Fri-El Green House

Share

Il gruppo Fri-El è un’azienda 100% italiana, animata da una forte passione per le cose fatte bene, uno dei principali produttori del nostro territorio di energia elettrica da fonti rinnovabili, da quella eolica alla biomassa passando per il biogas. L’azienda soddisfa il fabbisogno di migliaia di famiglie italiane e valorizza l’economia locale sostenendo l’occupazione nei territori nei quali investe e opera. Attraverso Fri-El Green House, azienda in forte espansione dedicata alla coltivazione e alla commercializzazione di pomodori freschi, il gruppo ha realizzato serre ipertecnologiche che vengono riscaldate con l’acqua prodotta da centrali elettriche. In questo modo si recupera energia preziosa, dando vita a un ciclo virtuoso che fa bene all’ambiente e ai nostri pomodori. Per soddisfare le crescenti richieste di pomodoro sostenibile, a partire da settembre 2021, Fri-El Green House garantisce la produzione su oltre 31 ettari di serre, andando a triplicare il prodotto disponibile nei supermercati di tutta Italia.

CONTATTI

Contatti: Via delle Serre 1, Ostellato (FE) - Tel. 0533 57411
Email: [email protected]

OBIETTIVI
Obiettivo 3
Obiettivo 5
Obiettivo 6
Obiettivo 7
Obiettivo 8
Obiettivo 9
Obiettivo 11
Obiettivo 12
Obiettivo 13
Obiettivo 15
Obiettivo 17
Personaggi ed interpreti

“Creare il gruppo di lavoro Fri-El Green House e farlo crescere – afferma Florian Gostner, titolare del gruppo – è una meravigliosa sfida. L’innovazione che ogni giorno mettiamo in campo è frutto di avanzate tecnologie e dell’entusiasmo delle nuove figure professionali che con noi coltivano il sogno di un futuro più buono e sostenibile”. L’azienda conta 164 collaboratori che hanno un’età media di 34 anni e il 41 per cento sono donne.

Il punto forte

La coltivazione in serra idroponica permette di utilizzare quantità ridotte di terreno rispetto alle coltivazioni tradizionali in campo. Ciò porta a un minore impatto ambientale, a una capacità produttiva ottimizzata e a zero composti immessi direttamente nel terreno e nelle falde acquifere. Complessivamente questo tipo di coltivazione consente un risparmio di superficie pari al 70 per cento e, grazie a sofisticati impianti di irrigazione, anche il 70 per cento di risparmio idrico. L’acqua in eccesso viene recuperata, filtrata e immessa nuovamente nell’impianto. L’acqua piovana viene raccolta e utilizzata per irrigazione.

Share
Contenuto precedente
Contenuto successivo