Trasformare il tempo che gli utenti passano a videogiocare con lo smartphone in donazioni benefiche è stata l’intuizione di Gamindo. la piattaforma, fondata da due trevigiani, Nicolò Santin e Matteo Albrizio, unisce tecnologia e sociale: “non escludiamo in futuro di lavorare anche con la realtà aumentata e virtuale”.

Share