Seguici su
Leader 7 Gennaio, 2020 @ 8:00

Bill Gates: “Fate pagare più tasse ai miliardari, meno a chi lavora”. E lo spiega così

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Bill Gates
Bill Gates (Yana Paskova/Getty Images)

Il terzo uomo più ricco del mondo, il fondatore di Microsoft, Bill Gates, torna a parlare di inuguaglianza. Lo ha fatto con un post sul suo blog GatesNotes in cui ancora una volta critica il sistema fiscale statunitense, incapace – a suo dire – di garantire effettive chance di equità anche per via di una tassazione troppo bassa a carico di “persone come lui”. Gates non si limita alle critiche ma propone anche alcune possibili soluzioni.
Ecco alcuni stralci del post di Bill Gates in cui spiega le sue proposte.

Desidero concentrarmi su una questione particolare che è stata alla ribalta nel 2019 e che sarà in primo piano per molti nel 2020: il sistema fiscale americano.

[…]

Da anni cerco un sistema fiscale più equo. Sono passati quasi vent’anni da quando io e mio padre abbiamo iniziato a chiedere un aumento dell’imposta federale sulla proprietà e un’imposta sulla proprietà nel nostro stato di Washington, che ha il sistema fiscale più regressivo del paese. Nel 2010, io e lui abbiamo anche sostenuto un’iniziativa degli elettori che, se fosse stata approvata, avrebbe creato un’imposta sul reddito statale.

[…]

Voglio essere il più chiaro possibile sulle mie opinioni.

Comincio con la comprensione che il governo degli Stati Uniti semplicemente non raccoglie abbastanza denaro per soddisfare i suoi obblighi. Questo non è un giudizio di valore; è solo un dato di fatto. Il governo riscuote circa il 20% del Pil in tasse mentre spende circa il 24 per cento. E il costo degli impegni aumenta costantemente.

Nel frattempo, il divario di ricchezza sta crescendo. La distanza tra i redditi più alti e quelli più bassi negli Stati Uniti è molto più grande di 50 anni fa. Alcune persone finiscono per avere molto – sono stato sproporzionatamente ricompensato per il lavoro che ho svolto – mentre molti altri che lavorano altrettanto duramente non ci riescono.

Ecco perché sono per un sistema fiscale in cui, se hai più soldi, paghi una percentuale più alta di tasse. E penso che i ricchi dovrebbero pagare più di quello che fanno attualmente, e questo include Melinda (la moglie, ndt) e me.

Anche se non sono un esperto del codice fiscale, ecco alcuni passi che penso l’America dovrebbe prendere per rendere il suo sistema fiscale più equo.

Dovremmo spostare una maggior parte del carico fiscale sul capitale, anche aumentando l’imposta sulle plusvalenze, probabilmente allo stesso livello delle imposte sul lavoro.

Oggi il governo degli Stati Uniti dipende in maniera schiacciante dalla tassazione del lavoro: circa i tre quarti delle sue entrate provengono da imposte su salari e stipendi. La maggior parte delle persone ottiene quasi tutto il proprio reddito da stipendio e lavoro orario, tassato al massimo al 37 per cento. Ma i più ricchi generalmente ottengono solo una piccola percentuale delle loro entrate da uno stipendio; la maggior parte proviene da profitti sugli investimenti, come azioni o immobili, tassati al 20% se sono detenuti per più di un anno.

Questa è la prova più chiara che il sistema non è giusto. Non vedo alcun motivo per favorire la ricchezza rispetto al lavoro come facciamo oggi.

Sono anche favorevole all’aumento dell’imposta sulla proprietà e alla chiusura delle scappatoie fiscali di cui approfittano molte persone benestanti. Un sistema dinastico in cui puoi trasmettere una grande ricchezza ai tuoi figli non fa bene a nessuno; la prossima generazione non finisce con lo stesso incentivo a lavorare sodo e a contribuire all’economia. È uno dei tanti motivi per cui Melinda e io stiamo restituendo quasi tutta la nostra ricchezza alla società attraverso le nostre fondazioni, piuttosto che trasmetterla ai nostri figli.

[…]

Ma oltre alle tasse giuste, Melinda e io pensiamo che la società abbia un valore nel consentire ai ricchi di investire denaro in fondazioni private, perché le fondazioni svolgono un ruolo insostituibile, distinto da ciò che i governi fanno bene. In particolare, la filantropia è brava a gestire progetti ad alto rischio che i governi non possono affrontare e le aziende non intraprenderanno, ad esempio, sperimentando nuovi approcci per sradicare la malaria, che è qualcosa su cui sta lavorando la nostra fondazione.

Il paese deve essere attento a come aumentare le tasse. Uno dei motivi per cui gli innovatori si riversano negli Stati Uniti è che questo paese rende facile avviare un’attività, investire capitale e guadagnare profitti. Non dovremmo distruggere quegli incentivi, ma ora siamo molto lontani da quel punto. Gli americani tra il primo 1% possono permettersi di pagare molto di più prima di smettere di andare al lavoro o di creare posti di lavoro. Negli anni ’70, quando Paul Allen e io stavamo avviando Microsoft, le aliquote fiscali marginali erano quasi il doppio del tasso massimo di oggi. Non ha danneggiato il nostro incentivo a costruire una grande azienda.

[…]

Credo che possiamo rendere il nostro sistema più equo senza sacrificare l’incentivo all’innovazione. Abbiamo aggiornato il nostro sistema fiscale per tenere il passo con i tempi che cambiano e dobbiamo farlo di nuovo, iniziando con l’aumento delle tasse su persone come me.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!