L’investitore miliardario Leon Cooperman preoccupato dell’euforia di Wall Street

Il floor del Nyse di New York (Spencer Platt/Getty Images)
Share
Il floor del Nyse di New York (Spencer Platt/Getty Images)

Articolo di Sergei Klebnikov su Forbes.com

L’investitore miliardario Leon Cooperman, durante un’intervista lunedì alla Cnbc, ha formulato una prognosi piuttosto infausta per i mercati azionari, avvertendo che i rendimenti futuri saranno “insignificanti per molto tempo” e sostenendo che le attuali valutazioni sono troppo alte perché il mercato ha “proiettato troppo in là la domanda”.

FATTI CHIAVE

  • Nel lanciare l’allarme, Cooperman ha citato, come segnali dell’insinuarsi di una certa euforia nei mercati, il boom delle Spac e delle Ipo, ma anche “la pazzia di diversi investimenti in cui la folla dei Robinhood (gli investitori privati, ndt) si è lanciata”.
  • “Il mercato non offre margini di sicurezza”, ha detto, aggiungendo di aspettarsi che le valutazioni caleranno non appena gli investitori avranno realizzato che la maggior parte dei guadagni di quest’anno sarà dovuta principalmente ai sostegni governativi all’economia.
  • Sebbene molti a Wall Street abbiano applaudito la decisione della Fed di abbassare i tassi di interesse, Cooperman ha sottolineato come la banca centrale altro non stia che semplicemente perseguendo una politica di tassi di interesse nulli perché “l’economia va male”.
  • Buona parte del rally borsistico di questi giorni può essere attribuito agli stimoli della Federal Reserve e alla politica di spese pubbliche alimentate a debito da parte del Congresso, ha aggiunto, precisando che, spingendo la domanda in avanti, il mercato molto probabilmente vedrà rendimenti poco brillanti nel lungo periodo.
  • Tra le maggiori preoccupazioni per l’andamento dei mercati oggi, Cooperman ha citato lo stato delle relazioni tra Stati Uniti e Cina che si è “guastato parecchio”, il fatto che il Congresso abbia ritardato il pacchetto di misure fiscali, e la notevole dose di “incertezza” che accompagna le imminenti elezioni presidenziali.
  • Cooperman ha anche criticato gli investitori che hanno comprato azioni di Apple e Tesla dopo che le società hanno annunciato frazionamenti azionari: “Tutti sanno che così non creano valore”, ha detto.

LA CITAZIONE
“Siamo arrivati al 2020 con un’economia da piena occupazione, eppure stavamo già registrando un deficit da mille miliardi di dollari”, ha detto Cooperman. “E ora stiamo accumulando ulteriori debiti oltre a quello. Dunque dovrei dire che ho una visione piuttosto conservativa”.

LA CORSA ALLA CASA BIANCA
Cooperman ha detto alla Cnbc che non è sicuro per chi voterà alle elezioni presidenziali di novembre, anche se ha aggiunto che “queste elezioni, a mio avviso, saranno fondamentali per le prospettive a lungo termine [del mercato]”. E ha spiegato perché è ancora indeciso, descrivendo Trump come “un uomo dalla reputazione limitata, che ha buone idee economiche, ma è molto divisivo nel confronto”. Dall’altro lato, con Joe Biden, “abbiamo un uomo dalla reputazione decente, ma che non sono sicuro di sapere cosa rappresenti”.

IN NUMERI
Cooperman ha un patrimonio di 2,5 miliardi di dollari, secondo Forbes. Un personaggio leggendario a Wall Street, ha fondato la società di investimento Omega Advisors nel 1991 prima di trasformarla in un business di famiglia alla fine del 2018.

SULLO SFONDO
L’indice S&P 500 ha guadagnato il 9% quest’anno, raggiungendo nuovi massimi dopo aver recuperato completamente le perdite dell’epidemia da coronavirus. Solo questo mese ha guadagnato il 7%, che potrebbe essere il miglior risultato in agosto dal 1984. Settimana scorsa, il Dow Jones Industrial Average è tornato positivo sull’orizzonte da inizio anno.