I nuovi miliardari del 2022: Rihanna, Peter Jackson e le altre new entry della classifica di quest’anno

(Photo by Mike Coppola/Getty Images)
Share

Articolo apparso su Forbes.com a firma di Matt Durot

Nonostante un anno caratterizzato dalla guerra, dal Covid-19 e dalla debolezza dei mercati, queste fortunate personalità sono recentemente entrate nel club dei miliardari.

È stato un anno negativo per i miliardari. Secondo la classifica annuale dei miliardari di Forbes, ce ne sono 87 in meno e con un patrimonio di 400 miliardi di dollari in meno rispetto a un anno fa. Tuttavia, nonostante guerre, pandemie e mercati fiacchi, nell’ultimo anno sono diventate miliardarie un totale di 236 persone (in calo rispetto al record di 493 nel 2021).

LEGGI ANCHE: “Giovanni Ferrero resta il più ricco: chi sono i 52 italiani nella classifica dei miliardari di Forbes”

Chi sono le new entry della classifica Forbes dei miliardari del 2022

Queste new entry ​​provengono da 34 paesi diversi. Nonostante la repressione tecnologica attuata dal suo governo, la Cina ha prodotto 62 nuovi miliardari (di cui due provenienti da Hong Kong). Il numero più alto di qualsiasi altro Paese.

Tra questi ci sono Chris Xu, 52 anni (con un patrimonio stimato di 5,4 miliardi di dollari), il misterioso fondatore di Shein, il colosso del fast fashion preferito della Gen Z, e il professore di ingegneria di 54 anni Tang Xiao’ou (5,7 miliardi di dollari). La sua azienda SenseTime riceve circa la metà delle entrate dal Partito Comunista Cinese (agli investitori statunitensi è stato impedito di acquistare azioni nella sua Ipo di Hong Hong a dicembre a causa delle sanzioni).

Il più ricco esordiente viene dalla vicina Taiwan. Zhang Congyuan, 74 anni (11,7 miliardi di dollari), È la persona più ricca del suo paese. È il fondatore del produttore di scarpe Huali Industrial, che produce calzature per dozzine di marchi, tra cui Nike, Puma, UGG e Vans.

Gli Usa al comando per numero di new entry

Gli Stati Uniti vantano il secondo maggior numero di nuovi arrivati ​​(50). Tra questi ci sono il 28enne Gary Wang (5,9 miliardi di dollari), che è il cofondatore e chief technology officer dell’exchange di criptovalute FTX con sede alle Bahamas, e il 44enne Scott Shleifer (5 miliardi di dollari), che ha cofondato il ramo di private equity dell’hedge fund Tiger Global Management.

L’India completa il podio, con 29 nuovi miliardari, tra cui il 47enne gestore di hedge fund Karthik Sarma (3,1 miliardi di dollari), la cui azienda ha visto la sua partecipazione del 43% in Avis Budget Group più che quintuplicata nel 2021, e il miliardario farmaceutico di 95 anni Subba Rao Jasti (1,1 miliardi di dollari), la persona più anziana aggiunta alla lista di quest’anno. La self-made woman più ricca d’India, Falguni Nayar (4,5 miliardi di dollari), ha lasciato l’investment banking una decina di anni fa all’età di 49 anni per lanciare a novembre la lineaa di bellezza e moda Nykaa.

Le donne entrate nella classifica dei miliardari

Solo 33 dei 236 nuovi ingressi nella lista dei miliardari di quest’anno sono donne e solo 11 di loro sono self-made. Renata Kellnerova ha ereditato una fortuna stimata in 16,6 miliardi di dollari insieme ai suoi quattro figli dopo che suo marito Petr Kellner, investitore  persona più ricca della Repubblica Ceca, è morto in un incidente in elicottero nel marzo 2021. È la nuova miliardaria nella classifica più ricca. Le americane più ricche che si uniscono alla lista sono: Edythe Broad (6,9 miliardi di dollari), vedova del defunto magnate dell’edilizia e delle assicurazioni e filantropo Eli Broad, e Melinda French Gates (6,2 miliardi di dollari), l’ex moglie di Bill Gates di Microsoft.

Rimanendo sulle donne che si sono fatte da sé entrate in classifica nel 2022, nessuno è più ricco della 34enne Melanie Perkins, cofondatrice e ceo dell’app di progettazione grafica Canva, valutata dagli investitori lo scorso settembre 40 miliardi di dollari. Perkins e il suo cofondatore 36enne Cliff Obrecht (6,5 miliardi di dollari ciascuno) si sono impegnati a donare il 30% di Canva – la “grande maggioranza” delle loro partecipazioni – alla Fondazione Canva, con lo scopo utilizzare tali cifre per scopi benefici.

