Seguici su
Business 21 Agosto, 2019 @ 2:51

Svolta negli Usa: oltre 180 ceo firmano il manifesto per un nuovo capitalismo

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Jamie Dimon, presidente e ceo di JPMorgan Chase è alla guida della Business Roundtable (Photo by Mark Wilson/Getty Images)

La Business Roundtable, un’associazione di oltre 180 amministratori delegati (qui la lista completa) delle principali società americane, guidata dal rispettato ceo di JP Morgan, Jamie Dimon, ha rilasciato una dichiarazione che potrebbe cambiare radicalmente la mission delle società e la vita delle loro dipendenti.

Per oltre 600 anni, il capitalismo ha regnato supremo. Le società dovevano generare il maggior profitto per i loro azionisti. I dipendenti, i venditori e le comunità in cui operavano erano di minore preoccupazione. Tutto ciò che contava era la linea di fondo e quanto gli azionisti guadagnavano sui loro investimenti. La ricerca dei profitti prevalse su tutto il resto.

La Business Roundtable ha raccomandato alle aziende di cambiare il modo in cui operano e di concentrarsi sui propri dipendenti, sui luoghi in cui conducono gli affari e sui loro fornitori per garantire che tutti siano trattati in modo equo. Questo verrà prima delle esigenze e dei desideri degli azionisti.

I ceo affermano che gli americani meritano un’economia che consenta a ciascuna persona di avere successo attraverso il duro lavoro e la creatività e di condurre una vita dignitosa. Credono che il sistema del libero mercato sia il mezzo migliore per generare buoni posti di lavoro, un’economia forte e sostenibile, innovazione, un ambiente sano e opportunità economiche per tutti.

Il gruppo, secondo il comunicato stampa, si è impegnato a quanto segue:

– Offrire valore ai nostri clienti. Promuoveremo la tradizione delle aziende americane all’avanguardia nel soddisfare o superare le aspettative dei clienti.

– Investire nei nostri dipendenti. Questo inizia compensandoli equamente e fornendo importanti benefici. Include anche il supporto attraverso la formazione e l’educazione che aiutino a sviluppare nuove competenze per un mondo in rapido cambiamento.

– Promuoviamo la diversità e l’inclusione, la dignità e il rispetto.

– Trattare in modo equo ed etico con i nostri fornitori. Siamo impegnati a servire come buoni partner per le altre società, grandi e piccole, che ci aiutano a soddisfare i nostri obiettivi.

– Supportare le comunità in cui lavoriamo. Rispettiamo le persone nelle nostre comunità e proteggiamo l’ambiente adottando pratiche sostenibili in tutte le nostre attività.

Questa nuova dichiarazione dei massimi dirigenti del paese si ribella alla tradizionale dottrina economica, secondo cui l’unico scopo del business è generare e massimizzare i profitti per gli azionisti.

Se ciò dovesse effettivamente accadere, sarà tutto a beneficio dei lavoratori. Il top management dovrà premiare i dipendenti tanto quanto i loro profitti. E ciò si tradurrà in più ferie, maggiori politiche di congedo di maternità e paternità, formazione sul posto di lavoro, piani pensionistici reali, accordi di lavoro flessibili, migliore copertura assicurativa e voce nella gestione dell’azienda.

Ma non mancano le criticità, come osserva Jack Kelly su Forbes.com. I cinici potrebbero dire che va bene per i colossi, come JPMorgan, Amazon, Google o Facebook (gli ultimi due non hanno firmato la dichiarazione), agire in modo magnanimo e fare dichiarazioni toccanti e socialmente consapevoli, poiché possiedono una grande forza e dominano le rispettive industrie. Quando un’azienda, come Amazon o Facebook, possiede un monopolio, è facile prestare generosità ai propri dipendenti. Le piccole e medie imprese in mercati competitivi non dispongono delle stesse risorse finanziarie. Tutto quanto, insomma, potrebbe finire in una situazione in cui le aziende più grandi implementeranno i nuovi piani, mentre i migliori e i più brillanti abbandoneranno le società più piccole per saltare su quelle più grandi. Queste grandi società diventeranno ancora più grandi e la loro concorrenza si indebolirà, diminuirà e cadranno.

Inoltre, nel documento non si accenna ai dettagli di come le dichiarazioni saranno trasformate in piani d’azione. Non esiste alcun meccanismo che indichi se un’entità terza supervisionerà il rispetto di tali promesse.

Nemmeno la natura umana viene presa in considerazione, continua la giornalista Jack Kelly. Un ceo e i top manager sacrificheranno davvero i loro piani di compensazione multimilionaria per offrire vantaggi aggiuntivi ai loro dipendenti? Viene ignorato anche l’importante ruolo degli investitori. Se i profitti non vengono stimati, gli investitori venderanno i loro titoli e cercheranno altrove opportunità che premino il loro capitale. Se un numero sufficiente di investitori fuggirà, il prezzo delle azioni dell’azienda precipiterà e la direzione non avrà altra scelta se non quella di abrogare i benefici recentemente promossi e che danno potere ai dipendenti.

È più facile presentarsi come individui premurosi che lottano contro la disparità di reddito in un ambiente con un’occupazione record e un mercato azionario ruggente. Al primo declino dell’economia o in una recessione, le società riterranno molto probabilmente le loro offerte nel tentativo di risparmiare risorse. Saranno lasciati con un dilemma: mantenere generosi impegni nei confronti di tutti i dipendenti e rischiare di uscire dal mondo del business o risparmiare le promesse licenziare le persone per rimanere a galla e restare competitivi.

Gli scettici vedono questo come palese prostrazione morale, facendo appello alla crescente ondata di responsabilità sociale richiesta dai consumatori e non seguiranno alcun reale cambiamento significativo. Tuttavia, gli amministratori delegati hanno rilasciato una dichiarazione nobile e sarebbe meraviglioso per tutti se si impegnassero effettivamente a farlo.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!