La storia di Seo Jung-Jin, il miliardario coreano del biotech che cominciò lavorando come tassista

Seo Jung-jin, cofondatore e amministratore delegato di Celltrion Group
Share

È convinto che nel settore biotech si celi la sopravvivenza dell’umanità. Seo Jung-jin, cofondatore e amministratore delegato di Celltrion Group ha corso rischi, sia personali che professionali, per fondare Celltrion e trasformarla in una delle principali aziende biofarmaceutiche del mondo. Secondo Forbes ha un patrimonio di quasi 7 miliardi di dollari ed è la persona più ricca della Corea.

Lei è stato nominato imprenditore mondiale dell’anno 2021 da EY. Come vede adesso il futuro della sua azienda?
È stato un riconoscimento per la notevole crescita dell’industria biotecnologica coreana. È un premio non solo dedicato a me, ma ai numerosi imprenditori che hanno introdotto nel mondo il potenziale e l’abilità tecnologica delle aziende farmaceutiche coreane, che aspirano a divenire player attivi a livello globale. Sono molto onorato di essere il vincitore di WEOY 2021, soprattutto dopo essere stato nominato Entrepreneur of the Year 2010 Rising Star e Entrepreneur of the Year 2020 Master da EY Korea. 

In principio cominciò lavorando come tassista…
Quel lavoro mi servì per pagarmi gli studi alla Konkuk University di Seoul, in Corea del Sud. Dopo aver studiato ingegneria industriale, scalai i ranghi della Daewoo Motor Co. fino a quando persi improvvisamente il lavoro a causa dei problemi finanziari della casa automobilistica, in seguito alla crisi economica asiatica del 1997. Subito dopo, nel 2000, avviai un’attività in proprio con i miei colleghi più giovani di Daewoo Motors in un piccolo ufficio offerto per le startup a Incheon City. All’epoca non avevamo una visione chiara e andavamo incontro a innumerevoli fallimenti. Poi appresi che i trattamenti anticorpali di successo stavano presto perdendo la loro esclusività. Avevo fiducia nel potenziale di crescita dell’industria biofarmaceutica. E, soprattutto, nell’idea di sviluppare prodotti biologici più convenienti e molto simili ai costosi medicinali di riferimento, ora chiamati biosimilari.

E poi ?
Individuai il potenziale di crescita dell’industria biofarmaceutica dopo aver viaggiato nel più grande cluster biofarmaceutico del mondo, San Francisco. Nei primi giorni della mia attività seguii anche i consigli da scienziati, inclusi premi Nobel ed esperti del settore di big pharma. Fondai l’azienda biofarmaceutica Celltrion, con alcuni dei miei colleghi, nel 2002, con soli 45mila dollari. L’azienda è adesso cresciuta fino a raggiungere oltre 2.100 dipendenti con permessi di vendita in più di 90 paesi e ricavi superiori a 1,69 miliardi di dollari.

LEGGI ANCHE: La storia di Binny Bansal, il miliardario che ha creato l’Amazon indiano in un appartamento di Bangalore

Qual è stato il momento più difficile all’inizio della sua attività?
Guardando indietro, un importante punto di svolta della mia attività è quando ho deciso di sviluppare il nostro anticorpo monoclonale biosimilare interno, spostando la nostra attenzione dal business Cmo (Contract manufactoring organisations), che aveva fornito un flusso di entrate stabile. All’inizio, abbiamo iniziato la nostra attività come Cmo come i concorrenti. L’attività stava andando alla grande, incluso un accordo di successo con Bms, e ha gettato le basi per ciò che Celltrion è oggi. Poi mi sono chiesto: “Voglio continuare a produrre per gli altri o voglio sviluppare il mio prodotto?” Alla fine ho deciso di chiudere il nostro Cmo e ho iniziato a sviluppare il nostro anticorpo monoclonale biosimilare interno. Dopo aver navigato attraverso una serie di pianificazione e conduzione di studi clinici globali per Remsima e Herzuma, seguiti dall’ottenimento di approvazioni di marketing e commercializzazione globali, Celltrion si è gradualmente assicurato un vantaggio competitivo unico. Il lancio di Remsima, il primo biosimilare di anticorpi al mondo, portò Celltrion nei ranghi del settore farmaceutico relativamente sottosviluppato del paese. Celltrion seguì questo successo con il lancio di farmaci per il cancro al seno e il linfoma che sono ora utilizzati in tutto il mondo.

Quale fu la maggiore spinta al successo per lei?
Ho semplicemente corso verso il mio obiettivo. Non avrei mai immaginato che la mia attività sarebbe diventata così grande. Celltrion non sarebbe dove è oggi senza tutti i nostri dipendenti che si sono messi alla prova e si sono impegnati con passione a raggiungere un obiettivo e una visione comuni di sviluppo interno di mAb biosimilari. Remsima di Celltrion adesso è il primo mAb biosimilare al mondo approvato dalle agenzie di regolamentazione globali, tra cui Fda ed Ema. È un biosimilare di Remicade ed è indicato per il trattamento di malattie autoimmuni come l’artrite reumatoide e le malattie infiammatorie intestinali.

