Seguici su
Best Italia 12 marzo, 2019 @ 2:26

I 100 protagonisti italiani della consulenza

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi

Classifica

Accenture
Milano, Roma, Torino
Fabio Benasso

Allen Overy
Milano e Roma
Stefano Sennhauser

Alvarez & Marsal
Milano
Adriano Bianchi e Alberto Franzone

Andersen Tax & Legal
Milano, Brescia, Roma, Venezia
Andrea De Vecchi

Antonini
Trieste
Alfredo Antonini

Ashurst
Milano
Carloandrea Meacci

Bana
Milano
Giovanni Bana

Bain & Company
Milano
Roberto Prioreschi

Baker & Mckenzie
Milano e Roma
De Martinis, M. Biolchini, F. Pisciotta

Bernoni Grant Thornton
Milano, Roma, Torino, Trento e altre
Giuseppe Bernoni

Bird & Bird
Milano e Roma
Galimberti e R. Maggiore

Biscozzi Nobili
Milano
Nobili, L. Garavaglia e M. A. Lanza

Bdo
Milano, Roma, Napoli, Torino e altre
Simone Del Bianco

Bonelli Erede
Milano, Roma, Genova
Sergio Erede, Aurelio Pappalardo

Boston Consulting
Milano e Roma
Giuseppe Falco

Cafiero Pezzali Associati
Roma, Firenze e Milano
Paola Pezzali e Ciro Cafiero

Carnelutti
Roma, Milano, Napoli
Luca Arnaboldi

Castaldi Partners
Milano
Enrico Castaldi

Cba
Milano, Roma, Padova
Angelo Rocco Bonissoni

Chilosi Martelli
Milano, Bologna e Roma
Mara Chilosi e Andrea Martelli

Chiomenti
Roma e Milano
Filippo Modulo

Cleary Gottlieb
Roma e Milano
nd

Clifford Chance
Milano e Roma
Giuseppe De Palma

Cms
Milano e Roma
Giuseppe Ascoli

Curtis
Milano e Roma
Galileo Pozzoli

De Berti Jacchia Franchini Forlani
Milano e Roma
Roberto Jacchia

Delfino e Associati
Milano
Maurizio Delfino

Deloitte
Milano, Roma, Torino, Napoli e altre
Enrico Ciai

Dentons
Milano e Roma
Federico Sutti

Di Tanno e Associati
Milano
Tommaso Di Tanno

Dla Piper
Milano e Roma
Olaf Schmidt

Dwf
Milano
Michele Cicchetti

Eversheds Sutherland
Milano e Roma
Giuseppe Celli

EY
Milano, Roma, Torino, Napoli e altre
Donato Iacovone

Freshfields Bruckhaus Deringer
Milano
Nicola Asti

Gattai Minoli Agostinelli
Milano e Roma
Bruno Gattai

Gatti Pavesi Bianchi
Milano e Roma
Stefano Valerio

Gf legal
Milano e Roma
Cristina Gandolfi e Mario Fusani

Gianni Origoni Partners
Milano, Torino, Roma, Bologna e altre
Antonio Auricchio e Rosario Zaccà

