Seguici su
Innovazione 18 Giugno, 2019 @ 2:44

Facebook lancia la sua criptovaluta: 6 previsioni su Libra

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Mark Zuckerberg, ceo di Facebook. (Photo by Win McNamee/Getty Images)

Caitlin Long per Forbes.com

Cosa significa la nuova criptovaluta di Facebook annunciata oggi per gli utenti della sua suite di piattaforme (tra cui Messenger e WhatsApp)? Presumibilmente ogni commerciante con un account su queste piattaforme potrebbe effettuare transazioni nella criptovaluta con clienti che hanno anche loro un account, per qualsiasi cosa, come acquisti online e acquisti nel mondo fisico come generi alimentari e ristoranti.

La criptovaluta sarà uno “stablecoinil cui valore sarà legato a un paniere di valute legali. Ecco le mie previsioni sulla base delle dichiarazioni di Facebook e di diversi commenti anonimi rilasciati da persone legate al progetto in interviste a The Information.

1. La criptovaluta di Facebook sarà una forza potente per il bene nei paesi in via di sviluppo, che è dove Facebook intende commercializzare il prodotto.

Perché? Perché le banche centrali nei paesi in via di sviluppo sono famose per la loro mancanza di disciplina nel mantenere il valore delle loro monete legali, che troppo spesso perdono potere d’acquisto. Il miglior esempio tra tanti è il Venezuela, che sta vivendo un’iperinflazione peggiore di quella della Germania dopo la prima guerra mondiale. Fornendo ai cittadini dei paesi in via di sviluppo l’accesso valute più affidabili di quelle supportate dal governo, la criptovaluta di Facebook eserciterà indirettamente la disciplina fiscale e monetaria nei paesi in via di sviluppo, il che migliorerà la vita di molte persone a livello globale.

2. Facebook pagherà interessi ai possessori della sua criptovaluta.

Mi sbilancio un po’ e prevedo che Facebook pagherà interessi agli utenti della sua criptovaluta. Perché? Poiché le attività che supportano la criptovaluta genereranno reddito da interessi (specialmente se, secondo alcuni report, tale paniere includerà “titoli a basso rischio”). Se Facebook non condividerà questo interesse con gli utenti, un coro di critici pubblicizzerà a voce alta quanti soldi stanno intascando Facebook e i suoi partner.

Qual è la grandezza del reddito da interessi in gioco? Se Facebook parcheggia l’intero saldo in dollari americani presso la Federal Reserve attraverso uno dei suoi partner bancari, ad esempio, potrebbe guadagnare il 2,35% senza rischi: sono $ 235 milioni per ogni $ 10 miliardi depositati nella sua criptovaluta. Questi profitti si trasformeranno rapidamente in una nuova patata bollente per Facebook a livello politico, se non condivisa con gli utenti.

Ma c’è un vantaggio collaterale – il trambusto che questo problema potrebbe creare rivelerebbe l’importanza del welfare aziendale nel cuore del sistema bancario americano. Il 2,35% è il tasso di interesse effettivo che la Fed paga alle banche affiliate per interessi sulle riserve in eccesso (IOER) – e quest’anno si prevede che ammonti a $ 36 miliardi di welfare aziendale pagato alle banche statunitensi, pari a circa la metà dell’importo che gli Stati Uniti spendono il loro programma di buoni alimentari. Immaginate solo come i critici avranno buon gioco nel gridare al “corporate welfare per Facebook” se Facebook e i suoi partner semplicemente si dovessero intascare tale importo.

È vero che gli altri emittenti di stablecoin intascano quasi sempre il float piuttosto che condividerlo con i propri clienti. Ma lo stablecoin di Facebook sarà probabilmente troppo grande e visibile per farla franca – quindi è improbabile che sia in grado di nascondere il problema sotto il tappeto. Questo è un buono spunto per la prossima previsione.

3. La fondazione di Facebook crescerà al punto da acquisire un grande potere sui mercati dei capitali globali.

Facebook prevede di cedere il controllo della governance del suo progetto a una fondazione indipendente, che ha recentemente costituito in Svizzera. Questo è positivo: non solo difende Facebook dalle accuse antitrust, ma aiuta anche a ridurre il grado di centralizzazione della criptovaluta. È probabile che questa fondazione diventi un enorme potere all’interno dei mercati dei capitali globali in tempi relativamente brevi, perché farà quello che fanno le banche centrali, ovvero definire i panieri per le valute legali a cui è ancorato lo stablecoin e gestire le attività per assicurare che il l’ancoraggio monetario non si rompa. Ci sono molti potenti “basket-setter” nei mercati dei capitali, e il loro potere di spostare i mercati può essere significativo: pensate al comitato che definisce le componenti dell’indice Dow Jones Industrial Average (DJIA) o dell’indice S&P 500, o delle banche centrali che legano le loro valute ai panieri (come la PBOC cinese).

