Quibi, la scommessa dello streaming per smartphone di Meg Whitman e Jeffrey Katzenberg

Meg Whitman (a destra) e Jeffrey Katzenberg, hanno fondato insieme il servizio di streaming per smartophone Quibi. (Photo by Matt Winkelmeyer/Getty Images)
Share
Meg Whitman (a destra) e Jeffrey Katzenberg, hanno fondato insieme il servizio di streaming per smartophone Quibi. (Photo by Matt Winkelmeyer/Getty Images)

Articolo di Dawn Chmielewski apparso su Forbes.com

Pochi minuti dopo aver annunciato le dimissioni da ceo di Hewlett Packard Enterprise nel novembre 2017, il telefono di Meg Whitman già squillava. Era Jeffrey Katzenberg, che conosceva da quando entrambi lavoravano per la Disney tra la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90: Whitman lavorava nella pianificazione strategica; Katzenberg gestiva gli studi cinematografici.

“‘Che cosa stai facendo?'”, le chiese il suo amico, ricorda la Whitman. ‘Non lo so’, rispose. ‘Sono il presidente di Teach for America. Probabilmente farò cose con mio marito e viaggerò’. E allora lui disse: ‘No. Che cosa fai stasera?’ E rispose: ‘Conoscendoti, Jeffrey, cenerò con te'”.

Katzenberg volò quindi in Silicon Valley e, durante la cena al Nobu di Palo Alto, discusse della sua idea di portare intrattenimento di alto livello sui telefoni cellulari. Per Whitman, l’idea sembrava buona: il potenziale mercato per il servizio era enorme e andava a occupare una nicchia unica.

“Alla fine disse: ‘Sai una cosa? Penso di avere un’altra startup tra le mani”, racconta Whitman, 63 anni, che per prima si è arricchita (il suo patrimonio vale circa $ 3,2 miliardi) lavorando con un altro visionario: Pierre Omidyar. Ha contribuito a trasformare eBay da una società di 30 dipendenti e $ 4 milioni di entrate quando è arrivato nel 1998, a oltre 15mila dipendenti e $ 8 miliardi di entrate quando l’ha lasciata un decennio dopo.

Due anni dopo quella cena, Quibi (un mix delle parole quick e bite, morsi veloci) è pronto a lanciare il suo servizio di streaming mobile che offre film originali, real tv, commedie e notizie in video di dimensioni ridotte, di dieci minuti o anche meno, ottimizzati per la visualizzazione su cellulari.

Molti a Hollywood pensano che sia un’idea terribile. In un momento in cui gli spettatori sono sommersi dalle opzioni di intrattenimento, molte delle quali gratuite, chi pagherà per un’altra? “Se guardo Il Trono di Spade in blocchi di otto minuti, qual è la differenza tra ciò che lui sta offrendo e me che premo il pulsante pausa?”, ironizza un potente insider di Hollywood, che ha richiesto l’anonimato perché i suoi clienti vendono spettacoli a Quibi. Barry Diller, forse il più grande visionario di Hollywood della sua generazione, ha recentemente definito Quibi una “speculazione coraggiosa” per il suo ex protetto (Katzenberg, 69 anni, ha lavorato per Diller alla Paramount negli anni ’70).

Questa volta, Katzenberg ha raccolto abbastanza soldi per provarci, inclusi $ 1 miliardo nell’agosto 2018 da società del calibro di Alibaba, Disney e Sony. A marzo, ha concluso un round da $ 750 milioni, pochi giorni prima che il coronavirus congelasse il paese. “Non ho mai visto un ambiente cambiare così velocemente”, afferma Whitman. “Ogni giorno è un nuovo giorno, con nuovi dati e nuove preoccupazioni”. Fortunatamente, Kevin Hart e Jennifer Lopez avevano già finito di lavorare ai loro spettacoli, e Spielberg ha un film in lavorazione, attratto da un accordo “cash plus” che consente di conservare i diritti sul materiale. Dopo due anni, possono mettere insieme i loro corti e rilasciarli come un film intero.

Inaspettatamente, il lockdown dell’America potrebbe aver creato il momento perfetto per Quibi. La visione dei media aumenterà fino al 60% per effetto del Covid-19. Le persone sapranno sicuramente che è disponibile: Quibi sta spendendo 400 milioni di dollari per promuovere il suo nuovo servizio e a metà marzo ha annunciato che offrirà il servizio gratuitamente per tre mesi.

“Questo è un momento in cui abbiamo la possibilità di fare qualcosa che posso mettere un po’ di felicità, un po’ di gioia, un po’ di divertimento e un po’ di risate nelle mani delle persone”, afferma Katzenberg. Quibi ha anche il vantaggio di avere caricato nuovi contenuti proprio appena prima che la produzione di tutti i nuovi spettacoli e di film fosse interrotta dalla pandemia. Quibi ha accumulato programmi dallo scorso settembre in previsione di un possibile sciopero degli autori, temendo quello che era successo nel 2008, quando un sciopero sindacale interruppe la nuova produzione per 100 giorni.

Il servizio debutta oggi 6 aprile 2020, con 50 spettacoli originali, tra cui film offerti in capitoli come il thriller Survive, con Sophie Turner (Game of Thrones) e Corey Hawkins (BlacKkKlansman); 120 reality show e documentari; più notizie, meteo e sport. Complessivamente, Quibi promette di consegnare 8.500 brevi video di 175 spettacoli nel suo primo anno.
Ma la domanda da $ 1,8 miliardi rimane: qualcuno pagherà per guardarli? Alcuni player di Hollywood stanno adottando un atteggiamento del tipo – “Non scommettere contro Jeffrey”.
“Jeffrey ha fatto solo un paio di grandi colpi nella sua vita e ha avuto successo”, dice un dirigente di una delle principali agenzie di talenti di Hollywood. “Se avessi scommesso ciecamente su Jeffrey Katzenberg negli ultimi 30 anni, avresti fatto molti soldi”.