Seguici su
Forbes Italia 4 Marzo, 2020 @ 4:59

Rettifica all’articolo “Dal castello cerca principi all’isolotto: gli immobili italiani più preziosi all’asta”

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

L’articolo è stato pubblicato il 16 febbraio 2020 sul sito Forbes.it. Villa Corner è stata erroneamente inserita nell’elenco degli immobili che andranno all’asta nel 2020. La villa è, infatti, di proprietà di Delco sas e gestita da Finde srl.

Investimenti 16 Febbraio, 2020 @ 12:44

Dal castello cerca principi all’isolotto: gli immobili italiani più preziosi all’asta

di Massimiliano Carrà

Staff

Leggi di più dell'autore
chiudi
Aste immobiliari: dal castello all'isolotto, gli immobili di prestigio in vendita in Italia
Castello di Ozegna – wikipedia

Sentiamo spesso parlare di immobili all’asta, ma di un castello o un isolotto? Potrà essere strano, eppure è possibile e attenzione non si trovano in una parte sconosciuta della Terra, dove le coordinate sono note soltanto all’acquirente (come nel caso dell’isola regalata da Cristiano Ronaldo al suo procuratore), ma qui, in Italia.

A renderlo noto è il rapporto semestrale sulle aste immobiliari del Centro Studi Sogeea presentato martedì 11 febbraio in Senato che ha evidenziato che al 31 dicembre 2019 le case all’asta in Italia sono 23.904 (con un aumento del 25% rispetto allo scorso anno) e hanno un valore complessivo che ammonta a circa 3,5 miliardi di euro. Tra l’altro, di queste 23.904 all’asta, 194 riguardano alberghi, bed & breakfast, motel, campeggi e simili.

Quanto valgono e dove sono gli immobili più preziosi in Italia 

Come reso noto dal Centro Studi Sogeea, gli immobili più preziosi in Italia partono da una base d’asta di un milione di euro fino ad arrivare a 3,2 milioni di euro. Ma andiamo a vedere nel dettaglio quali sono e dove si trovano:

  • Isolotto di Tessera (Venezia): dopo che la prima seduta d’asta di luglio scorso è andata deserta, sarà battuto all’incanto il 3 marzo prossimo. Il suo valore stimato è di 2,2 milioni di euro. 
  • Il secondo piano di Palazzo Fusconi Pighini in Piazza Farnese (Roma): è un capolavoro di architettura attribuito a Jacopo Barozzi da Vignola, ma costruito verso il 1524 dall’architetto Baldassarre Peruzzi. Sarà battuto all’asta il 25 febbraio e il suo valore stimato è di 3,1 milioni di euro. 
  • Villa Odescalchi (Como): costruita dalla famiglia Odescalchi agli inizi del XVII secolo ed in seguito divenuta residenza personale di Papa Innocenzo XI, oggi è un complesso turistico alberghiero. Sarà battuta all’asta il  28 aprile e il suo valore stimato è di 2,3 milioni di euro.
  • Castello di Ozegna (Torino): secondo i principali studiosi, la sua fondazione potrebbe essere avvenuta nel IV secolo d.C. ad opera di Flavio Eugenio, imperatore dell’Impero Romano d’Occidente. Sarà in vendita il 18 febbraio e il suo valore stimato è di poco più di di un milione di euro.

I cinema italiani all’asta

Oltre a questi “particolari” immobili, come svela nel suo rapporto il Centro Studi Sogee, quest’anno saranno venduti all’asta anche tre storici cinema di Roma. Ecco quali:

  • il Cinema Adriano di Via Cicerone: è senza dubbio quello che con i valore più alto, ossia 27 milioni di euro. Andrà all’incanto il 7 maggio.
  • il Cinema Roma di Piazza Sonnino: il suo valore è stimato in 2,3 milioni di euro.
  • il Cinema Ambassade di via Accademia degli Agiati: sarà venduto all’asta il 7 maggio e il suo valore è stimato in 2,6 milioni di euro. 
Leader 14 Febbraio, 2020 @ 1:13

Jeff Bezos compra per 165 milioni la mega villa che fu di Mr Warner

di Massimiliano Carrà

Staff

Leggi di più dell'autore
chiudi
Phillip Faraone – Getty

Jeff Bezos non smette mai di stupire e stabilisce continuamente nuovi record anche quando compra casa, o meglio, una reggia. Essendo l’uomo più ricco al mondo, il ceo di Amazon ha infatti deciso di “togliersi uno sfizio” e, secondo quanto riporta il Wall Street Journal, ha acquistato alla cifra di 165 milioni di dollari una casa molto particolare: la Warner Estate.

Grazie a questo acquisto, la Warner Estate diventa la transazione immobiliare più alta nelle aree residenziali di Los Angeles, superando quindi il precedente record di 150 milioni di dollari spesi nel 2019 da Lachlan Murdoch, figlio di Rupert, per acquistare la proprietà Chartwell a Bel-Air.

C’è anche da aggiungere che la passione di Jeff Bezos per gli acquisti immobiliari, e quindi per le case, non è affatto una cosa nuova, anzi tutto il contrario. Infatti, lo scorso anno il fondatore di Amazon ha acquistato tre appartamenti in un edificio situato nella 212 Fifth Avenue di New York. Anche in quel caso la cifra ha rispecchiato la potenzialità del patrimonio dell’uomo più ricco al mondo.

Warner Estate: la storia della mega reggia di Bezos

Come rivelato dal Wall Street Journal, la casa acquistata da Jeff Bezos non è un appartamento qualsiasi ma è la mega villa costruita negli anni ‘30 a Los Angeles da Jack Warner, ossia l’ex presidente e co-fondatore della Warner Bros. Proprio per questo, l’immobile è stata rinominato Warner Estate.

Ovviamente, i 165 milioni di dollari spesi da Bezos per assicurarsi l’intera reggia finiranno nelle tasche dell’ormai ex proprietario David Geffen. Il Co-fondatore della DreamWorks, secondo il Wall Street Journal, acquistò la Warner Estate nel 1990 per 47,5 milioni di dollari, oltre tre volte in meno rispetto alla cifra pagata adesso da Bezos.

Circa la conformazione della nuova reggia del fondatore di Amazon, la Warner Estate si estende per circa 4 ettari tra ampie terrazze, giardini, campetti da tennis, campo da golf personale con 9 buche, piscina e diverse guest house destinate ad uso esclusivo degli ospiti. Ma non è tutto. Si dice infatti che il pavimento, ben prima di arrivare in California, sia stato di proprietà di Napoleone Bonaparte.