Seguici su
Podcast 19 Novembre, 2019 @ 3:00

Ecco quali sono i social network più adatti a costruire la propria reputazione online

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

Da dove iniziare per costruire la propria reputazione online? Quali stakeholder devo coinvolgere e come? Quali sono i social network più adatti e come utilizzarli? A rispondere a tutte queste domande è Matteo Flora nella quinta puntata di The Fool, il podcast che realizza per Forbes Italia.

Puoi ascoltare tutte le puntate di The Fool su Spreaker, Spotify, Google Podcast e Apple Podcast.

Ascolta e scarica qui tutti i podcast di Forbes Italia.

 

Tutti gli episodi di Forbes The Fool:

 

Podcast 14 Novembre, 2019 @ 3:00

3 motivi per cui la sostenibilità ha iniziato a fare notizia

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

“La buona notizia è che la sostenibilità ha iniziato a fare notizia”. Così Oscar di Montigny nella seconda puntata di 0.0, il podcast che realizza per Forbes.it, introduce 3 aspetti che hanno contribuito alla crescita negli ultimi mesi della sensibilità degli italiani verso la sostenibilità sociale e ambientale. Il primo è che “la sostenibilità è entrata nella quotidianità delle persone, anche degli italiani”, il secondo è che “la percentuale di chi ha piena conoscenza dell’argomento è cresciuta del 10% e oggi vale il 32% della popolazione”, la terza è che “quasi tutti (il 92%) facciamo la raccolta differenziata”.

Di Montigny mette però in guardia gli ascoltatori anche dal rischio “banalizzazione” della sostenibilità: “speriamo che la sostenibilità superi la dimensione di moda alla quale le proteste delle giovani generazioni e dei loro giovanissimi leader rischiano di relegarla nell’immaginario polveroso del sistema”. E’ “l’unico modo per traguardare il futuro oltre i catastrofismi dipinti talvolta anche da studiosi ed esperti”.

Puoi ascoltare 0.0, il podcast di Oscar di Montigny su Forbes.it nella sezione dedicata ai podcast, ma anche su Spreaker, Spotify, Apple Podcast e Google Podcast. Qui invece il link alla prima puntata.

 

Tutti gli episodi di Forbes 0.0:

 

Podcast 12 Novembre, 2019 @ 3:00

3 aspetti in cui la reputazione si differenzia dal branding

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

Qual è la differenza tra gestione della reputazione e branding? Entrambe hanno a che fare con ciò che gli altri percepiscono e dicono di noi, assai differente però è il percorso di comunicazione che attiva i due diversi processi. A parlarne per Forbes Italia è la quarta puntata del podcast The Fool con Matteo Flora. Lente d’ingrandimento su sicurezza informatica e web reputation da una delle voci italiane più competenti nella tutela di persone, aziende e prodotti in rete. Con analisi dati, strategie e i consigli per essere sempre aggiornati.

 

Tutti gli episodi di Forbes The Fool:

 

Podcast 7 Novembre, 2019 @ 11:00

4 megatrend che rivoluzioneranno l’assetto socio-economico del pianeta

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

Debutta con questa puntata “0.0” il nuovo podcast di Forbes Italia con Oscar di Montigny: istantanee dal futuro per la business community globale con tutte le trasformazioni in ambito digital, marketing e corporate communication destinate a cambiare le nostre vite. Appuntamento ogni giovedì su Spreaker, Spotify, Google Podcast ed Apple Podcast di Forbes Italia e qui sul sito di Forbes.it.

Il “cambiamento epocale che si manifesterà, come dicono gli esperti, tra il 2020 e il 2045”, spiega di Montigny, sta avvenendo “sotto la spinta inarrestabile di quattro megatrend che stanno rivoluzionando l’assetto della nostra vita sul pianeta: demografia, ambiente, tecnologia ed etica”. Ecco perché, secondo di Montigny, i tempi sono maturi per una riscoperta della “centralità dell’individuo” e “un cambio di paradigma, dalla produzione della ricchezza alla prosperità per tutti”, sposando una concezione “sferica” dell’economia, che “partendo dal concetto di economia circolare basato su riduzione, riutilizzo, riciclo lo sviluppi ulteriormente lungo nuove direttrici”.

