La Cina raggiunge un nuovo record: conta quasi 1 miliardo di utenti Internet

(Getty Images)
Share

 

(Getty Images)

Articolo di Palash Ghosh apparso su Forbes.com

Mercoledì, il governo cinese ha dichiarato che il paese ora vanta quasi 1 miliardo di utenti internet, quasi il triplo dell’intera popolazione degli Stati Uniti, poiché la pandemia ha spinto milioni di persone in più a fare acquisti e guardare video online.

Fatti principali

  • Mercoledì, l’agenzia governativa China Internet Network Information Center (CNNIC) ha dichiarato che a fine dicembre 2020 il paese contava 989 milioni di utenti internet, un balzo di 85,4 milioni rispetto al conteggio di marzo. Ciò suggerisce che la pandemia ha costretto decine di milioni di persone, che sono rimaste chiuse in casa, ad adottare nuove abitudini, tra cui lo shopping online.
  • Secondo la CNNIC, circa 782 milioni di cinesi ora utilizzano Internet, principalmente dagli smartphone, per fare acquisti. Un aumento di 72,15 milioni da marzo, da quando è scoppiata la pandemia.
  • Il numero di cinesi che lavorano in smart working è passato dai 199 milioni di giugno ai 346 di dicembre
  • Anche i cinesi che rimangono a casa si sono affezionati a guardare video su Internet: questa cifra è aumentata di 76,33 milioni da marzo, fino ad arrivare ai 927 milioni di dicembre.
  • Il numero di cinesi che guardano presentazioni di e-commerce in livestreaming (si intende la promozione e la vendita di beni grazie alle pubblicità degli influencer sui propri canali di social media) è più che triplicato. Tanto che passato dai 123 milioni di marzo ai 388 milioni di dicembre. Inoltre, circa due terzi di questi utenti fa un acquisto proprio grazie al livestreaming.

BACKGROUND

La Cina si è classificata come il più grande mercato retail online del mondo per otto anni consecutivi, secondo la CNNIC, con le vendite di e-commerce che sono aumentate del 10,9% nel 2020 rispetto all’anno precedente, arrivando a 1,8mila miliardi di dollari. Nel frattempo, la principale autorità di controllo di Internet in Cina, The Cyberspace Administration of China, sta cercando di capire se è possibile rivedere le normative sulla supervisione di Internet, che non sono cambiate da più di 20 anni. Inoltre, ha affermato che sarà necessaria una maggiore supervisione per monitorare i pagamenti digitali, l’e-commerce e i livestreaming, poiché la Cina sta aumentando il controllo sui giganti della tech.

Scenario

Mentre i servizi di istruzione e le consultazioni sanitarie erano attività popolari di Internet durante le prime fasi della pandemia, il report rileva che tale utilizzo era diminuito entro dicembre, segnalando che le preoccupazioni per il Covid si erano attenuate e le scuole avevano riaperto.

Fatto sorprendente

Mentre ancora la Cina blocca su Internet siti web stranieri come Facebook, Twitter e Google, alcuni cinesi hanno criticato i social media occidentali per aver rimosso l’ex presidente Donald Trump dalle loro piattaforme. “Un paese grande come gli Stati Uniti non può tollerare la parola di Trump”, ha detto un commentatore su Weibo, la piattaforma di social media cinese. “La democrazia americana è morta”. Il Global Times, un giornale controllato dal Partito Comunista, ha scritto in un editoriale che Trump “ha perso il diritto di comune cittadino americano. Questo, ovviamente, va contro la libertà di parola che le élite politiche statunitensi hanno sostenuto”.

LEGGI ANCHE: “Twitter sprofonda a Wall Street dopo aver bannato per sempre Trump”