Il miliardario a capo di LVMH bacchetta Greta Thunberg

Bernard Arnault
Bernard Arnault, presidente e ceo di LVMH Moet Hennessy Louis Vuitton (Pascal Le Segretain/Getty Images)
Share

di David Dawkins per Forbes.com

L’uomo più ricco d’Europa, Bernard Arnault, mentre parlava con i giornalisti all’evento sulla sostenibilità del gigante del lusso a Parigi, ha criticato l’attivista climatica Greta Thunberg per quello che ha definito il suo “arrendersi al catastrofismo”.

Al sorprendente fatto ha dedicato un articolo Forbes.com. Arnault, il cui gruppo Lvmh è a capo di brand di lusso come Fendi, Christian Dior e Givenchy, ha parlato della campagna pubblicitaria dell’adolescente nei commenti riportati da AFP: “Trovo che le sue opinioni siano demoralizzanti per i giovani. È una ragazza dinamica, ma lei si arrende completamente al catastrofismo”.

Sostenendo i propri obiettivi green Arnault ha dichiarato: “Riteniamo che gli obiettivi ambientali siano una fonte di innovazione, creatività, eccellenza e debbano essere prese in considerazione in tutte le attività di progettazione e produzione. Ci impegniamo ad accelerare il nostro lavoro in questo campo e ad andare ancora oltre”.

Marchi di moda come Lvmh sono sotto i riflettori degli attivisti del cambiamento climatico sulla loro sostenibilità e sulle catene di approvvigionamento. Lvmh ha promesso di ridurre le emissioni di carbonio del 25% entro il 2020 e rendere rintracciabile l’intera catena, compresa quella della pelliccia, per le singole aziende produttrici, entro il 2025.

Le critiche arrivano dopo appena due giorni dal momento in cui la sedicenne ha lanciato l’appello ai capi di Stato al vertice delle Nazioni Unite a New York per il loro “tradimento” nella lotta contro il riscaldamento globale.

LEGGI ANCHE: “Trentadue aziende del lusso fanno sistema per salvare il pianeta”

Dopo essere stata raggiunta da milioni di giovani nelle proteste in tutto il mondo per chiedere un’azione di emergenza sui cambiamenti climatici, Thunberg ha detto alle Nazioni Unite: “Avete rubato i miei sogni e la mia infanzia con le vostre parole vuote. Gli occhi di tutte le generazioni future sono su di voi. E se scegliete di fallire, vi dico che non vi perdoneremo mai. Non vi lasceremo andare via con questo. Proprio qui, proprio ora è dove tracciamo la linea”.

Con un patrimonio netto stimato che si avvicina a $ 100 miliardi, la ricchezza di Bernard Arnault continua a crescere. Nel 2019 il suo gruppo di beni di lusso ha registrato vendite record e profitti grazie in parte all’aumento della spesa da parte dei clienti cinesi.

Per il primo trimestre 2019, Lvmh ha registrato ricavi per $ 13,6 miliardi (€ 12,5 miliardi) con un incremento del 16%.