Cos’è la “paranoia della produttività” e perché può danneggiare gli ambienti di lavoro ibridi: la ricerca di Microsoft

donna davanti a un pc
(GettyImages)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

I nuovi dati del Work Trend Index di Microsoft, che ha intervistato 20.000 dipendenti in 11 Paesi, mostrano che, nonostante i primi segnali di un boom della produttività durante la pandemia – quando molti lavoratori lavoravano da casa -, c’è un forte divario tra la percezione della produttività da parte dei lavoratori e quella dei loro datori di lavoro.

Le differenti percezioni di capi e dipendenti

L’87% dei dipendenti che hanno risposto al sondaggio ha dichiarato di essere produttivo al lavoro e Microsoft ha riferito all’inizio dell’anno che molti segnali di produttività sono in aumento. In primavera, il gigante tecnologico ha scoperto che il numero di riunioni settimanali tra gli utenti della sua piattaforma Teams è aumentato del 153% dall’inizio della pandemia. Le riunioni che si sovrappongono sono aumentate del 46%. Almeno il 42% delle persone svolge attività multi-task, inviando attivamente un’e-mail o un ping a un collega durante una riunione programmata.

Tuttavia, l’85% dei leader intervistati ha dichiarato che il lavoro ibrido ha reso più complicato valutare la produttività dei dipendenti. Questa “paranoia della produttività”, come la definisce Microsoft nel suo rapporto, è il risultato del paradosso dei capi che temono una perdita di produttività, anche se le ore lavorate, il numero di riunioni e le metriche che mostrano l’attività effettiva sono in crescita.

“Si finisce per avere lavoratori che dicono: ‘Sto andando benissimo’ e leader che dicono: ‘Non sono sicuro che tu lo stia facendo'”, ha detto il vicepresidente di Microsoft Jared Spataro in un’intervista a Forbes. “C’è una tensione reale che si sta sviluppando. Ogni azienda ci sta lavorando”.

La ricerca è stata pubblicata mentre il colosso del software sta lanciando nuove funzionalità per affrontare le questioni legate alle produttività. L’azienda ha annunciato una serie di nuovi aggiornamenti per Viva, la sua piattaforma di gestione dei dipendenti, che comprenderanno, per esempio, una maggiore integrazione degli “obiettivi” dei lavoratori tra Viva e Microsoft Teams, nonché una nuova app chiamata Viva Pulse per ottenere il feedback dei lavoratori e una nuova funzionalità che utilizza l’intelligenza artificiale per abbinare le domande dei dipendenti agli esperti dell’azienda. Due anni fa, l’azienda ha apportato delle modifiche alle misure di produttività nei suoi strumenti in seguito ad alcune domande sulla privacy.

I dati sulla produttività

Il rapporto arriva mentre i dati macroeconomici hanno mostrato un forte calo della produttività, alimentando i timori dei datori di lavoro sulla quantità di lavoro svolto dai loro dipendenti, soprattutto quando non sono in presenza.

In tanti hanno sostenuto che i cali di produttività non sono in realtà il segno di giovani lavoratori pigri che “si licenziano tranquillamente” o di lavoratori ibridi che fanno i lavori domestici invece di rispondere alle e-mail. Piuttosto, i lavoratori inesperti che assumono nuovi incarichi in seguito alle Grandi Dimissioni, i lavoratori esperti che devono formare un numero molti nuovi assunti e il burnout di coloro che hanno fatto gli straordinari durante i primi anni della pandemia, sembrano avere il maggiore impatto sul calo della produttività.

Secondo il rapporto di Microsoft, i dati mostrano delle differenze: i manager che lavorano i maniera ibrida hanno maggiori probabilità di affermare di avere difficoltà a fidarsi dei propri dipendenti rispetto ai manager in sede (49% contro 36%).

Le ragioni per tornare in ufficio

Spataro ritiene che la mancanza di fiducia dei manager derivi non solo dall’impossibilità di vedere i propri dipendenti in ambienti ibridi, ma anche dalle pressioni incessanti e dalle elevate aspettative che i manager devono affrontare per le prestazioni aziendali.

L’ultimo Work Trends Index ha anche rilevato che le offerte di cibo gratis, i concerti rock o le minacce di sanzioni potrebbero non essere molto utili per riportare le persone in ufficio. Ciò che potrebbe davvero spingere le persone a tornare sono semplicemente i loro colleghi. L’84% dei dipendenti sarebbe motivato a tornare in ufficio dalla promessa di socializzare e l’85% dall’opportunità di ricostruire i legami di squadra. I partecipanti al sondaggio hanno anche dichiarato che sarebbero disposti a tornare in ufficio più spesso se sapessero che ci saranno i loro membri del team (73%) o i loro amici di lavoro (74%).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.