L’ex custode di hotel diventato miliardario grazie alla sua app di viaggi

yanolja-Lee Su-jin
Lee Su-jin, fondatore di Yanolja. SEONGJOON CHO/BLOOMBERG
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Mentre il mondo si riapre e l’industria dei viaggi e degli hotel si riprende dal periodo di pandemia, l’app sudcoreana Yanolja, come dichiarato nel suo primo reportha registrato una forte crescita delle vendite del primo trimestre. E si sta preparando a essere quotata in borsa. Il documento, pubblicato la scorsa settimana, ha rivelato la partecipazione del fondatore Lee Su-jin nella società, rendendo ufficialmente l’ex custode di hotel un miliardario.

La crescita del fatturato di Yanolja

Lee, che ha compiuto 44 anni a febbraio, è ad e secondo azionista, con una quota del 16,54%. La moglie e le due figlie possiedono ciascuna una quota del 5,18% della società. Il maggiore azionista è Softbank Vision Fund 2, che ha acquistato una quota del 25,23% nel luglio dello scorso anno per 1,7 miliardi di dollari, valutando Yanolja 6,7 miliardi di dollari. Con questa valutazione, Forbes stima il patrimonio netto di Lee e della sua famiglia a 2 miliardi di dollari.

Fondata nel 2005, Yanolja, che in coreano significa “Ehi, giochiamo”, ha espanso la sua attività dagli hotel per brevi soggiorni ai trasporti e, più recentemente, al software di cloud computing che aiuta le strutture alberghiere e le compagnie di viaggio a digitalizzare i processi aziendali. L’azienda ha riferito che il fatturato del primo trimestre è aumentato del 19% rispetto all’anno precedente, raggiungendo i 100,5 miliardi di won (80 milioni di dollari), mentre l’utile netto è sceso leggermente a 8,8 miliardi di won rispetto ai 9 miliardi di won dello stesso periodo.

L’attività di cloud

Yanolja guadagna la maggior parte soldi prendendo una percentuale sulle prenotazioni e facendo pagare agli hotel e alle compagnie di viaggio la pubblicità sulla sua piattaforma. Negli ultimi anni, l’azienda ha ampliato le sue attività basate sul cloud, come i sistemi di gestione che aiutano gli hotel a gestire le prenotazioni e le analisi dei big data che prevedono il comportamento dei clienti. Nel primo trimestre, le entrate derivanti dall’attività cloud hanno contribuito per il 20,5% al fatturato totale di Yanolja, rispetto all’8,5% circa dell’anno solare 2021.

Nel suo rapporto sul primo trimestre, l’azienda ha dichiarato che i servizi digitali si sono diffusi nel settore del tempo libero dall’inizio della pandemia. Ha inoltre osservato che un numero maggiore di hotel ha utilizzato software per ridurre i costi e aumentare l’efficienza durante il Covid.

I media locali hanno riferito che Yanolja sta progettando di quotarsi al Nasdaq nel terzo trimestre di quest’anno. Oltre a SoftBank, tra gli altri investitori della società figurano il fondo sovrano di Singapore GIC, il gigante dei viaggi online Booking.com e SkyLake Investment, un’azienda coreana di private equity guidata dall’ex dirigente di Samsung Electronics Chin Dae-je.

Da ex inserviente a imprenditore di successo

Come il fondatore di Kakao Kim Beom-su, n. 1 della lista dei più ricchi coreani del 2022, il successo di Lee è una storia che ha dell’incredibile. Rimasto orfano da bambino, Lee ha lavorato come custode in un hotel prima di fondare Yanolja. Lee, che ha conseguito una laurea in ingegneria presso l’Università Nazionale Kongju nella città sudcoreana di Gongju, ha sfruttato le sue conoscenze con i fornitori di carta igienica e i proprietari di hotel per lanciare Yanolja, secondo un articolo di Bloomberg News.

Lee è l’ultimo ad aggiungersi a un gruppo crescente di miliardari self-made in Corea del Sud, dove i gruppi familiari hanno tradizionalmente dominato l’economia del Paese. Lee Seung-gun, ad esempio, scappato di casa per lanciare una startup contro il volere dei genitori, è entrato nel club dei miliardari l’anno scorso, dopo un round di finanziamenti da 410 milioni di dollari che ha valutato la sua startup, Viva Republica, a 7,4 miliardi di dollari.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.