Skin
Wine

Cantine Vedova

Nate nel 1982 da un’intuizione di Luigi Vedova, forte di una tradizione vinicola che si tramandava e proseguiva da generazioni, le Cantine Vedova trovano terreno fertile e si sviluppano in Valdobbiadene. Per trovare le origini del nome, che prende spunto direttamente dalla famiglia Vedova, bisogna risalire addirittura al XIX secolo, quando gli avi del signor Luigi coltivavano le viti nel cuore della zona del Prosecco Superiore. Con il marchio Vedova sono prodotte diverse tipologie di Prosecco Superiore Docg e di Prosecco Doc. Tra le prime, troviamo anche i ricercati Rive e Superiore di Cartizze. Nel corso degli anni la passione per il proprio territorio unita a una grande attenzione alla difesa del pianeta ha spinto la famiglia Vedova ad adottare sistemi di coltivazione certificati Biodiversity. Questi sistemi incoraggiano una coltivazione sostenibile, a basso impatto sul territorio e che promuove l’abbondanza, la distribuzione e l’interazione tra diverse forme di vita nell’ecosistema ambientale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .

CONTATTI

Sede: Via Erizzo 6,
Valdobbiadene (Tv)
Telefono: 0423972037
Email: [email protected]
Sito: www.cantinevedova.com

In primo piano

Nato nel 1960 e cresciuto a Valdobbiadene, Luigi Vedova a ventidue anni fonda insieme al fratello le Cantine Vedova. Con il passare del tempo affina il prodotto con tecniche sempre più innovative, tenendo comunque sempre ben presente la tradizionale identità che caratterizza i vini di questa terra. Convinto del potenziale del Prosecco Superiore, Luigi spinge le proprie vendite oltreconfine affermandosi come produttore anche nei principali mercati esteri, come USA, Inghilterra e Russia.

Il punto forte

I vini Vedova si distinguono per le morbide note di mela Golden, pesca e albicocca e gli eleganti sentori di fiori d’acacia e glicine. Il Prosecco Superiore Vedova è prodotto da uve maturate nei vigneti delle colline di San Pietro di Barbozza, chiamati in gergo “Rive”, che hanno la caratteristica di essere orientati a sud per garantire alla vite la massima esposizione al sole e ai venti provenienti dalla pianura. La combinazione unica si traduce nel vino in morbidi sentori floreali e fruttati.

Contenuto precedente
Contenuto successivo