Giliberti Triscornia
Milano
Enrico Giliberti e Alessandro Triscornia

Gitti & Partners
Milano e Brescia
Gregorio Gitti

Grande Stevens
Torino, Milano, Roma
Franzo Grande Stevens

Grimaldi studio legale
Milano, Roma e Bari
Francesco Sciaudone

Hogan Lovells
Milano e Roma
Luca Picone

Herbert Smith Freehills
Milano
Laura Orlando

Interbrand
Milano
Lidi Grimaldi

Jones Day
Milano
Marco Lombardi

K&L Gates
Milano
Giampaolo Salsi

King & Wood Mallesons 
Milano
Davide Proverbio

Kon
Milano, Firenze
Francesco Ferragina

Korn Ferry
Milano
Maurizia Villa

Kpmg
Milano (e altre 25 città italiane)
Domenico Fumagalli

La Scala
Milano, Roma, Torino, Bologna, Firenze
Christian Faggella

Lablaw
Milano
Francesco Rotondi

Latham & Watkins
Milano e RomaAntonio Coletti

Lawlinguists
Milano
Riccardo Massari, Raffaele Sena

Lca studio legale
Milano, Genova, Treviso
Giovanni Lega

Legalitax
Roma, Padova, Milano, Verona
nd

Legance
Milano e Roma
Alberto Maggi

Lexant
Milano
Andrea Davide Arnaldi e Anna Caimmi

Linklaters
Milano e Roma
Andrea Arosio

Lombardi Segni
Milano e Roma
Giuseppe Lombardi

LS LexJus Sinacta
Milano, Roma, Firenze, Torino e altre
Gianluigi Serafini

Ludovici & Partners
Milano
Paolo Ludovici

Macchi di Cellere Gangemi
Roma, Milano, Bologna, Verona e altre
Claudio Visco

Maisto e Associati
Milano e Roma
Guglielmo Maisto

McKinsey & Company
Milano e Roma
Massimo Giordano

Morbidelli Bruni Righi Traina
Firenze e Roma
Giuseppe Morbidelli

Mpo & Partners
Milano, Roma, Napoli, Modena e altre
Corrado Mandirola

Nctm
Milano
Paolo Montironi

Negri Clementi
Milano
Annapaola Negri-Clementi

Norton Rose Fulbright
Milano
Attilio Pavone

Orrick
Milano e Roma
Guido Testa e Patrizio Messina

Osborne Clarke
Milano
Ray Berg – In Italia Riccardo Roversi

Parva Consulting
Milano
Alessandro Viviani

Pavia e Ansaldo
Milano e Roma
Stefano Bianchi

Pedersoli studio legale
Milano, Torino, Roma
Carlo Pedersoli

Pepe e Associati
Milano
Francesco Ferrara

Pirola Pennuto Zei
Milano, Roma, Napoli, Padova
Massimo Di Terlizzi

Porsche Consulting
Milano
Josef Nierling

Protiviti
Milano, Roma, Torino
Alberto Carnevale

PWC
Milano
Ezio Bassi

R&P Legal
Torino, Milano, Roma, Aosta, Bergamo
Claudio Elestici

Roedl & Partner
Bolzano, Milano, Padova, Roma
Stefan Brandes

Russo De Rosa
Milano
Alberto Russo e Leo De Rosa

Simmons & Simmons
Milano
Andrea Accornero

Strategic tax advisors
Milano
Fabio Ciani

Studio legale Corte
Milano
Andrea Corte

Studio Tributario Tognolo
Milano
Paolo Tognolo

Sutti
Milano, Roma, Genova, Bergamo e altre
Simona Cazzaniga e Stefano Sutti

Toffoletto De Luca Tamajo
Milano, Roma, Napoli, Brescia e altre
Franco Toffoletto

Tonucci & Partners
Milano, Roma, Padova, Napoli e altre
Mario Tonucci

Tosetto Weigmann
Torino e Milano
Marco Weigmann

Tremonti Vitali Romagnoli Piccardi
Milano e Roma
Tremonti, D. Romagnoli e L. Piccardi

Trevisan & Cuonzo
Milano, Roma, Parma e Bari
Luca Trevisan e Gabriel Cuonzo

Trifirò & Partners
Milano, Roma, Torino, Bergamo e altre
Salvatore Trifirò e Paola Siniramed Trifirò

Ughi e Nunziante
Roma e Milano
Roberto Leccese

White & Case
Milano
Michael Immordino

Withers LLP
Milano e Padova
Roberta Crivellaro

Zunarelli
Roma, Milano, Bologna, Triestre e altre
Stefano Zunarelli

Vedi classifica

Sono partner di grandi aziende, ma assistono anche famiglie e piccole imprese, impegnate in delicati passaggi generazionali o in operazioni di finanza straordinaria. Supportano i manager nello sviluppo di nuove strategie, li aiutano a ridisegnare il modello di business e a trovare nuove opportunità di crescita, sui mercati domestici e internazionali. Forbes Italia ha selezionato 100 società – studi legali e tributari, grandi e piccole aziende di consulenza direzionale – che si sono distinte negli ultimi 12 mesi per l’approccio innovativo alla professione e la capacità di consolidare e sviluppare la propria presenza nel mercato domestico. In queste pagine trovare un elenco, senza pretese di esaustività, rigorosamente in ordine alfabetico. Per ogni società è indicato il quartier generale o le sedi più rilevanti, il principale settore di attività e una figura di riferimento all’interno dello studio professionale o dell’azienda: fondatore, managing partner o amministratore delegato.

Articoli correlati

Business 13 marzo, 2019 @ 8:44

I 10 lavori meglio pagati in Italia per i neolaureati

di Daniela Uva

Staff

Scrivo di successo, imprenditori, storie italiane.Leggi di più dell'autore
Giornalista professionista. Oltre a numerose collaborazioni, ha lavorato come redattore ordinario per Il Giornale, La Gazzetta dello Sport e Studio Aperto. Si è sempre occupata di cronaca, lifestyle e inchieste. È laureata in Scienze politiche e ha frequentato l'Istituto per la formazione al giornalismo Carlo De Martino di Milano. chiudi
donna davanti a un pc
(GettyImages)

 

Ci sono mestieri, in Italia, che anche ai neo laureati garantiscono livelli retributivi alti. Non solo nel lungo periodo, ma anche dopo il primo mese di assunzione. Il più “ricco”, in assoluto, è l’analista M&A. Seguito dall’analista real estate e dal tecnico commerciale. Anche in un quadro generale negativo, caratterizzato da alti livelli di disoccupazione e da salari al limite dello sfruttamento, questi lavori permettono ai giovani di guadagnare immediatamente cifre considerevoli. Con la prospettiva di vederle crescere nell’arco di quattro o cinque anni. A provarlo è una nuova ricerca condotta da PageGroup, gruppo di recruiting specializzato in indagini retributive. “Ci sono ruoli che nel corso di pochi anni possono arrivare a raddoppiare, se non triplicare il proprio stipendio. Sono soprattutto quei profili emergenti, e fortemente specializzati, per i quali vi è una sostanziale carenza sul mercato, non solo italiano ma anche internazionale. Si tratta per lo più di ruoli ingegneristici all’interno di stabilimenti produttivi o ruoli ad alta specializzazione It come lo scrum master, che si occupa di fluidificare i processi business integrandoli alla tecnologia” spiega Francesca Caricchia, executive director di PageGroup. “Se potessi dare un consiglio ai giovani sul percorso accademico da seguire, le facoltà ingegneristiche, di scienze statistiche, informatica ed economia offrono sicuramente maggiori opportunità professionali una volta terminato il percorso di studi – conclude -. Ovviamente la passione per la materia, e l’attitudine devono continuare a giocare un ruolo fondamentale nella scelta dei giovani, senza le quali diviene impossibile un iter di successo”. Ecco allora la classifica dei dieci lavori che offrono maggiori garanzie retributive ai neo laureati.

1 – Analista M&A. Gli analisti esperti di fusioni e acquisizioni mediamente percepiscono, fin dal primo mese di lavoro, uno stipendio compreso fra 35 e 45mila euro lordi l’anno. Dopo un periodo compreso fra quattro e cinque anni la cifra cresce fino a raggiungere i 70-90mila euro annui lordi. Questa figura opera normalmente nelle banche d’affari e gestisce operazioni di finanza straordinaria che portano alla fusione di due o più società, o all’acquisizione di un’impresa da parte di un’altra realtà. L’analista gioca quindi un ruolo strategico, fornendo la propria valutazione in merito a queste attività.

2 – Analista Real Estate. Questa figura elabora analisi finalizzate alla definizione dei migliori scenari di valorizzazione immobiliare. Inoltre implementa i business plan esaminandone i risultati in termini di rendimento, ritorno economico e rischiosità. La retribuzione per i neo laureati si aggira fra 35 e 40mila euro lordi l’anno. Lo stipendio, dopo quattro o cinque anni, può raggiungere i 50-60mila euro lordi annui.

3 – Tecnico commerciale. Questo professionista è incaricato di vendere una serie di prodotti e servizi aziendali a governi e stabilimenti commerciali e industriali a livello nazionale e internazionale. Normalmente lavora come dipendente di aziende di grandi dimensioni in diversi settori, che utilizzano reti commerciali di distribuzione per promuovere i propri prodotti. Il suo stipendio di ingresso oscilla fra 32 e 38mila euro lordi l’anno. Dopo cinque anni puà arrivare a 50-55mila euro, ai quali si somma la disponibilità dell’auto aziendale.

4 – R&D Engineer. Questa figura emergente nel campo dell’ingegneria contribuisce con le proprie idee a identificare, proporre e implementare soluzioni e sviluppo di tecnologie innovative. Opera nel campo della ricerca e sviluppo e, nell’ambito della propria impresa, è incaricato di creare nuovi processi di produzione. O di migliorare quelli già esistenti. Lo stipendio, per i neo laureati, si aggira fra 30 e 35mila euro lordi l’anno. Dopo cinque anni lievita fino a 55-70mila euro.

5 – Manufacturing Engineer. Questa figura ha il compito di progettare e gestire i sistemi di produzione diun bene. Il suo obiettivo è scegliere le migliori tecnologie e i processi più efficienti. Ma anche di pianificare e progettare lo stabilimento destinato alla produzione. Il suo stipendio di ingresso oscilla fra 30 e 32mila euro lordi l’anno, che crescono fino a 40-50mila euro dopo un periodo compreso fra quattro e cinque anni.

6 – Data scientist. Il compito di questa figura professionale è organizzare e analizzare grandi quantità di dati, spesso utilizzando software progettati ad hoc. Per poter operare deve disporre di sufficienti competenze in ambito business per tradurre gli obiettivi aziendali in consegne basate su dati, come per esempio motori di previsione e algoritmi di ottimizzazione. Lo stipendio di un neo laureato si aggira su 28-35mila euro lordi l’anno, che possono arrivare fino a 55-65mila euro dopo cinque anni.

7 – Application engineer. Questa figura opera come una sorta di collegamento fra clienti e team di ingegneri. Il loro compito è utilizzare tutte le informazioni in loro possesso per disegnare, o rivedere, sviluppare, testare e implementare programmi e applicazioni di software complessi. Il loro stipendio iniziale oscilla fra 28 e 32mila euro lordi l’anno. Dopo cinque anni può raggiungere 45-55mila euro, più l’auto aziendale.

8 – Project engineer. Questa figura è responsabile di tutti gli aspetti tecnici di un determinato progetto. Si tratta di un ingegnere capace di offrire assistenza sul campo, di gestire le prime linee impegnate nel progetto e di offrire soluzioni innovative. Ai neo laureati viene normalmente offerto uno stipendio che oscilla fra 28 e 32mila euro. Dopo cinque anni può arrivare a 40-50mila euro lordi.

9 – Attuario. Questa figura si occupa di determinare l’andamento futuro di variabili demografiche ed economico-finanziarie, disegnando quale sarà la realtà nel breve, medio e lungo periodo. Svolge diverse attività come per esempio la costruzione e la valutazione di prodotti finanziari, assicurativi e previdenziali, l’elaborazione di analisi statistiche e la gestione dei dati. Lo stipendio iniziale si aggira fra 28 e 30mila euro lordi l’anno, che possono lievitare fino a 45-50mila euro dopo quattro o cinque anni.

10 – Web developer. Questa figura è preposta alo sviluppo di applicazioni web, come per esempio il codice sorgnete di programmazione. Il professionista si occupa quindi principalmente dell’assemblaggio, della struttura e delle automazioni di un sito. Lo stipendio per un neo laureato oscilla fra 28 e 30mila euro lordi l’anno. Dopo cinque anni può raggiungere 44-47mila euro.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!