Trimestrali record per Microsoft, Apple e Google: gli utili delle 3 big tech volano a $56,7 miliardi

Tim Cook ceo Apple, le trimestrali delle big tech (Microsoft, Google e Apple)
Tim Cook, ceo di Apple. (Photo by Stephen Lam/ Getty Images)
Share

Se la pandemia ha messo in difficoltà la maggior parte delle aziende mondiali, di contro, ci sono tre aziende – cosiddette big tech – che continuano a macinare utili su utili. Dimostrandosi immuni alla crisi. Stiamo parlando della casa madre di Google, Alphabet, Apple, e Microsoft. Solo loro tre, infatti, hanno riportato in totale utili netti per 56,72 miliardi di dollari. Una cifra senza precedenti che deve alla spinta digitale e tecnologica innescata dal Covid-19 un forte ringraziamento, visto che le trimestrali al 30 giugno 2021 dimostrano ingenti guadagni rispetto al 2020. Ma andiamo con ordine.

Trimestrale Alphabet (Google)

Partendo dai conti della trimestrale di Alphabet, casa madre di Google, è possibile notare che i ricavi sono quasi raddoppiati rispetto a quelli riportati a fine 2020: 61,88 miliardi di euro contro 38,3 miliardi di dollari. Soprattutto grazie alle entrate generate dai servizi Google (in particolare Google Search) che si sono attestate a 57,06 miliardi di dollari, contro i 34,9 riportati al 31 dicembre 2020. In positivo anche i ricavi provenienti dalle pubblicità di YouTube: da 3,8 a 7 miliardi di dollari. A far sorridere Google, però, è soprattutto la riga che riporta gli utili netti: 18,52 miliardi di dollari (ossia 27,26 dollari per azione), in crescita di quasi tre volte rispetto ai 6,9 riportati al 31 dicembre 2020. “Nel secondo trimestre c’è stata una marea crescente di attività online in molte parti del mondo e siamo orgogliosi che i nostri servizi abbiano aiutato così tanti consumatori e aziende. Il nostro piano di investimenti a lungo termine in AI e Google Cloud ci sta aiutando a portare miglioramenti significativi nel digitale di tutti Esperienza.” ha dichiarato Sundar Pichai, ceo di Google e Alphabet. Infine, positivo anche il sentiment degli investitori.

Reazioni in Borsa: Dopo una chiusura in discesa del 2% nella giornata di ieri, il titolo Alphabet al pre-market odierno è previsto in salita del 4%.

Apple

In questo ultimo trimestre, Apple ha registrato al 26 giugno un fatturato di 81,4 miliardi di dollari, in crescita del 36% rispetto al corrispettivo dell’anno precedente. Soprattutto grazie alle entrate provenienti da suoi iPhone che rappresentano quasi la metà del fatturato totale: 39,57 miliardi di dollari. Nettamente in crescita rispetto ai 26,41 riportati al 27 giugno 2020. Soffermandosi sulla distribuzione geografica, l’America si conferma ancora una volta il primo segmento di mercato dell’azienda di Cupertino con 35,8 miliardi di dollari. Segue l’Europa con 18,9 e la Cina con 14,7 miliardi di dollari. Guardando gli utili, Apple risulta la migliore delle altre due big tech. In quanto riporta un utile netto di 21,7 miliardi di dollari, pari a 1,30 dollari per azione. Dichiarando, tra l’altro, il pagamento di un dividendo in contanti di 0,22 dollari che sarà corrisposto agli azionisti il 12 agosto. “In questo trimestre, i nostri team hanno costruito un periodo di innovazione senza pari, condividendo potenti nuovi prodotti con i nostri utenti, in un momento in cui utilizzare la tecnologia per connettere le persone ovunque non è mai stato così importante”, ha affermato Tim Cook, ceo di Apple. Soddisfatto anche Luca Maestri, cfo dell’azienda di Cupertino: “Abbiamo generato 21 miliardi di dollari di flusso di cassa operativo, restituito quasi 29 miliardi di dollari ai nostri azionisti durante il trimestre e continuato a fare investimenti significativi in ​​tutta la nostra attività per supportare i nostri piani di crescita a lungo termine”.
Reazioni in Borsa: Nonostante i nuovi record evidenziati dai conti della trimestrale, il titolo Apple nel pre-market giornaliero è previsto in discesa dell’1,34%. E ieri ha ceduto a Wall Street l’1,49%.

Microsoft

Guardando i conti della trimestrale di Microsoft, la società ha registrato un fatturato di 46,2 miliardi di dollari, in crescita del 21% rispetto ai 38,03 registrati al 30 giugno 2020. Vedendo praticamente crescere tutti i suoi segmenti di mercato: i ricavi derivanti dalla ‘produttività e i processi aziendali’ sono stati di 14,7 miliardi (+25%), grazie sopratutto all’aumento delle entrate da LinkedIn (+46%); i ricavi dall’​​’Intelligent Cloud’ sono stati di 17,4 miliardi di dollari (+30%), mentre le entrate dal ‘More Personal Computing’ sono state di 14,1 miliardi di dollari (+9%), grazie all’aumento dei ricavi pubblicitari sulla rete di ricerca (+53%) e dei prodotti server e dei servizi cloud (+34%). E se l’utile operativo è stato di 19,1 miliardi di dollari, in crescita del 42% rispetto al 30 giugno 2020, l’utile netto di Microsoft in questo trimestre si è attestato a 16,5 miliardi di dollari, facendo segnare un aumento del 47%. Inoltre, la società fondata da Bill Gates ha dichiarato di aver restituito 10,4 miliardi di dollari agli azionisti sotto forma di riacquisti di azioni e dividendi nel quarto trimestre dell’anno fiscale 2021, con un aumento del 16% rispetto al quarto trimestre dell’anno fiscale 2020.”Stiamo innovando in tutto lo stack tecnologico per aiutare le organizzazioni a guidare nuovi livelli di intensità tecnologica nella loro attività”, ha affermato Satya Nadella, presidente e amministratore delegato di Microsoft. “I nostri risultati mostrano che quando eseguiamo bene e soddisfiamo le esigenze dei clienti in modi differenziati in mercati grandi e in crescita, generiamo crescita, come abbiamo visto nel nostro cloud commerciale e nei nuovi franchise che abbiamo costruito, inclusi giochi, sicurezza, e LinkedIn, che hanno superato i 10 miliardi di dollari di entrate annuali negli ultimi tre anni”, ha aggiunto il numero uno di Microsoft.

Reazioni in Borsa: Nella giornata di ieri il titolo Microsoft ha chiuso leggermente in calo (-0,82%), oggi, nel pre-market, è previsto in salita di quasi l’1%.