Inaugurato nel maggio 2006, il ristorante Acanto dell’Hotel Principe di Savoia a Milano ha un ingresso indipendente in piazza della Repubblica e un ambiente unico all’interno. La scelta del nome Acanto è legata alla personalità del ristorante e al bellissimo giardino interno. Obiettivo del ristorante è quello di aprire le porte di questa oasi anche ai milanesi che abitualmente non “vivono” gli hotel della propria città. Con i suoi 80 coperti totali, il locale consente di rilassarsi nel cuore di Milano gustando, in una cornice unica, le migliori proposte della cucina italiana. Il giovane e talentuoso chef Matteo Gabrielli presenta un menù a la carte in cui propone la sua personalissima interpretazione dei classici della tradizione, con impiattamenti che stuzzicano gli occhi al pari del palato. Sia a pranzo che a cena gli ospiti possono scegliere uno speciale percorso di degustazione creato dallo chef e composto da 6 portate La domenica dalle 12.30 alle 15 è invece di scena il brunch, l’appuntamento gastronomico milanese più amato, a ritmo di musica dal vivo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .

CONTATTI

Sede: Piazza della Repubblica 17,
20124 Milano (MI)
Telefono: 0262302026
Email: [email protected]

In primo piano

Matteo Gabrielli, 33 anni, originario della provincia di Varese, è il nuovo chef del Ristorante Acanto dell’Hotel Principe di Savoia. Persona decisa e al tempo stesso molto pacata, Matteo guida il suo team con cura e dedizione creando una cucina creativa, pur mantenendo la tradizione legata alle sue origini lombarde. Il suo è un mix tra tradizione e modernità che riesce a legare la storicità di un grande albergo come il Principe di Savoia a una mente giovane e desiderosa di ampliare i suoi orizzonti.

Il punto forte

Da non perdere è l’Astice con purè di patate affumicate e verdure croccanti: si tratta di una rivisitazione dell’iconico astice alla catalana, accompagnato da un purè di patate affumicate arricchito da burro francese e vegetali croccanti. Il piatto è composto da texture diverse che si sposano perfettamente creando un’esplosione di sapori: la morbidezza del purè, la cremosità dell’astice e la croccantezza delle verdure. Una delizia per il palato ma anche per gli occhi, con i suoi colori accesi e invitanti.

Contenuto precedente
Contenuto successivo