Wine

Cantina Mascarello

La Mascarello Michele & Figli C. Valletti è un’azienda con sede a La Morra, nel cuore delle Langhe. La Cantina è nata nel 1927 per volontà di nonna Maria, raro esempio di imprenditoria femminile in un periodo in cui il ruolo della donna era principalmente quello di moglie e madre. Da allora, è rimasta un’azienda a conduzione familiare che ha proseguito l’attività nello spirito della tradizione e degli insegnamenti tramandati. Dalla fine degli anni ’80 a guidare la Cantina è stato il figlio di nonna Maria, Umberto, il quale ebbe l’intuizione di rivolgersi esclusivamente ad una clientela di piccoli consumatori, curando sempre di più la qualità del vino e del servizio, portando così l’azienda ad un livello superiore. Nel 2020 Fabio Mascarello, figlio di Umberto, ha acquistato interamente le quote dell’azienda con l’obiettivo di lavorare alla ricerca continua di una qualità dei vini sempre superiore, al fine di poter essere apprezzati da una clientela certo numerosa, ma comunque scelta. Nel 2022 il Ministero dello Sviluppo Economico ha iscritto la Mascarello Michele & Figli C. Valletti nel Registro dei Marchi Storici di Interesse Nazionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .

CONTATTI

Sede: località Gallinotto 126,
12064 La Morra (CN)
Telefono: 017350103
Email: [email protected]

In primo piano

Subentrando al timone dell’Azienda nel 2020, Fabio Mascarello si impegna a dare continuità all’attività di famiglia, trasmettendo i valori e gli insegnamenti ricevuti a suo figlio Pietro, che rappresenta la quarta generazione, con la speranza che la tradizione di famiglia continui. Il cambio di passo voluto da Fabio ha portato in azienda un rinnovo generazionale con l’assunzione in varie mansioni di ben quattordici under 30, portando a cinquanta il numero dei collaboratori.

Il punto forte

Il vino più prestigioso è il Barolo riserva Umberto, dal colore rosso granato che al naso risulta intenso e complesso con note che vanno dalla frutta rossa alla liquirizia. Dopo l’affinamento minimo di cinque anni, con un passaggio nelle tradizionali botti di rovere, al palato si presenta caldo, con una trama tannica avvolgente che lo rende molto setoso. Gusto e struttura lo rendono perfetto in abbinamento a carni rosse, selvaggina e primi piatti conditi dal tartufo bianco d’Alba.

Contenuto precedente
Contenuto successivo