L’equipaggio del mega yacht del miliardario russo Alisher Usmanov è stato licenziato

(Photo by Clive Brunskill/Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

La società che impiega l’equipaggio del superyacht Dilbar, di proprietà del miliardario russo Alisher Usmanov, lunedì ha licenziato i suoi dipendenti a causa delle sanzioni statunitensi e dell’Unione europea, secondo quanto emerge da un’e-mail inviata all’equipaggio e ottenuta da Forbes.

LEGGI ANCHE: “Chi sono i 20 miliardari più ricchi della Russia”

Lo yacht di 512 piedi, del valore di quasi 600 milioni di dollari, è rimasto bloccato in un cantiere navale nella città portuale tedesca di Amburgo, dove si trovava da ottobre per un lavoro di ristrutturazione. Usmanov, uno dei primi investitori in Facebook, è stato sanzionato da Ue, Stati Uniti, Regno Unito e Svizzera la scorsa settimana. Il messaggio inviato dalla Sarnia Yachts, la società con sede nel Regno Unito datrice di lavoro dell’equipaggio di 96 persone, afferma che “il normale funzionamento dello yacht è cessato”. E che l’azienda non è in grado di pagare ulteriormente gli stipendi ai dipendenti sullo yacht.

LEGGI ANCHE: La Germania sequestra il mega-yacht del miliardario russo Alisher Usmanov

Le sanzioni alla base dei licenziamenti

L’e-mail approfondisce anche il motivo dei licenziamenti: “Le implicazioni di queste sanzioni hanno colpito un certo numero di società che supportano l’equipaggio, incapaci di continuare le loro normali linee di attività”. Ciò significa che l’impiego dell’equipaggio “non può continuare a causa delle sanzioni imposte”. Sarnia dice di non poter più pagare direttamente l’equipaggio a causa delle sanzioni. L’e-mail afferma anche che gli ultimi stipendi verranno pagati direttamente dall’armatore di Dilbar. “A causa di queste sanzioni, Sarnia Yachts non è in grado di pagare i nostri salari. Pertanto stiamo programmando che questi ultimi stipendi, comprese eventuali ferie non retribuite dovute, vengano pagati dal proprietario della nave”.

LEGGI ANCHE: “Chi sono gli oligarchi russi che stanno chiedendo la fine della guerra in Ucraina”

Invece, un piccolo equipaggio impiegato dal costruttore navale tedesco Lürssen si occuperà della sicurezza della nave. I portavoce sia di Usmanov che di Lürssen, proprietaria dei cantieri navali Blohm+Voss dove Dilbar è di stanza da ottobre per un refitting, hanno rifiutato di commentare. Un rappresentante di Sarnia Yachts non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Un piccolo equipaggio sarà mantenuto per ragioni di sicurezza

Secondo una fonte dell’industria nautica, che ha parlato con Forbes in condizione di anonimato, è improbabile che Lürssen si imbatta in sanzioni impiegando un equipaggio residuo più piccolo. Questo perché l’azienda ha il dovere di diligenza di mantenere la sicurezza di base dell’enorme yacht mentre rimane nei suoi cantieri navali. Un’altra fonte di Forbes ha definito normale che un equipaggio ridotto rimanga anche dopo il blocco di uno yacht, perché le navi di quelle dimensioni non possono essere lasciate senza equipaggio. Dilbar è attualmente coperto da una tenda in un bacino di carenaggio, il che significa che non potrà partire a breve. Per partire avrebbe bisogno di un permesso di esportazione per partire che non gli verrà rilasciato, secondo il Ministero dell’Economia e dell’Innovazione dello stato tedesco di Amburgo.

Usmanov non paga direttamente l’equipaggio dello yacht, registrato alle Isole Cayman tramite una compagnia con sede a Malta. Solitamente, aziende come Sarnia stipulano contratti di servizio con una terza parte che emette contratti per l’equipaggio e quindi invia fatture mensili all’armatore dello yacht. La struttura della proprietà rende difficile al governo tedesco legare Dilbar direttamente a Usmanov ai fini delle sanzioni.

LEGGI ANCHE: Gli oligarchi russi hanno già perso 126 miliardi di dollari per l’invasione dell’Ucraina

Stipendi dai 3.300 ai 33mila dollari al mese

Per una nave delle dimensioni della Dilbar, gli stipendi per gli equipaggi vanno da circa 3.300 dollari al mese per un marinaio a quasi 33mila per i capitani. Prima che l’invasione russa dell’Ucraina puntasse i riflettori sugli yacht di proprietà degli oligarchi russi, c’era stata una carenza di equipaggi di yacht in tutto il mondo. Ciò significa che non dovrebbe essere troppo difficile per l’ex equipaggio di Dilbar trovare lavoro altrove.

Tuttavia, la proliferazione di sanzioni e yacht sequestrati – venerdì le autorità italiane hanno congelato due yacht di proprietà di miliardari russi sanzionati – significa che altre società potrebbero presto incorrere negli stessi problemi affrontati da Sarnia su Dilbar. Secondo una delle fonti che ha parlato con Forbes, altre aziende stanno già adottando misure per prepararsi a potenziali sanzioni contro i proprietari finali degli yacht in cui impiegano gli equipaggi. Ciò include la creazione di nuove società offshore utilizzate per pagare i dipendenti, allontanando ulteriormente le aziende dai proprietari di yacht russi che potrebbero essere sanzionati dai paesi occidentali.

LEGGI ANCHE: “La storia di Gazprom, il gigante dell’energia in mano agli uomini di fiducia di Putin”

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.