Il futuro dei viaggi aerei potrebbe essere così

Il modello Janus di Aviointeriors (Fonte immagine: sito internet dell’azienda)
Share
viaggiare in aereo dopo il coronavirus
Il modello Janus di Aviointeriors (Courtesy Aviointeriors)

Ricordate Giano bi-fronte, il dio dell’ Antica Roma? Si chiama Janus, e non a caso, anche una delle soluzioni per i viaggi aerei nell’era post Covid-19. Realizzata dall’italiana Aviointeriors, l’ipotesi si basa sull’inversione della posizione del posto centrale in una fila di tre sedili per garantire il massimo isolamento tra i passeggeri seduti accanto l’uno all’altro mantenendo il medesimo comfort: i passeggeri seduti sui posti estremi, lato corridoio e lato parete, continuano ad essere posizionati nella direzione di volo come usuale, il passeggero seduto al centro è rivolto in senso inverso.

viaggi aerei post coronavirus
(Courtesy Aviointeriors)

In mezzo una schermatura in plexiglas che isola i passeggeri l’uno dall’altro costituendo una barriera protettiva. E pgni passeggero ha il suo spazio isolato dagli altri, anche dalle persone che transitano per il corridoio.

Ogni posto è inoltre circondato su tre lati da una schermatura di altezza tale da impedire la propagazione del respiro verso occupanti dei sedili adiacenti.

viaggiare in aereo
Il modello Glassafe realizzato da Aviointeriors (Courtesy Aviointeriors)

Janus però non è l’unica proposta pensata da Aviointeriors che ha messo a punto anche un kit che può essere installato sulle poltrone attualmente esistenti per rendere più sicura la convivenza tra passeggeri. Si chiama “Glassafe” ed è realizzato in materiale trasparente con il medesimo obiettivo: minimizzare contatti o interazioni via aerea tra passeggero e passeggero, così da ridurre la probabilità di contaminazione da virus o altro.

Rispetto al modello precedente “Glassafe” potrebbe rivelarsi più utile alle compagnie aeree in vista di un possibile ritorno alla normalità: è infatti disponibile con sistemi di fissaggio alle poltrone che ne permettono l’installabilità e la rimovibilità.

Janus (Courtesy Aviointeriors)

Con sede operativa a Latina, Aviointeriors produce interni di cabina e sedili per aeromobili da oltre 40 anni, ed è uno dei principali produttori di sedili per passeggeri di aeromobili a livello mondiale. Nata nel 1972, Aviointeriors è stata fondata come ramo aeronautico del gruppo CIFA, che all’epoca era una delle maggiori industrie di produzione mobili per la casa e per l’ufficio presenti sul mercato italiano. Nel corso degli anni ottanta Aviointeriors è stata acquisita da Alven, un’azienda concorrente di proprietà della famiglia Veneruso. Da allora la Aviointeriors ha avuto una forte crescita sul mercato globale, che l’ha portata a lavorare per la maggior parte delle compagnie aeree di tutto il mondo.