Tra le nuove miliardarie ci sono anche Miranda Qu, 37 anni (1,8 miliardi di dollari), cofondatrice e presidente della società di social media ed e-commerce con sede a Shanghai Xiaohongshu, e la pop star 34enne Rihanna (1,7 miliardi di dollari), le cui partecipazioni nella linea di cosmetici Fenty Beauty e nel business della lingerie Savage X Fenty hanno portato in lista per la prima volta le Barbados.

Rihanna non è l’unico grande nome dell’industria dell’intrattenimento a entrare per la prima volta nella classifica di quest’anno. Il regista del Signore degli Anelli Peter Jackson (1,5 miliardi di dollari) è diventato miliardario a novembre, quando ha venduto una partecipazione della sua società che si occupi di effetti speciali per film digitali Weta a Unity Software per circa 975 milioni di dollari. E se il nome di Leonid Radvinsky (1,2 miliardi di dollari) potrebbe non ricordarti nulla, probabilmente hai invece familiarità con OnlyFans, il miglior investimento del 40enne veterano del porno online.

Investitori tradizionali e innovatori

Anche se i mercati globali sono incerti, quest’anno il settore finanziario e degli investimenti ha prodotto più nuovi miliardari (45) di qualsiasi altro settore. Ci sono investitori tradizionali come il 36enne Josh Kushner (2 miliardi di dollari), la cui società di venture capital Thrive Capital è stata valutata 3,6 miliardi di dollari dall’investitore Goldman Sachs lo scorso maggio, e il 53enne Ramzi Musallam (4 miliardi di dollari), che ha portato il patrimonio della società di private equity Veritas Capital a 39,5 miliardi di dollari, dai 2 miliardi nel 2012, anno in cui il fondatore Robert McKeon si è suicidato.

I nuovi arrivati ​​dal settore finanziario includono anche innovatori fintech che cercano di sconvolgere lo status quo, inclusi i due nuovi miliardari più giovani della lista: il 25enne Pedro Franceschi e il 26enne Henrique Dubugras (1,5 miliardi di dollari ciascuno) e i cofondatori brasiliani della startup di carte di credito aziendali Brex, che a gennaio è stata valutata dagli investitori 12,3 miliardi di dollari.

Tra le novità gli ucraini fondatori di Grammarly

Brex non è stato l’unico decacorn a rendere miliardari i suoi fondatori. L’anno scorso in tutto il mondo, 30 startup hanno superato la valutazione di 10 miliardi di dollari, il doppio rispetto al 2020.
Molte sono aziende tecnologiche, che portano il settore tecnologico ad aggiungere 38 nuovi arrivati ​​all’elenco di quest’anno, tra cui Alex Shevchenko e Max Lytvyn (4 miliardi di dollari ciascuno), i 42enni ucraini cofondatore dello strumento di controllo grammaticale Grammarly, che a novembre è stato valutato dagli investitori 13 miliardi di dollari.

Ci sono poi i cofondatori del mercato NFT di OpenSea, il 31enne Devin Finzer e il 30enne Alex Atallah (2,2 miliardi di dollari ciascuno), che sono diventati miliardari quando l’attività è stata valutata 13,3 miliardi in un round di finanziamento di gennaio. A febbraio, il 34enne Nikil Viswanathan e il 32enne Joe Lau (2,4 miliardi di dollari ciascuno), hanno chiuso un round di finanziamento per la loro startup, Alchemy, valutata 10,2 miliardi di dollari, il cui software alimenta migliaia di aziende di informatica basate su blockchain. Non male, considerando che la coppia ha avviato l’azienda meno di due anni fa.

Il settore manifatturiero ha prodotto 36 nuovi miliardari quest’anno, tra cui la 65enne Susan Carol Holland (3,8 miliardi di dollari), presidente di Amplifon, con sede a Milano, il più grande rivenditore al mondo di apparecchi acustici, fondato dal suo defunto padre Algernon Charles Holland nel 1955.  Anche un altro italiano, Giuseppe Crippa, 86 anni (3,2 miliardi di dollari), ha debuttato nella lista di quest’anno, tre decenni dopo aver fondato Technoprobe nel suo garage. L’azienda leader nel settore dei semiconduttori e della microelettronica con sede a Cernusco Lombardone è stato quotata in borsa su Euronext Milano a febbraio.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it Iscriviti