Oscar di Montigny, il manager che parla ai grandi della terra, è autore, blogger e speaker di successo, è Chief Innovation, Sustainability & Value Strategy Officer di Banca Mediolanum, nonché Founder di MCU – Corporate University di Banca Mediolanum. Le riflessioni per il terzo millennio sono il cuore della sua ricca produzione e a Forbes Italia dichiara in occasione del debutto di 0.0: “Essere 0.0 significa essere insieme, significa condividere una visione comune del presente che sappia spronarci a traguardare il futuro nel migliore dei modi, cioè quello che agisce con una vocazione: il Bene dell’insieme. È questo che voglio provare a far accadere con chi, ogni settimana, mi ascolterà. Il viaggio che stiamo per iniziare, mi auguro rappresenterà per tutti, un valore da condividere non solo tra noi, con quel compiacimento che si instaura tra membri dei circoli di qualsiasi natura essi siano. Ma appunto per l’insieme. Quindi non partiremo da nessuna teoria, nessun paradigma, nessuna tesi, nessuno schema, nessuno strumento e soprattutto non forniremo nessuna risposta. Partiremo da ciò che accade nel presente, nel mondo. Partiremo semplicemente da un fatto, più o meno noto, che sarà usato come fionda per lanciare una suggestione, un pensiero in movimento che di tappa in tappa, di puntata in puntata conduca verso la piena consapevolezza dell’urgenza di una azione realmente intenta a rendere questo posto un Posto migliore per tutti”.

I podcast di Forbes Italia sono fruibili sulle piattaforme Spreaker, Spotify, Google Podcast e Apple Podcast oltre che nell’apposita sezione del sito Forbes.it. Oltre a 0.0 con Oscar di Montigny ci sono anche Editors’ Picks con Marco Barlassina, Jobs Trend con Roberto D’Incau e The Fool con Matteo Flora.

 

Tutti gli episodi di Forbes 0.0:

 

Business 1 Ottobre, 2019 @ 10:15

Fenomeno Podcast: chi ci investe e dove si guadagna di più

di Matteo Rigamonti

Staff

Leggi di più dell'autore
chiudi
podcast
Studio di registrazione podcast

I podcast come occasione di business. E tra gli investitori spuntano, oltre all’automotive, assicurazioni e finanza. Secondo le stime di Magna e Iab il mercato del podcasting potrebbe sfiorare il miliardo di dollari di investimenti pubblicitari entro il 2022. Ma quali sono le categorie di podcast in cui già oggi si guadagna di più? A questa domanda ha provato a rispondere Voxnest, società attiva nel mercato del podcasting nata dalla fusione tra la piattaforma Spreaker e BlogTalkRadio nel 2018, con un report in cui specifica anche le fasce orarie migliori per pubblicare i podcast in base al contenuto.

Negli Stati Uniti, dove il mercato del podcasting è più maturo, la categoria che genera maggiori ricavi è lo sport, la cui fascia oraria prediletta dagli investitori è quella tra le 7 e le 8 del mattino oppure la sera subito dopo il prime time. Al secondo posto la cultura, dove l’adv rende di più alle 8 del mattino. Terzo posto per i podcast di storia, ma dalle 20 in poi, con picco di resa per la pubblicità alle 22. Seguono politica intorno alle 17 e comedy alle 7 del mattino.

Sport e cultura occupano le prime due posizioni anche in Europa, dove nello sport il calcio è al centro degli interessi con le 9 di mattina come orario migliore per la resa dell’adv. Il picco per la cultura si realizza, invece, intorno alle 21-22 di sera. Al terzo posto c’è la tecnologia, meglio se alle 8 del mattino; seguono comedy nel pre-lunch a mezzogiorno e storia dove è bene pianificare adv alle 8 del mattino.

podcast eu
I podcast che rendono di più in Europa (Fonte: Voxnest)

Ma quanto si guadagna con un podcast? Secondo lo studio di Voxnest, società che offre oltre alle piattaforme anche soluzioni per monetizzare i contenuti voice, un podcaster con uno show di sport che funziona può arrivare a guadagnare fino a 1.500 dollari al mese o poco più, 800-1.000 dollari in media per chi sceglie cultura, storia, politica e comedy.

