I più giovani miliardari del pianeta: chi sono i 12 under 30 della classifica Forbes

Austin Russell, ceo e founder di Luminar (miliardario più giovane al mondo)
Austin Rusell, ceo e founder di Luminar Technologies – foto pubblicato sul sito Forbes.com
Share

Dodici persone di età inferiore ai 30 anni sono entrate nella lista di Forbes dei miliardari del 2022, inclusi quattro ragazzi che hanno abbandonato Stanford, due magnati del food delivery e un mago delle criptovalute.

I più giovani miliardari del pianeta sono vivi da nemmeno tre decenni, ma ciò non ha impedito loro di accumulare fortune a sei zeri. Dodici under 30 sono entrati nella lista di Forbes dei miliardari del mondo del 2022, inclusi quattro che hanno abbandonato Stanford, due magnati del food delivery e un mago delle criptovalute. Insieme hanno un patrimonio combinato di 25,8 miliardi di dollari e rappresentano meno dello 0,5% dei 2.668 miliardari trovati da Forbes quest’anno.

Sette miliardari self-made nell’elenco dei dodici under 30

Quattro dei dodici miliardari sotto i 30 anni, tutti self-made, sono entrati in classifica ​​quest’anno. Il più ricco tra loro è Gary Wang, 28 anni, cofondatore e chief technology officer dell’exchange di criptovalute FTX, con sede alle Bahamas (il collega cofondatore e ceo di FTX Sam Bankman-Fried, che ha compiuto 30 anni a marzo, era il ventenne più ricco dell’anno scorso, con un patrimonio stimato di 8,7 miliardi di dollari).

LEGGI ANCHE: “I nuovi miliardari del 2022: Rihanna, Peter Jackson e le altre new entry della classifica di quest’anno”

LEGGI ANCHE: “Giovanni Ferrero resta il più ricco: chi sono i 52 italiani nella classifica dei miliardari di Forbes”

Insieme a Wang c’è il 27enne Ryan Breslow, per un patrimonio stimato di 2 miliardi di dollari , che ha abbandonato Stanford per fondare la società di software di pagamento Bolt, prima di dimettersi dalla carica di ceo all’inizio di quest’anno. A completare i nuovi entranti ci sono i compagni di Stanford Pedro Franceschi e Henrique Dubugras, che sono entrati nella lista dei miliardari quando la loro startup di carte di credito Brex ha raggiunto una valutazione di 12,3 miliardi di dollari a gennaio. I fondatori, di origine brasiliana, rispettivamente di 25 e 26 anni, ora hanno un patrimonio di circa 1,5 miliardi di dollari ciascuno.

LEGGI ANCHE: “Ecco quanto hanno perso in un anno i miliardari più ricchi della Russia”

7 miliardari under 30 self-made

Complessivamente ci sono sette miliardari self-made under 30 nell’elenco di quest’anno, contro i cinque eredi di fortune consolidate. Oltre ai su detti ci sono Stanley Tang e Andy Fang, entrambi 29 anni, che hanno cofondato l’app di consegna di cibo DoorDash nel 2013 con Tony Xu (che ora ha 37 anni). Le loro quote erano valutate ciascuna oltre 2 miliardi di dollari quando la società si è quotata nel 2020. E, sebbene le azioni siano in calo da allora, le due valgono ancora rispettivamente 1,2 e 1,1 miliardi di dollari.

Anche Austin Russell, che è diventato il miliardario self-made più giovane del mondo quando la sua azienda di sensori automobilistici Luminar Technologies è sbarcata sui mercati nel dicembre 2020, ha visto la sua fortuna scivolare. Oggi 27enne, il patrimonio netto di Russell è in calo di un terzo, a circa 1,6 miliardi di dollari.

Chi è il miliardario più giovane al mondo?

A conquistare il titolo di miliardario più giovane del mondo per il secondo anno consecutivo è il diciannovenne Kevin David Lehmann, del valore stimato di 2,4 miliardi di dollari. L’unico adolescente della lista ha ereditato una partecipazione del 50% nella catena di farmacie tedesca dm-drogerie markt da suo padre, uno dei primi investitori nel business, ma nessuno dei due è coinvolto nelle sue operazioni quotidiane.

Anche altri quattro sotto i 30 anni devono ringraziare i genitori per le loro fortune. Sono Gustav Magnar Witzoe, 28 anni, erede di uno dei più grandi allevamenti di salmoni al mondo; Wang Zelong, 25 anni, che ha ereditato partecipazioni in due aziende chimiche cinesi; e le sorelle norvegesi Alexandra e Katharina Andresen, rispettivamente di 25 e 26 anni.

Nel complesso è stato un anno di alti e bassi per questi dodici miliardari. Anche se ci sono due miliardari sotto i 30 anni in più rispetto al 2021, questo gruppo vale complessivamente 3,7 miliardi di dollari in meno rispetto al gruppo dell’anno scorso. In gran parte a causa dei mercati azionari instabili e del 30esimo compleanno di Sam Bankman-Fried. Forbes ha a disposizione l’età del 97% dei membri dell’elenco 2022. Questo post si basa sulle età che siamo stati in grado di confermare.

Ecco i dodici membri della lista dei miliardari del mondo 2022 under 30, dal più vecchio al più giovane

12. Andy Fang

Età: 29

Patrimonio netto: $ 1,1 miliardi

Fonte di ricchezza: DoorDash

Paese: Stati Uniti

11. Stanley Tang

Età: 29

Patrimonio netto: $ 1,2 miliardi

Fonte di ricchezza: DoorDash

Paese: Stati Uniti

10. Gustav Magnar Witzoe

Età: 28

Patrimonio netto: $ 4,5 miliardi

Fonte di ricchezza: piscicoltura

Paese: Norvegia

9. Gary Wang

Età: 28

Patrimonio netto: $ 5,9 miliardi

Fonte di ricchezza: criptovaluta

Paese: Stati Uniti

8. Ryan Breslow

Età: 27

Patrimonio netto: $ 2,0 miliardi

Fonte di ricchezza: E-commerce

Paese: Stati Uniti

7. Austin Russell

Età: 27

Patrimonio netto: $ 1,6 miliardi

Fonte di ricchezza: tecnologia automobilistica autonoma

Paese: Stati Uniti

6. Katharina Andresen

Età: 26

Patrimonio netto: $ 1,3 miliardi

Fonte di ricchezza: impresa di investimento

Paese: Norvegia

5. Henrique Dubugras

Età: 26

Patrimonio netto: $ 1,5 miliardi

Fonte di ricchezza: Fintech

Paese: Brasile

4. Wang Zelong

Età: 25

Patrimonio netto: $ 1,5 miliardi

Fonte di ricchezza: produzione di pigmenti

Paese: Cina

3. Pedro Franceschi

Età: 25

Patrimonio netto: $ 1,5 miliardi

Fonte di ricchezza: Fintech

Paese: Brasile

2. Alexandra Andresen

Età: 25

Patrimonio netto: $ 1,3 miliardi

Fonte di ricchezza: impresa di investimento

Paese: Norvegia

1. Kevin David Lehmann

Età: 19

Patrimonio netto: $ 2,4 miliardi

Fonte di ricchezza: farmacie

Paese: Germania

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it Iscriviti