Seguici su
Tecnologia 19 Marzo, 2020 @ 3:11

Respiratori polmonari con la stampa 3D, l’invenzione di un team in open source

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
coronavirus: respiratori polmonari in stampa 3D
(Shutterstock)

di Alexandra Sternlicht per Forbes.com

Un gruppo di oltre 300 tra ingegneri, designer, founder di aziende tecnologiche e altri si è organizzato via Facebook con l’obiettivo di costruire un ventilatore utilizzando materiali prontamente disponibili, la stampa 3D e risorse hardware open source. In soli sette giorni, hanno costruito un prototipo che potrebbe essere convalidato dalle autorità irlandesi già dalla prossima settimana come soluzione alla carenza di globale di ventilatori

  • Secondo il cofondatore dell’OSV Colin Keogh, 31 anni, la tecnologia sarà convalidata con l’Irlanda Health Services (HSE) già entro una settimana per l’uso su pazienti Covid-19.
  • La Society of Critical Care Medicine ha stimato che fino a 960.000 pazienti affetti da coronavirus potrebbero avere bisogno di ventilatori per il supporto vitale, ha riferito l’Associated Press.
  • I ventilatori, che funzionano soffiando aria nei polmoni di un paziente, sono un trattamento essenziale per i casi gravi di Covid-19. In questi casi, l’infiammazione polmonare può svilupparsi in polmonite virale, che richiede un supporto respiratorio ventilato.
  • Il prototipo del gruppo irlandese del progetto Open Source Ventilator può essere assemblato in plastica PLA , che deriva da fonti rinnovabili come canna da zucchero o amido di mais e può essere prodotto ovunque da una stampante 3D.
  • Gui Calavanti ha avviato il progetto Open Source Ventilator su Facebook l’11 marzo e da allora vi hanno lavorato oltre 300 medici, ingegneri, designer, infermieri e venture capitalist.
  • Cavalcanti è ceo e cofondatore di Breeze Automation, che progetta robot a basso costo per ambienti estremi come il mare profondo e lo spazio
  • Keogh afferma che l’HSE ha reso il suo processo di approvazione per la tecnologia medica molto più veloce e flessibile durante l’attuale emergenza, il che significa che il ventilatore probabilmente non verrà utilizzato per i pazienti che non soffrono di Covid-19, anche se potrebbe essere utilizzato in altri scenari di emergenza e di catastrofi
  • Accenture, Deloitte e altre società hanno offerto l’uso della propria infrastruttura di ricerca e sviluppo per assistere nel processo di ideazione e produzione, ha affermato Keogh.
  • Il progetto Open Ventilator rimane aperto alle parti interessate e ha un modulo di richiesta di partecipazione sul suo sito Web.

Secondo Keogh, la velocità con cui questo progetto è passato dall’idea al test da parte delle autorità sanitarie evidenzia la potenza dell’open source come un modo per risolvere i problemi hardware. “Non importa dove ti trovi, non importa quale sia il tuo skillset, in quale fuso orario ti trovi, se puoi contribuire in gruppo a questi progetti su larga scala, puoi avere risultati di grande impatto in un periodo di tempo molto breve “, afferma.

Scenario di fondo: Keogh e il suo collega che lavora al progetto David Pollard sono  cofondatori della società di innovazione e consulenza progettuale Sapien Innovation. Anche Connall Laverty, fondatore della piattaforma cloud Wia, si è unito all’iniziativa di OSV. ( Keogh e Laverty hanno fatto entrambi parte della lista Forbes 30 Under 30 nell’ambito delle compagnie di lavoro a distanza da loro fondate).

Punto di contatto: Secondo quanto riferito dal New York Times, New York richiederà presto 18.000 ventilatori. La pubblicazione riporta anche che in una pandemia di questa natura New York potrebbe essere a corto di 15.783 ventilatori per trattare i casi più gravi. I produttori di ventilatori potrebbero aumentare la produzione, secondo Forbes , ma devono ancora ricevere volumi significativi di ordini dal governo degli Stati Uniti.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!