Chi invece investe di più in pubblicità sui podcast è l’automotive che, rende noto Voxnest, pianifica trasversalmente a ogni categoria. Seguono, in Europa, i colossi della gdo, dell’arredo fai da te, le assicurazioni e il comparto della finanza. Negli Stati Uniti, stesso discorso per l’automotive, seguita dai colossi mondiali delle tlc, franchise in ambito food, assicurazioni, trasporti e anche realtà legate al turismo e al sociale.

“L’istantanea di Voxnest sullo stato dell’arte delle categorie di podcast in cui si guadagna di più permette di osservare un mercato che potrebbe risultare interessante anche per altri inserzionisti”, afferma Tonia Maffeo, head of marketing di Voxnest. “In un futuro molto vicino, potremmo arrivare a trovarci davanti a uno scenario simile a quello cui si assiste nel mercato televisivo, in cui gli investimenti vengono fatti anche e soprattutto in base alle fasce orarie di ascolto”.

Quanto ai contenuti più ascoltati in podcast, Voxnest aveva già pubblicato uno studio secondo cui, in Europa, al primo posto nelle categorie più ascoltate ci sono i podcast legati al tema business seguiti da cultura, psicologia, storia e, infine, educazione. Mentre negli Stati Uniti il tema più ascoltato in podcast è la religione, seguita da cultura, sport, storia e infine notizie e informazioni.

podcast usa
I podcast che rendono di più negli Usa (Fonte: Voxnest)
Strategia 4 Giugno, 2019 @ 3:50

Il futuro del business #10 – Non c’è più tempo

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

Ascolta “Non c’è più tempo (Episodio 10 di 10)” su Spreaker.

Esperto tecnica della programmazione neuro-linguistica (o Pnl), specializzatosi negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, e fautore delle necessità di una figura aziendale molto di tendenza, Raffaele Tovazzi ha concepito per Forbes con la sua Action Media la serie podcast “Il Futuro del Business”. Nella nona puntata condivide il suo pensiero intorno al valore del tempo, nella vita così come nel mondo del lavoro.

Strategia 3 Giugno, 2019 @ 2:40

Il futuro del business #9 – L’inutilità della formazione

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

Ascolta “L’inutilità della formazione (Episodio 9 di 10)” su Spreaker.

Esperto tecnica della programmazione neuro-linguistica (o Pnl), specializzatosi negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, e fautore delle necessità di una figura aziendale molto di tendenza, Raffaele Tovazzi ha concepito per Forbes con la sua Action Media la serie podcast “Il Futuro del Business”. Nella nona puntata condivide il suo pensiero intorno  intorno al mondo della formazione e all’inutilità a lungo termine dei corsi di motivazione.

Business 27 Maggio, 2019 @ 3:00

Il futuro del business #4 – Macchinone vs Monopattino

di Daniele Rubatti

Staff writer, Forbes.it

Digital editorLeggi di più dell'autore
chiudi

Ascolta “Macchinone vs Monopattino (Episodio 4 di 10)” su Spreaker.

Esperto tecnica della programmazione neuro-linguistica (o Pnl), specializzatosi negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, e fautore delle necessità di una figura aziendale molto di tendenza, Raffaele Tovazzi ha concepito per Forbes con la sua Action Media la serie podcast “Il Futuro del Business”. Nella quarta puntata, che trovate di seguito, condivide il suo pensiero intorno al crollo di alcuni simboli nel mondo del lavoro e alla rinascita di una sensibilità nei riguardi dell’ambiente.

Leggi anche: Il filosofo che sussurra ai manager

Business 24 Maggio, 2019 @ 3:33

Il futuro del business #3 – Non mostrarti, raccontati

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

Ascolta “Non mostrarti, raccontati (Episodio 3 di 10)” su Spreaker.
Il futuro del business

Esperto tecnica della programmazione neuro-linguistica (o Pnl), specializzatosi negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, e fautore delle necessità di una figura aziendale molto di tendenza, Raffaele Tovazzi ha concepito per Forbes con la sua Action Media la serie podcast “Il Futuro del Business”. Nella seconda puntata, che trovate di seguito, condivide il suo pensiero intorno al podcast e al podcasting come opportunità di raccontarsi e formare il futuro.

Leggi anche: Il filosofo che sussurra ai manager