La Contralta

Share

L’azienda vitivinicola, nata nel 2019, produce vini eleganti e longevi partendo da vitigni tradizionali dell’isola, in particolare del gallurese. Una terra caratterizzata dal granito, elemento principale del suolo in cui crescono le viti. Questo conferisce al vino sapidità e mineralità, in linea con una filosofia produttiva che ha come obiettivo il minimalismo enologico e un’agricolutra sostenibile. Il nome la Contralta deriva dal toponimo di una piccola spiaggia adiacente, la tenuta di Palau, un ambiente unico che incanta i visitatori da tutto il mondo. Due ettari con declivio sul mare, che vanno a unirsi agli ulteriori cinque di un podere a Enas, frazione di Loiri Porto San Paolo (SS), nell’entroterra a sud di Olbia. La mission dell’azienda? La ricerca dell’autenticità del Vermentino: meno vino turistico, che fa business e volumi, privilegiando invece riserve e proposte di nicchia.

CONTATTI

Via Vignola, 18 - Olbia (SS)
Telefono: 349 6806547
email: [email protected]

Personaggi ed interpreti

Un amore a prima vista con questa terra forte, particolare, ha convinto il winemaker friulano Roberto Gariup, coinvolto nel 2019 – insieme con il direttore finanziario Nicola Dettori - dalla proprietà inglese. Che su questi suoli di granito ha lanciato una scommessa: impiantare viti ad alberello con diecimila piante per ettaro, nel segno di una tradizione che valorizza i vitigni dell’isola e riscopre varietà dimenticate.

Il punto forte

Grande creatività e voglia di uscire dagli stereotipi che vogliono in Sardegna solo vini forti, di carattere anche nei nomi dei principali prodotti: Fiore del Sasso, M’Illumino, Al Sol Brilla, L’Ora Grande, Sicut Erat. Vermentino e Cannonau con una marcia in più, che bene accompagnano piatti tipici come fregula e maialetto al latte.

Share
Contenuto precedente
Contenuto successivo