Quali sono ora i vostri obiettivi?
Continuiamo a consolidare la nostra leadership nel mercato globale con le capacità di ricerca e sviluppo all’avanguardia. Abbiamo un solido portafoglio che include il trattamento del cancro del sangue Truxima, il trattamento del cancro al seno e allo stomaco Herzuma, la prima formulazione sottocutanea al mondo di infliximab Remsima SC e un biosimilare di adalimumab privo di citrati ad alta concentrazione Yuflyma che fa riferimento a HumiraTM per il trattamento delle malattie autoimmuni. I nostri prodotti chiave hanno continuato a mantenere la nostra leadership di mercato nei mercati dell’oncologia e delle terapie anticorpali per malattie autoimmuni dell’UE, con Remsima e Truxima che hanno conquistato il 53% e il 36% del rispettivo mercato nel quarto trimestre del 2021, superando i produttori.

Più recentemente, avete risposto alla pandemia globale sviluppando un trattamento con anticorpi per Covid-19. Come funziona esattamente? 

Il trattamento con anticorpi Covid-19 di Celltrion regdanvimab è stato sviluppato selezionando l’anticorpo neutralizzante più potente contro Sars-CoV-2, seguito dallo sviluppo di linee cellulari. Regdanvimab è un anticorpo monoclonale specificamente diretto contro la proteina spike di Sars-CoV-2, progettato per bloccare l’attaccamento del virus e l’ingresso nelle cellule umane. I dati di efficacia e sicurezza principali dello studio clinico globale di Fase III hanno dimostrato che regdanvimab ha un profilo di sicurezza positivo e ha soddisfatto tutti i punti finali di efficacia primari e secondari. Essendo sviluppato come trattamento con anticorpi, consente la produzione in serie del trattamento con qualità e sicurezza costanti. Le terapie anticorpali Covid-19 continueranno a svolgere un ruolo significativo nella lotta alla pandemia. Ci vorrà più di un vaccino per sconfiggere il Covid-19: dall’indossare la maschera al completamento dello sviluppo e all’aumento della fornitura di vaccini, terapie anticorpali e antivirali complessivamente.

LEGGI ANCHE: La storia di Genenta, la prima biotech italiana quotata al Nasdaq che sta testando una terapia contro il cancro

Il cancro continua a essere una delle malattie più mortali e anche in questo settore state sviluppando trattamenti per il futuro. 

Con il track record di Herzuma e Truxima, Celltrion ha dimostrato le sue capacità di ricerca e sviluppo nel mercato globale delle terapie anticorpali contro il cancro. Celltrion ha investito in Iksuda Therapeutics, sviluppatore di anticorpi coniugati (ADC) con sede nel Regno Unito, nel tentativo di concentrarsi sullo sviluppo di nuovi farmaci oncologici. Gli Adc rappresentano una potente aggiunta al trattamento del cancro, con un meccanismo che consente la somministrazione di potenti agenti citotossici direttamente alle cellule tumorali utilizzando anticorpi monoclonali che prendono di mira gli antigeni tumore-specifici. Questo approccio selettivo si traduce in un’efficacia superiore e in meno effetti collaterali per i pazienti.

Quali sono ora i suoi valori come imprenditore?

Per me l’imprenditorialità in una parola è “sacrificio”. Un imprenditore è colui che si sacrifica per lo sviluppo della sua azienda. Affinché un’azienda abbia successo, gli imprenditori dovrebbero far sentire i propri dipendenti gratificati e credere che l’azienda per cui lavorano sia l’azienda di tutti piuttosto che “l’azienda del presidente”. La vera imprenditorialità consiste nel guidare la crescita reciproca della propria azienda con la comunità, il paese, le generazioni future e, in definitiva, nel promuovere il benessere e la felicità dell’umanità.

Che consigli può offrire ai giovani imprenditori? 

Ho iniziato la mia attività con sei membri fondatori 19 anni fa, all’età di 45 anni. Ne ho passate tante, ma niente mi ha fermato. Spero che la storia di Celltrion incoraggi i giovani e gli imprenditori coreani a continuare a sfidare se stessi e dia loro la speranza. Le aziende dovrebbero perseguire una visione che porti benefici alle persone, al paese e all’umanità in generale. Per il futuro Celltrion continuerà a investire in ricerca e sviluppo e fare progressi con l’obiettivo di fornire opzioni di trattamento più convenienti a oltre 7 miliardi di persone in tutto il mondo. Credo che questo dovrebbe essere l’obiettivo ultimo di tutte le aziende farmaceutiche. 

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.