titolo dell’appello dell’editorialista del New York Times Paul Krugman, che ha riconosciuto che “forse alcuni che giurano lealtà a Biden lo considereranno un tradimento, visto quanto ho sostenuto le sue politiche, ma temo che dobbiamo riconoscere la realtà dei fatti”.
  • Il direttore del New Yorker David Remnick ha scritto che Biden è sembrato “vagare verso l’insensatezza sul palco” e che rimanere in lizza “sarebbe un atto non solo di auto-illusione ma di messa in pericolo della nazione”.
  • Ribadendo l’opinione espressa in un articolo di settembre, secondo cui Biden non dovrebbe candidarsi, l’editorialista di esteri del Washington Post David Ignatius ha scritto in un pezzo successivo al dibattito che il presidente è stato isolato dalla sua stretta cerchia di assistenti e confidenti, tra cui la moglie Jill, che hanno respinto le richieste di farsi da parte e “sono stati protettivi fino all’eccesso”.
  • Lo scrittore dell’Atlantic ed ex corrispondente del New York Times Magazine Mark Leibovich ha intitolato la sua rubrica del venerdì Time To Go, Joe, definendo il dibattito un “disastro” e scrivendo che Biden “sembrava vecchio, e sì, è in effetti molto, molto vecchio”.
  • Dichiarando di “amare” Biden, il conduttore di “Morning Joe” della Msnbc(un programma che, secondo quanto riferito, il presidente segue da vicino) Joe Scarborough ha suggerito, nella puntata di venerdì, che Biden dovrebbe ritirarsi dalla corsa, ponendo la domanda retorica: “Se fosse un amministratore delegato e facesse una performance del genere, qualche azienda in America lo terrebbe?”.
  • Ex direttore della fotografia della Casa Bianca dal gennaio 2021 al maggio 2022, Chandler West ha scritto su Instagram che “è ora che Joe se ne vada”, ha riferito Axios, citando screenshot della storia di West in cui afferma che gli operatori della Casa Bianca hanno detto privatamente per mesi che Biden “non è forte come lo era solo un paio di anni fa”, e un successivo messaggio in cui prevede che il dibattito “non sarà l’ultimo” giorno negativo per Biden.
  • Biden “non dovrebbe essere” il candidato, ha dichiarato il consulente politico democratico di lunga data James Carville a Politico, dopo aver detto che la campagna del presidente ha usato il suo nome in un testo di raccolta fondi senza il suo permesso, e che Biden finirà la sua campagna prima dell’Election Day, parafrasando una citazione dell’economista Herb Stein, “ciò che non può continuare … non lo farà. . non continuerà”.
  • L’ex avversario di Biden nel 2020 per la nomination democratica Andrew Yang ha scritto nel suo blog di aver “sbagliato” a credere che il team del presidente potesse prepararlo per il dibattito, descrivendo Biden come “vecchio e scostante” quando l’ha visto a febbraio, e scrivendo che sta “conducendo una corsa non vincente”, oltre “a fare un torto al Paese” per continuare la sua candidatura.
  • A meno di 30 minuti dal dibattito, Cenk Uygur, il conduttore e fondatore del podcast politico di sinistra The Young Turks, che quest’anno si è anche candidato alla nomination democratica, ha twittato che lo show ha “iniziato a parlare di chi dovrebbe sostituire Biden. Perché a questo punto è ovvio che deve succedere”.

Il discorso di Biden dopo il dibattito

Biden, apparso molto più energico rispetto alla sera precedente, si è difeso in un discorso tenuto venerdì a Raleigh, nella Carolina del Nord, in cui ha riconosciuto alla folla che “non cammino più facilmente come una volta, non parlo più con la stessa scioltezza di una volta, non discuto più bene come una volta”.

In contrasto con Trump, ha continuato: “So cosa so fare, so come dire la verità”. Subito dopo il dibattito, il presidente ha dichiarato ai giornalisti di avere un mal di gola, una scusa apparente per la sua voce rauca. Finora nessun democratico eletto (a parte lo sfidante di Biden alle primarie, il deputato Dean Phillips, D-Minn.) ha chiesto al presidente di farsi da parte nella corsa, e molti lo hanno pubblicamente difeso dopo la performance di giovedì.

La vicepresidente Kamala Harris ha detto a una folla a Las Vegas: “Crediamo nel nostro presidente Joe Biden. Questa corsa non sarà decisa da una notte di giugno”. Anche l’ex presidente Barack Obama ha twittato: “Le brutte serate di dibattito capitano. Fidatevi, lo so”.

Sullo sfondo

Il dibattito di giovedì era considerato la serata più importante del ciclo della campagna elettorale 2024 – e un’opportunità per Biden di rassicurare gli elettori preoccupati che sia troppo vecchio per candidarsi alla presidenza. Il presidente è stato visto perdere il filo del discorso dopo pochi minuti dall’inizio del dibattito, parlando a volte così piano che era difficile capire cosa stesse dicendo, dando risposte disarticolate e spesso rimanendo con uno sguardo vuoto sul viso, con la bocca aperta, mentre Trump continuava a parlare.

Le recensioni negative, anche da parte di alcuni dei più feroci critici di Trump, si sono riversate sui social media e, alla fine del dibattito, i democratici avrebbero discusso privatamente della possibilità di sostituirlo nella lista, come riportato da diversi organi di stampa.

A margine

Non esiste un meccanismo formale per sostituire Biden come candidato se non si fa da parte volontariamente. Ha conquistato quasi 3.900 dei 4.000 delegati disponibili alle primarie, che sono tenuti (ma non legalmente) a votare per nominarlo formalmente alla convention democratica di agosto.

In uno scenario senza precedenti e altamente improbabile, i delegati potrebbero rifiutare Biden e votare per scegliere un altro candidato. Oppure il presidente potrebbe ritirarsi dalla corsa prima della convention, dando ai suoi delegati l’opportunità di votare per un altro candidato. Se dovesse ritirarsi dopo la convention di agosto, le regole del partito prevedono che i circa 500 membri del Comitato nazionale democratico possano convocare una riunione speciale per scegliere un nuovo candidato a maggioranza.

Harris sarebbe la scelta più ovvia per un sostituto, ma Whitmer e il governatore della California Gavin Newsom sono altri nomi indicati da opinionisti e stampa. Entrambi lo hanno difeso pubblicamente dopo il dibattito di giovedì.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .