Seguici su
Best Italia 27 marzo, 2018 @ 10:43

Le 100 donne italiane vincenti

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi

Classifica


1. Eleonora Abbagnato

Étoile dell’Opéra di Parigi

2. Albiera Antinori

Presidente, Marchesi Antinori

3. Luisa Arienti

ceo, Sap Italia

4. Roberta Armani

Manager, Armani

5. Bianca Balti

Modella

6. Ornella Barra

Vice presidente, Walgreens Boots Alliance

7. Francesca Bellettini

Presidente e ceo, Yves Saint Laurent

8. Sabina Belli

Ceo, Pomellato

9. Monica Bellucci

Attrice

10. Marina Berlusconi

Presidente, Arnoldo Mondadori Ed.

11. Annamaria Bernardini De Pace

Avvocato

12. Lavinia Biagiotti

Stilista

13. Daria Bignardi

Conduttrice televisiva

14. Cristina Bombassei

Executive director, Brembo

15. Sonia Bonfiglioli

Presidente, Bonfiglioli

16. Paola Bonomo

Manager, Axa Assicurazioni

17. Diana Bracco

Presidente e ceo, Bracco

18. Laura Burdese

General Manager Profumi e Cosmetici, Lvmh Italia

19. Cristina Calori

Presidente e ceo, W.P. Lavori in Corso

20. Azzurra Caltagirone

Vice presidente, gruppo Caltagirone

21. Silvia Candiani

Ceo, Microsoft Italia

22. Milena Canonero

Costumista

23. Marina Caprotti

Vice presidente, Esselunga

24. Elena Cattaneo

Biologa

25. Maria Grazia Chiuri

Creative director, Christian Dior

26. Simona Clemenza

ceo, Krizia

27. Chiara Cocchiara

Ingegnere aerospaziale

28. Cristina Comencini

Regista

29. Giulia Maria Crespi

Imprenditrice

30. Samantha Cristoforetti

Astraonauta

31. Roberta Crivellaro

Managing partner, Withers Italia

32. Elena David

ceo, Valtur

33. Maria De Filippi

Conduttrice e autrice televisiva

34. Barbara De Muro

Fondatrice, Asla Women

35. Francesca Di Carrobio

Ceo, Hermès Italia

36. Elisa Di Francisca

Schermitrice

37. Sara Doris

Presidente esecutivo, Fondazione Mediolanum Onlus

38. Renata Duretti

HR country manager, Ikea Italia

39. Amalia Ercoli-Finzi

Ingegnere aerospaziale

40. Veronica Etro
Stilista

41. Elisabetta Fabri
Presidente e ceo, Starhotel

42. Chiara Ferragni
Imprenditrice digitale

43. Alberta Ferretti
Stilista

44. Chiara Fiorentino
Ceo, gruppo Pisa

45. Giovanna Furlanetto
Presidente, Furla

46. Milena Gabanelli
Giornalista

47. Laura Gervasoni
Direttore generale, Patek Philippe Italia

48. Sofia Goggia
Sciatrice

49. Alessandra Gritti
Ceo, Tamburi Investment Parnters

50. Lilli Gruber
Giornalista

51. Monica Guerritore

Attrice

52. Carolina Kostner

Pattinatrice su ghiaccio

53. Cecilia Laschi

Scienziata ed esperta di Biorobotica

54. Manuela Lavezzari

Marketing director Emea, Lenovo

55. Federica Lucisano

Producer cinematografica

56. Camilla Lunelli

Communication director, Ferrari Group

57. Antonella Mansi
Vice presidente, Confindustria

58. Dacia Maraini

Scrittrice e poetessa

59. Emma Marcegaglia

Ceo, Marcegaglia Holding

60. Andrea Marcolongo

Scrittrice

61. Silvia Massarelli

Direttrice d’orchestra

62. Margaret Mazzantini

Scrittrice

63. Nives Meroi

Alpinista

64. Barbara Minotti

Communication manager • Facebook Italia

65. Angela Missoni

Stilista

66. Anna Molinari

Stilista, Bluemarine

67. Monica Mondardini

Ceo, Cir

68. Chiara Montanari

Ingegnere

69. Elena Motta

Direttore generale, Directa Sim

70. Fiorenza Mursia

Presidente, Ugo Mursia Editore

71. Cristina Nonino

Ceo, Nonino

72. Simona Panseri

Communication director Sud Europa, Google

73. Giuliana Paoletti

Fondatrice • Image Building

74. Claudia Parzani

Presidente, Allianz Italia

75. Francesca Patellani

Human Capital & Diversity Lead, Accenture

76. Laura Pausini

Cantante

77. Federica Pellegrini

Nuotatrice

78. Melissa Peretti
Country Manager, American Express Italia

79. Valeria Piccini

Chef

80. Mimma Posca

Ceo, Vranken Pommery Monopole Italia

81. Monica Alessandra Possa

Group Chief HR & Organization Officer, Generali Assicurazioni

82. Ilaria Potito

Head of TIM #WCAP Accelerator, Telecom Italia

83. Lucrezia Reichlin

Economista

84. Eva Riccobono

Modella

85. Tatiana Rizzante

Ceo • Reply

86. Jessica Rossi

Tiratrice a volo

87. Gabriella Scarpa

Presidente, Lvmh Italia

88. Fabiana Scavolini

Ceo, Scavolini

89. Isabella Seragnoli

Presidente, Coesia

90. Monica Silvestrin

Creative director, Nau!

91. Manuela Soffientini

General Manager Cluster Italia, Electrolux

92. Marinella Soldi

Cso Emea, Discovery

93. Susanna Tamaro

Scrittrice

94. Gaia Trussardi

Creative director, Trussardi

95. Sarah Varetto

Direttrice, Sky TG24

96. Silvia Venturini Fendi

Creative director, Fendi

97. Donatella Versace
Stilista

98. Silvia Vianello

Marketing director • Maserati

99. Nicoletta Zampillo

Manager, Luxottica

100. Cristina Ziliani
Communication manager, Berlucchi

Vedi classifica

Nella lista rigorosamente in ordine alfabetico delle 100 donne italiane vincenti – pubblicata nel 2018 su Forbes Italia – ci sono sportive, manager, economiste, scienziate, stiliste, ma non solo. Con un dato su tutti a rappresentare il gentil sesso: se le donne raggiungessero la piena parità in termini di partecipazione alla forza lavoro in ruoli dirigenziali, il pil globale in 10 anni aumenterebbe di ben 28mila miliardi di dollari (+26%).

Articoli correlati

Classifiche 8 marzo, 2019 @ 7:59

10 donne per cui è festa tutti i giorni: sono loro le più ricche del mondo

di Daniel Settembre

Staff writer, Forbes.it

Mi occupo dei ranking e del progetto Under 30.Leggi di più dell'autore
Giornalista di Blue Financial Communication, dove cura contenuti per i prodotti editoriali del gruppo Bluerating, Private e Forbes Italia. Con un passato alla redazione televisiva di Class CNBC, è cresciuto professionalmente scrivendo di finanza, asset management, fintech e consulenza finanziaria. Appassionato di cinema, noiosi romanzi classici e videogames, è anche consulente editoriale. chiudi
Francoise Bettencourt-Meyers insieme alla mamma Liliane Bettencourt scomparsa nel 2017.(Photo by Pascal Le Segretain/Getty Images)

Non ci sono buone notizie per le donne nell’ultima classifica Forbes Billionaires. Il gentil sesso è infatti in netta minoranza, con solo 243 donne (una in più rispetto allo scorso anno) che nel 2019 hanno raggiunto il titolo di miliardarie, su un totale di 2.153 miliardari nel mondo. Da sole le 10 donne più ricche del mondo hanno un patrimonio combinato di 240,5 miliardi.

Al primo posto c’è la nipote del fondatore di L’Oreal, Francoise Bettencourt Meyers, con un patrimonio stimato di 49,2 miliardi. La fortuna di Bettencourt Meyers, che possiede il 33% della società, è aumentata di 7,1 miliardi, pari al 17% rispetto all’anno scorso grazie ai risultati stellari de L’Oreal, che nel 2018 ha registrato la sua migliore crescita delle vendite nell’ultimo decennio.

Alice Walton, figlia del fondatore di Walmart Sam Walton. (Rick T. Wilking/Getty Images)

Sua mamma Liliane Bettencourt, figlia del fondatore di L’Oreal, è stata la donna più ricca per la maggior parte dei primi 14 anni in cui Forbes ha pubblicato la lista dei miliardari. Negli anni successivi al 2001, è stata sorpassata per alcuni anni da Alice Walton, la figlia di Sam Walton, e dalla vedova di Sam, Helen Walton.

Alice quest’anno è al secondo posto, con un patrimonio di 44,4 miliardi (17° nel ranking generale delle persone più ricche del mondo). Al terzo posto invece Jacqueline Mars (23,9 miliardi), che possiede circa un terzo di Mars, il più grande produttore di dolci al mondo, fondato dal nonno di Jacqueline, Frank, nel 1911.

Susanne Klatten ha un patrimonio stimato di $ 21 miliardi. (Hannes Magerstaedt/Getty Images)

In quarta posizione c’è la donna più ricca d’Asia, Yang Huiyan (22,1 miliardi), che detiene il 57% della società immobiliare Country Garden Holdings, trasferita in gran parte da suo padre Yeung Kwok Keung nel 2007. Con 21 miliardi di patrimonio segue Susanne Klatten che detiene il 19,2% della casa automobilistica BMW, mentre suo fratello, Stefan Quandt, ne possiede il 23,7%. La loro defunta madre, Johanna, era la terza moglie del leggendario industriale Herbert Quandt, che ha portato la BMW come leader nel mercato automotive di lusso. Klatten possiede anche alcune partecipazioni nella società di produzione di energia eolica Nordex AG e nel produttore di carbonio e grafite SGL Group.

LEGGI ANCHE: Questi 8 ragazzi sotto i 30 anni sono già miliardari. Ecco le loro storie

In sesta posizione c’è la signora Lauren Powell Jobs (18,6 miliardi), la cui fortuna è in gran parte dovuta all’eredità delle partecipazioni azionarie di Apple del defunto marito Steve Jobs. Al settimo posto Abigail Johnson (15,6 miliardi), ceo dal 2014 di Fidelity Investments, società di investimento fondata dal nonno Edward Johnson II. Abigail detiene una quota stimata del 24,5% della società, che ha quasi 2.500 miliardi di attività gestite. Nell’ultimo anno Johnson si è avvicinata al settore delle criptovalute e Fidelity ha lanciato una piattaforma che consente agli investitori istituzionali di scambiare bitcoin e ether.

Gina Rinehart ha un patrimonio di $ 15,2 miliardi. (Scott Barbour/Getty Images)

Iris Fontbona (15,4 miliardi), ottava posizione, è la vedova di Andrónico Luksic, che ha costruito una fortuna nel settore minerario e delle bevande prima di morire di cancro nel 2005. Luksic ha lasciato i suoi affari a Fontbona e ai loro tre figli: Jean-Paul, Andronico e Guillermo Luksic (che morì di cancro ai polmoni nel 2013 all’età di 57 anni), che ora possiedono una partecipazione di maggioranza in Quiñenco, un conglomerato cileno quotato in borsa attivo nel settore bancario, della birra e manifatturiero.

Chiudono la top ten Gina Rinehart (15,2 miliardi), la persona più ricca d’Australia, figlia dell’ormai scomparso magnate dell’industria del ferro Lang Hancock; e Kwong Siu-hing (15,1 miliardi), la vedova del co-fondatore della Sun Hung Kai Properties, Kwok Tak-seng, morto nel 1990. Kwong Siu-hing rimane il maggiore azionista della società con una quota del 26,58%.

Vuoi ricevere la newsletter di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla newsletter!

Classifiche 5 dicembre, 2018 @ 2:37

Le 100 donne più potenti del mondo nel 2018

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi
POTSDAM, GERMANY – NOVEMBER 14: German Chancellor Angela Merkel (Sean Gallup/Getty Images)


1. Angela Merkel

Cancelliera
Germania

2. Theresa May
Primo ministro
Uk

3. Christine Lagarde
Direttrice, Fondo monetario internazionale
Francia

4. Mary Barra
Ceo, General Motors
Usa

5. Abigail Johnson
Ceo, Fidelity Investments
Usa

6. Melinda Gates
Co-presidente, Bill & Melinda Gates Foundation
Usa

7. Susan Wojcicki
Ceo, YouTube
Usa

8. Ana Patricia Botìn
Presidente, Banco Santander
Spagna

9. Marillyn Hewson
Ceo, Lockheed Martin
Usa

10. Ginni Rometty
Ceo, IBM
Usa

11. Sheryl Sandberg
Coo, Facebook
Usa

12. Gail Boudreaux
Presidente e ceo, Anthem
Usa

13. Angela Ahrendts
Vice presidente retail, Apple
Usa

14. Safra Catz
Co-ceo, Oracle
Usa

15. Isabelle Kocher
Ceo, Engie
Francia

16. Adena Friedman
Ceo, Nasdaq
Usa

17. Ho Ching
Ceo, Temasek
Singapore

18. Emma Walmsley
ceo, GlaxoSmithKline
UK

19. Ruth Bader Ginsburg, Elena Kagan, Sonia Sotomayor
Giudici della Corte suprema
Usa

2o. Oprah Winfrey
Magnate dei media
Usa

21. Ruth Porat
Svp and cfo, Alphabet
Usa

22. Laurene Powell Jobs 
Fondatrice e presidente, Emerson Collective
Usa

23. Elisabetta II
Regina
Uk

24. Ivanka Trump
Consigliere del presidente, Casa Bianca
Usa

25. Phebe Novakovic
ceo, General Dynamics
Usa

26. Sheikh Hasina Wajed
Primo Ministro
Bangladesh

27. Stacey Cunningham
Presidente, NYSE Group
Usa

28. Amy Hood
Cfo, Microsoft
Usa

29. Jacinda Ardern
Primo ministro
Nuova Zelanda

30. Gina Rinehart
Executive Chairman, Hancock Prospecting
Australia

31. Shari Redstone
Presidente, National Amusements
Usa

32. Carrie Lam
Capo esecutivo
Hong Kong

33. Mary Callahan Erdoes
Ceo, JPMorgan AM
Usa

34. Rosalind Brewer
Coo, Starbucks
Usa

35. Erna Solberg
Primo ministro
Norvegia

36. Bonnie Hammer
Presidente, NBCUniversal Cable Entertainment
Usa

37. Lisa Davis
Presidente e Ceo, Siemens Usa
Usa

37. Marianne Lake
Cfo, JPMorgan Chase
Uk

38. Mingzhu Dong
Presidente, Gree Electric Appliances
Cina

39. Tsai Ing-Wen
Presidente
Taiwan

40. Tsai Ing-wen

Presidente
Taiwan

41. Donna Langley
Presidente, Universal Pictures
Uk

42. Anne Finucane
Vice Presidente, Bank of America
Usa

43. Gillian Tans
Ceo, Booking.com
Olanda

44. Thi Phuong Thao Nguyen
Co-fondatrice, Sovico Holdings
Vietnam

43. Nicola Sturgeon
Primo ministro, Scozia
Uk

44. Jean Liu
Presidente, Didi Chuxing
Cina

47. Kolinda Grabar-Kitarovic
Presidente,
Croazia

48. Anna Wintour
Direttrice artistica, Condé Nast
Usa

49. Elvira Nabiullina
Governatore, Banca Centrale della Russia
Russia

50. Beyoncé Knowles
Cantante
Usa

51. Roshni Nadar Malhotra
Ceo, HCL Technologies
India

52. Dana Walden
Ceo, Fox Television Group
Usa

53. Priscilla Chan
Co-fondatrice, Chan Zuckerberg Initiative
Usa

54. Tricia Griffith
Presidente and ceo, Progressive Insurance Company Ltd.31.
Usa

55. Jennifer Morgan
Presidente, Americas and Asia Pacific Japan, SAP SE
Usa

56. Wang Feng Ying
Ceo, Great Wall Motor Co.
Cina

57. Maggie Wei Wu
Cfo, Alibaba Group
Cina

58. Lubna S. Olayan
Ceo e vice presidente, Olayan Financing Company
Arabia Saudita

59. Gwynne Shotwell
Presidente e COO, SpaceX
Usa

60. Kiran Mazumdar-Shaw
Founder and Chair, Biocon Ltd.
India

61. Melanie Kreis
Cfo, Deutsche Post
Germania

62. Zhou Qunfei
Fondatore e ceo, Lens Technology
Hong Kong

63. Dalia Grybauskaite
Presidente
Lituania

64. Güler Sabanci
Presidente e Managing Director, Sabanci Holding
Turchia

65. Peng Liyuan
First Lady
Cina

66. Katharine Viner
Direttrice, Guardian
Uk

67. Federica Mogherini
Alto rappresentante dell’Ue per la politica estera e la sicurezza
Italia

68. Taylor Swift
Cantante
Usa

69. Belinda Johnson
COO, AirBnB
Usa

7o. Zanny Minton Beddoes
Direttrice, The Economist
Uk


71. Kathleen Kennedy
Presidente, Lucasfilm
Usa

72. Lynn Good
Ceo, Duke Energy
Usa

73. Solina Chau
Direttore, Li Ka Shing Foundation
Hong Kong

74. Shonda Rhimes
Producer, sceneggiatrice, autrice, Shondaland
Usa

75. Judy Faulkner
Fondatrice, Epic Systems
Usa

76. Kersti Kaljulaid
Presidente
Estonia

77. Arianna Huffington
Fondatrice, Huffington Post
Usa

78. Sri Mulyani Indrawati
Ministro delle Finanze
Indonesia

79. Serena Williams
Tennista
Usa

80. Meg Whitman
Ceo, Quibi
Usa

81. Denise Coates
co-CEO, Bet365
UK

82. Raja Easa Al Gurg
Managing director, Easa Saleh Al Gurg Group
Emirati Arabi

83. Eliza Manningham-Buller
Presidente, Wellcome Trust
UK

84. Wai Ying Lam
Presidente, Biel Crystal
Hong Kong

85. Michelle Bachelet
Alto commissario dei Diritti Umani, Nazioni Unite
Cile

86. Lee Boo-jin
Presidente e ceo, Hotel Shilla
Corea del Sud

87. Jenny Lee
Managing Partner, GGV Capital
Singapore

88. Shobhana Bhartia
Presidente e Managing Director, HT Media
India

89. Kirsten Green
Fondatrice, Forerunner Ventures
Usa

90. Geisha Williams
Ceo, PG&E
Usa

91. Ana Brnabic
Primo Ministro
Serbia

92. Anne Wojcicki
Co-fondatrice e ceo, 23andMe
Usa

93. Aileen Lee
Founder and Partner, Cowboy Ventures
Usa

94. Priyanka Chopra
Attrice, Producer
India

95. Rania Nashar
ceo, Samba Financial Group
Arabia Saudita

96. Dominique Senequier
Fondatrice e presidente, Ardian
Francia

97. Sahle-Work Zewde
Presidente
Etiopia

98. Theresia Gouw
Founding Partner, Aspect Ventures
Usa

99. Margarita Louis-Dreyfus
Presidente, Louis Dreyfus SAS
Svizzera

100. Beth Brooke-Marciniak
Vice presidente globale, Public Policy, Ernst & Young
Usa

Chi comanda ? 15 anni fa, Forbes ha definito le caratteristiche di una “Power Woman”: potere economico, un’ampia sfera di influenza e un approccio dinamico. Nella classifica del 2018 delle donne più potenti di Forbes sono presenti i leader più forti e intelligenti del mondo al giorno d’oggi. Sono rappresentati 29 paesi, tra cui 4 nuovi Paesi (Paesi Bassi, Etiopia, Indonesia, Serbia). Ci sono 13 leader mondiali e un monarca, la regina Elisabetta (n. 26), che è anche la donna più anziana della lista. Il 20% della classifica è composto da new entry. Ci sono 13 fondatori, 26 ceo (cinque dei quali sono anche fondatori), cinque direttori finanziari e tre COO. Hanno un’influenza su oltre un miliardo di persone in tutto il mondo e controllano o influenzano quasi $ 2 trilioni di entrate.

Articoli correlati:

La classifica delle donne più potenti del mondo nel 2018 

Classifiche 12 luglio, 2018 @ 1:00

Da Kim Kardashian a Oprah: la classifica delle self-made women più ricche d’America

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi
Kim Kardashian è in 34° posizione nella classifica, con un patrimonio di 350 milioni di dollari.

di Luisa Kroll e Kerry A. Dolan, Forbes Staff

Il patrimonio netto combinato delle prime 60 donne self-made è salito al record di 71 miliardi di dollari, il 15% in più rispetto al 2017. Il patrimonio netto minimo per accedere alla quarta classifica annuale di Forbes delle migliori donne è salito del 23% a 320 milioni di dollari, il più alto da quando Forbes ha iniziato ad analizzare le donne imprenditrici nel 2015. Ventiquattro di esse sono miliardarie: un altro record rispetto alle 18 dell’anno scorso. Le donne nella classifica guadagnano il loro denaro in diversi settori, dalla moda, alla biotecnologia, fino al venture capital.

Kylie Jenner è in 27° posizione in classifica con un patrimonio netto di 900 milioni di dollari

Sette hanno debuttato per la prima volta nel ranking (e 6 di queste provengono dalla California), incluse 4 truccatrici esperte di Instagram. La più giovane in classifica è Kylie Jenner, che compie 21 anni ad agosto. Sorella per parte di madre di Kim Kardashian, anche lei nella lista per la prima volta, Jenner ha sfruttato il suo grande seguito sui social media (110 milioni di follower su Instagram) per costruire una fortuna da 900 milioni di dollari in meno di tre anni, diventando due volte più ricca della sorella più famosa.

Kylie Jenner, che compie 21 anni ad agosto, è la più giovane donna self-made a entrare in classifica Forbes.

Al numero uno della classifica c’è Diane Hendricks, una miliardaria del Wisconsin che possiede ABC Supply, uno dei più grandi distributori all’ingrosso di materiale per l’edilizia, rivestimenti e finestre in America. Mentre la stragrande maggioranza dei membri della lista proviene dalla California – 27 in tutto – le prime tre, tra cui la stessa Hendricks, Marian Ilitch di Little Caesarse e Judy Faulkner di Epic Software, vengono tutte dal Midwest.

Sette donne presenti nella lista dello scorso anno sono uscite dalla classifica. Tra le principali scomparse: Diane Von Furstenberg, la cui valutazione è crollata a causa delle inferiori stime di vendite, delle notizie di chiusure di negozi e dei segnali di rallentamento dell’attività. La co-fondatrice di Vera Bradley, Patricia Miller, nonostante un patrimonio valutato al di sopra di quello dello scorso anno, quest’anno non è riuscita a entrare in classifica dal momento che il patrimonio netto minimo è aumentato del 23%.

Classifiche 27 luglio, 2018 @ 1:18

Tre imprenditrici italiane tra le 100 tech influencer in Europa

di Daniel Settembre

Staff writer, Forbes.it

Mi occupo dei ranking e del progetto Under 30.Leggi di più dell'autore
Giornalista di Blue Financial Communication, dove cura contenuti per i prodotti editoriali del gruppo Bluerating, Private e Forbes Italia. Con un passato alla redazione televisiva di Class CNBC, è cresciuto professionalmente scrivendo di finanza, asset management, fintech e consulenza finanziaria. Appassionato di cinema, noiosi romanzi classici e videogames, è anche consulente editoriale. chiudi

Se le donne raggiungessero la piena parità in termini di partecipazione alla forza lavoro e presenza in ruoli dirigenziali, scrivevamo sulle pagine di Forbes Italia qualche mese fa, il Pil globale aumenterebbe di ben 28mila miliardi di dollari (+26%). Ma, scrive su Forbes.com Allyson Kapin, fondatrice di Women Who Tech – un’organizzazione no profit che riunisce e aiuta finanziariamente donne di talento che attraverso la tecnologia vogliono trasformare il mondo e ispirare il cambiamento – nonostante i team fondati o co-fondati da donne ottengano risultati significativamente migliori e generino più redditività rispetto a società gestite esclusivamente da uomini, la maggior parte degli investitori non investe in progetti guidati da donne o da persone di colore:

“Sfortunatamente, questo divario di genere negli investimenti non è solo un problema degli Stati Uniti, ma è un problema che attraversa i continenti. Ad esempio, fino a un paio di settimane fa, c’erano pochi dati sui finanziamenti pubblici per le startup guidate dalle donne in Europa. Dopo aver analizzato l’Index Data, è venuto fuori che solo il 12% del denaro degli investitori nell’UE va alle startup a guida femminile”.

Proprio per cercare di invertire questa tendenza (obiettivo che si prefigge anche la stessa Women Who Tech), Allyson Kapin propone un elenco di 100 startup fondate da donne che vale la pena di seguire in Europa. Della lista fanno parte anche tre italiane, accomunate oltre che da uno spiccato spirito imprenditoriale anche da una grande passione per la tecnologia.

Sara Colnago, ceo e fondatrice di Business Competence, co-fondatrice di Swascan e Dogalize

Un fil rouge che caratterizza la storia di Sara Colnago, fondatrice e ceo di Business Competence – “la startup delle startup” come viene spesso definita – una software house e media agency che fin dal principio ha avuto il coraggio di reinvestire ogni anno i propri utili in progetti innovativi, trasformando le idee in vere e proprie startup. Sara è inoltre co-founder assieme a Pierguido Iezzi, noto esperto di cybersecurity, di Swascan – la prima piattaforma di CyberSecurity & GDPR Compliance completamente in cloud, SaaS e pay for use. “La piattaforma”, spiega Sara a Forbes.it, “offre quattro servizi che permettono di identificare, analizzare e risolvere le vulnerabilità legate a siti internet, web app, network, codice sorgente oltre a determinare – e proporre le azioni per colmare – il gap con la nuova normativa europea di data privacy GDPR”. Inoltre, il contributo di Sara all’imprenditoria femminile ha permesso anche la nascita di Dogalize, altro progetto che coniuga le potenzialità del mondo ICT con la passione per gli animali. “Si tratta di un pet social network che permette a tutti gli amanti degli animali di entrare a far parte di una Community di 400.000 utenti, in cui scambiare opinioni e condividere foto. Offre inoltre diversi servizi – Mappe Petfriendly, Veterinari ed Educatori online, blog con consigli su cura di cani e gatti – e promuove iniziative a favore degli animali in difficoltà con il format Riempi la Ciotola, un’occasione unica per ottenere visibilità e offrire un aiuto concreto a canili e associazioni”.

Francesca Boccolini, fondatrice e ceo di SonicJob

Francesca Boccolini, invece, è la co-fondatrice e coo di Sonicjobs, il primo virtuale recruiter che aiuta ogni giorno migliaia di persone a trovare un lavoro ed assumere staff, velocemente. Una piattaforma che connette istantaneamente chi offre lavoro e chi lo cerca con un semplice match. Si rivolge al mondo dell’hospitality e del retail e ad oggi circa 3.000 aziende a Londra la utilizzano per assumere personale in tempi rapidi. “Abbiamo lanciato Sonicjobs due anni fa con una missione”, ci tiene a sottolineare Francesca, “aiutare le persone a trovare un lavoro e assumere personale, velocemente. La nostra AI si chiama Julie ed è in grado di trovare i candidati migliori attraverso un’analisi della personalità, delle attitudini e del comportamento di ogni singolo candidato, al fine di trovare il giusto fit tra domanda e offerta di lavoro, in real time”. La startup ha ottenuto finanziamenti per oltre 1,5 milioni di sterline e l’obiettivo è quello di continuare a innovare la tecnologia, accelerare la crescita sul mercato inglese e lanciarsi in altri hub strategici europei.

Caterina Ferrara, fondatrice e ceo di Neuralia

A cavalcare uno dei principali trend tecnologici del momento, infine, Caterina Ferrara, che oltre a essere advisor e community manager per le ICO, sistemi alternativi di crowdfunding legati al mondo delle valute digitali, è fondatrice e ceo di Neuralia, il primo progetto Blockchain-based di crowdsourcing. Neuralia, mediante un approccio innovativo di ricerca partecipata, consente in pratica ai cittadini di essere parte integrante dell’ecosistema Healthcare, mediante la raccolta di Big Data e la condivisione di teorie scientifiche innovative attraverso storage su Blockchain. Caterina è anche fondatrice di Blockchain Ladies, “una community internazionale che aggrega tutte le donne impegnate in questo settore: professioniste, hackers, sviluppatori, cryptotraders, imprenditrici, investors. Tutte le sostenitrici di questa nuova tecnologia dirompente. Il mio impegno personale è portare la Blockchain in ogni potenziale campo di azione. In particolare, promuovo l’uso di questa tecnologia per la creazione di nuovi modelli di governance e un accesso più fruibile alle criptovalute nella vita di tutti i giorni”.