Su questa linea, a prima vista mi ha colpito che Facebook stia vendendo il diritto di partecipare alla sua rete per $ 10 milioni ciascuno, poiché di solito i “minatori” nei mercati delle criptovalute sono pagati per i loro servizi. Ma, ricordate il punto #2: c’è una grande riserva di interessi che tutti dividono tra loro, specialmente se non pagano interessi agli utenti, e ci sono in ballo grandi volumi di scambi in valuta estera. Non c’è da stupirsi che decine di banche siano potenzialmente coinvolte.

4. Facebook affronterà l’incertezza normativa.

La criptovaluta di Facebook deve essere trattata come una security? Se lo è, gli utenti dovranno affrontare l’assurdità di aver bisogno di un conto di intermediazione americano per comprare una tazza di caffè? Facebook riuscirà là dove le startup più piccole hanno fallito in virtù della quantità di dati fiscali che porterà in dote ai governi? Questo è un buon viatico alla prossima previsione.

5. Il programma di reporting normativo di Facebook aprirà tante discussioni interessanti.

Potremmo essere in procinto di scoprire quanti dei 2,3 miliardi di utenti di Facebook sono reali, dal momento che gli utenti della sua criptovaluta dovrebbero dimostrare la propria identità e passare i requisiti di conformità del know-your-customer. La storia delle informazioni ha rilevato che Facebook “prevede di fornire forme più rigorose di verifica dell’identità e rilevamento delle frodi rispetto alla maggior parte delle criptovalute.

Ma c’è di più. Le discussioni sulla privacy dei dati di Facebook e il potere aziendale stanno per estendersi al denaro.

Ciò aprirà ogni tipo di conversazioni sulla portata della privacy dei dati, sulla privacy finanziaria, sulla segnalazione delle attività estere e sulla conformità fiscale e sugli obblighi di segnalazione e potrebbe potenzialmente mettere in discussione i requisiti di segnalazione extraterritoriale imposti dal governo degli Stati Uniti alle imprese non statunitensi. I governi di tutto il mondo vedranno la criptovaluta di Facebook come un enorme “barattolo di miele” di dati su come gli utenti spendono denaro, con tutte le implicazioni sulla privacy e sul reporting fiscale dei dati, perché ogni transazione sarebbe tracciabile dai governi. Ciò darebbe ad alcuni funzionari quello che loro sperano, ovvero la capacità di rintracciare, monitorare e analizzare ogni dollaro speso piuttosto che ricomporre report frammentari (attualmente le banche archiviano report di attività sospette per transazioni superiori a $ 10.000).

Inoltre, questi requisiti di segnalazione crescerebbero in modo sostanziale una volta che il Financial Action Task Force dovesse raccomandare che tutte le transazioni finanziarie (comprese le criptovalute) incorporino i dati sul proprietario effettivo in ogni transazione, sia per il mittente che per il destinatario.

6. La criptovaluta di Facebook si rivelerà, alla fine, un cavallo di Troia a beneficio del bitcoin.
Ecco la mia più grande previsione: l’incursione di Facebook nella criptovaluta finirà per dare beneficio ai bitcoin. Ci vorrà del tempo, ma Facebook accelererà enormemente il ritmo di apprendimento delle persone in ambito criptovalute. E quando questo accadrà, sempre più persone si rivolgeranno a bitcoin per una semplice ragione: il bitcoin è scarso, mentre la criptovaluta di Facebook non lo è. Le persone migreranno nel tempo al registro distribuito per archiviare la loro sudata ricchezza – e non saranno valute legali o derivati, inclusa la criptovaluta di Facebook.

Questo fenomeno è accaduto in realtà in Venezuela, come mi ha recentemente segnalato Nick Spanos. Quando il regime di Maduro introdusse la sfortunata criptovaluta “petro”, il governo fece uno sforzo concertato per educare i venezuelani sulle criptovalute, ed era correlato a un picco nell’uso dei bitcoin da parte dei venezuelani.

L’incursione di Facebook nella criptovaluta finirà probabilmente per essere una deviazione benefica sulla strada dell’adozione di bitcoin in generale.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!