Meta dà la caccia agli ingegneri di Apple. Che ora offre bonus fino a 180mila dollari per trattenerli

Apple ingegneri
(foto Eric Thayer/Getty Images)
Share

Una guerra a suon di soldi e opportunità, con destinazione multiverso e con protagonisti gli ingegneri: i costruttori del prossimo universo digitale e virtuale sognato e inseguito da Meta, la nuova realtà creata da Mark Zuckerberg che punta ad annullare le distanze fisiche e a unire in una realtà ibrida l’online e l’offline. Allettando, quindi, la mente e i portafogli dei migliori ingegneri di tutto il mondo, in particolare quelli di Apple. Al punto da averne già contrattualizzati 100 e da aver intensificato la propria strategia di “acquisizione talenti” provenienti proprio dalle divisioni di Apple relative a realtà aumentata, intelligenza artificiale, software e ingegneria hardware.

Ecco perché, secondo quanto rivelato da Bloomberg, l’azienda di Cupertino ha dapprima deciso di imitare la mossa di Meta – attraendo e convincendo alcune figure fondamentali per l’ex Facebook – e poi di instaurare e dividere una serie di bonus economici straordinari ai propri ingegneri, per evitare di far loro indossare loro la casacca nemica.

LEGGI ANCHE: “La grande partita del metaverso: i possibili rivali di Facebook, luci e ombre di un nuovo business”

Apple e i bonus agli ingegneri

Anche se la mossa di Apple di premiare i propri ingegneri non è una novità, questa volta, oltre a non aver informato preventivamente i protagonisti di questa decisione, la società di Cupertino ha rilasciato dei compensi molto più alti rispetto al passato. Secondo quanto evidenziato anche da Forbes, si tratterebbe infatti di un importo che varia dai 50mila fino ad arrivare ai 180 mila dollari. Nel dettaglio, sono diversi coloro che hanno ricevuto importi di 80mila, 100 mila o 120 mila dollari in azioni.

D’altro canto, come scrive ancora Bloomberg, il programma di bonus ha “irritato alcuni ingegneri che non lo hanno ricevuto e che ritengono arbitrario il processo di selezioni”. Va sottolineato inoltre come il premio in azioni possa crescere ancora di valore se il titolo continuerà ai ritmi attuali: nell’ultimo anno è salito del 36%, tanto da portare la capitalizzazione di mercato dell’azienda a quasi tre miliardi di dollari.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it Iscriviti