Questi 12 nuovi miliardari stanno cavalcando l’onda del fintech

Max Levchin, fondatore di Affirm. (Photo by Steve Jennings/Getty Images for TechCrunch)
Share

Articolo di Jeff Kauflin e Antoine Gara apparso su Forbes.com

Grazie ai cambiamenti provocati dalla pandemia nel modo in cui le persone risparmiano, investono e pagano, nell’ultimo anno sono spuntati più di una dozzina di miliardari fintech. Sono i fondatori di app di trading e di pagamento. Ecco 12 new entry ​​tra le fila dei miliardari fintech.

David Vélez
Nubank • $ 5,2 miliardi

Vélez ha co-fondato la banca digitale Nubank nel 2013, prendendo di mira lo scarso servizio clienti e le commissioni elevate delle banche brasiliane. La startup di San Paolo da allora ha attratto 35 milioni di clienti in Brasile, Messico e Colombia e ha una valutazione di $ 25 miliardi, il che la rende la neobank di maggior valore al mondo. Vélez ha una quota del 23%.

Victor Jacobsson
Klarna • $ 2,7 miliardi

Sebastian Siemiatkowski
Klarna • $ 2,2 miliardi

Gli svedesi Jacobsson e Siemiatkowski hanno co-fondato Klarna, con sede a Stoccolma, nel 2005, aprendo la strada al modello fintech ‘buy-now, pay-later’ che consente ai consumatori di utilizzare facilmente piccoli prestiti rateali, invece delle carte di credito, per finanziare gli acquisti. La pandemia ha spinto Klarna a una valutazione di 31 miliardi di dollari a marzo, triplicando il suo valore rispetto a sei mesi prima. Il ceo Siemiatkowski possiede una quota dell’8%; il co-fondatore Jacobsson possiede il 10%, sebbene non sia più coinvolto.

Max Levchin
Affirm • $ 2,2 miliardi

Nel 1999, otto anni dopo essere emigrato negli Stati Uniti dall’Ucraina, Levchin ha co-fondato PayPal. In seguito ha lanciato una startup per la condivisione dei media e un’app per il monitoraggio della fertilità, ma non ha raggiunto lo status di miliardario fino a quando Affirm, la sua fintech dei pagamenti, è decollata grazie al finanziamento di Covid e grazie all’investimento nelle bici di Pelaton, un must-have della pandemia. Quando è stato quotato in borsa a gennaio, le sue azioni sono raddoppiate il primo giorno di negoziazione, spingendo la sua valutazione a $ 20 miliardi.

Nick Molnar
Afterpay • $ 1,8 miliardi

Anthony Eisen
Afterpay • $ 1,8 miliardi

Nel 2014, Molnar, allora 24 anni, viveva con i suoi genitori a Sydney, in Australia, vendendo gioielli su eBay, quando insieme al suo vicino, l’ex banchiere di investimenti Anthony Eisen, ha lanciato Afterpay. Oggi sono co-ceo della società dei pagamenti quotata in borsa che vale circa $ 22 miliardi. Afterpay ha più di 16 milioni di clienti negli Stati Uniti.

Dave Girouard
Upstart • $ 1,6 miliardi

Girouard ha lasciato un lavoro come presidente della divisione Cloud Apps di Google nel 2012 per creare l’istituto di credito fintech Upstart, che offre prestiti personali per qualsiasi cosa, dal consolidamento del debito con carta di credito ai matrimoni. Utilizza la tecnologia di machine learning per valutare il rischio del mutuatario. Upstart si è quotata a dicembre 2020 e ha un valore di mercato di circa $ 10 miliardi.

Zach Perret
Plaid • $ 1,5 miliardi

William Hockey
Plaid • $ 1,4 miliardi

Nel 2013 i due hanno creato Plaid, che aiuta le app fintech come Robinhood a connettersi facilmente ai conti bancari dei consumatori. Plaid ha fatto scalpore nel gennaio 2020 quando ha annunciato che avrebbe venduto a Visa per 5,3 miliardi di dollari. Ma il Covid ha spinto la sua attività e, appena tre mesi dopo che l’accordo Visa è stato cancellato per le preoccupazioni dell’antitrust, ha raccolto fondi per una valutazione di 13,4 miliardi di dollari, rendendo i cofondatori miliardari.

Chris Britt
Chime • $ 1,3 miliardi

Dopo un periodo a Visa e all’emittente di carte prepagate,Green Dot, Britt ha cofondato Chime, una banca digitale gratuita per i clienti statunitensi a reddito medio. La pandemia ha spinto la sua valutazione a 14,5 miliardi di dollari.

Vlad Tenev
Robinhood • $ 1 miliardo

Baiju Bhatt
Robinhood • $ 1 miliardo

Quando i mercati azionari hanno subito un contraccolpo all’inizio della crisi Covid, l’app di investimento Robinhood ha subito interruzioni debilitanti, lasciando i clienti incapaci di fare trading in diversi giorni volatili. Ma l’intermediario ha prosperato successivamente, quando milioni di trader alle prime armi hanno investito in azioni e criptovalute. Robinhood è stato al centro del fiasco di GameStop di gennaio e febbraio quando le richieste di margine hanno esaurito la sua liquidità e hanno costretto un aumento di capitale di 3,4 miliardi di dollari. Ora entrambi i miliardari stanno cercando di attingere al mercato azionario ruggente che hanno contribuito ad alimentare.