Seguici su
Lifestyle 21 Maggio, 2020 @ 4:50

Le vacanze più esclusive (e distanziate) quest’estate si fanno in villa. E i Vip stranieri l’hanno già capito

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Fonte immagine: thethinkingtraveller.com

di Annalia Venezia

Una Jacuzzi sopra un faro vicino Siracusa. Un castello immerso nella natura pugliese. Una piscina che si affaccia sui campi di grano di Marsala. Residenze esclusive, silenziose, volutamente poco pubblicizzate, ideali per gli amanti del lusso non ostentato e della privacy, come quella che cercano anche molti personaggi pubblici internazionali. Luoghi unici, che appartengono a famiglie antiche a cui, fino a poco tempo fa, si accedeva solo attraverso il passaparola.

Rossella e Huw Beaugié (Courtesy: TheThinkingTraveller)

Quando Rossella e Huw si sono incontrati, quella sera di 22 anni fa a Parigi, a una festa di un amico americano, mai avrebbero pensato di occuparsi un giorno delle vacanze degli altri. Lei, originaria di Palermo, era appena atterrata da New York e stava completando un dottorato di ricerca in biologia cellulare. Lui Huw Beaugié, ingegnere londinese, stava lavorando per una casa automobilistica ma con ambizioni che lo portavano, almeno col pensiero, lontano da lì. Da quella sera non si sono più lasciati e per passare del tempo di qualità insieme hanno stravolto i loro piani. «Dopo una lunga primavera piovosa a Parigi, siamo volati sull’Isola di Stromboli per una breve vacanza. Volevo fargli conoscere il sole della mia terra e lì, in quel posto magico, si è accesa la scintilla», racconta Rossella. «Huw si è innamorato dell’Isola e del calore della Sicilia.  E io, che fino a quel momento avevo viaggiato per tutto il mondo, l’ho riscoperta. Così abbiamo iniziato a sognare e progettare. E dopo qualche anno il sogno è diventato una società, Thinking Traveller». Complice il grande network di conoscenze di entrambi, in poco tempo sono diventati il punto di riferimento delle vacanze di inglesi e americani, tra cui cantanti famosi e attori di Hollywood di cui non vuole svelare le identità.

«Ci siamo concentrati sulla qualità delle ville. Ne curiamo 140 in esclusiva, tra Sicilia, Puglia e Toscana. Fuori dall’Italia ne abbiamo in Grecia, Corsica e Turchia. Le conosciamo una per una, gli standard sono alti, quelli che ogni nostro ospite si aspetta. E così qualche volta ci capita di non accettare l’incarico. Magari sono case storiche, che appartengono alla stessa famiglia da secoli ma che non offrono quel comfort che noi garantiamo. E ammetto che in certi casi non è facile dire di no», spiega Rossella.

Chi li contatta per i soggiorni spesso sono amici di amici. Col tempo la clientela si è allargata, è principalmente straniera, arriva soprattutto da New York, Londra e Lugano. Alcuni sono personaggi noti alla ricerca del buon gusto, ma anche di silenzio e discrezione. «Si fidano, sono abituati a vivere in un mondo di comodità e la cercano anche in vacanza. Con noi sono certi di evitare il rischio. Quando consigliamo una casa, sappiamo che è quella giusta per le esigenze di chi ce la chiede. Le conosciamo tutte, i nostri occhi sono i loro». I prezzi vanno dai 3 ai 20 mila euro a settimana, gli stranieri apprezzano l’Italia anche più di chi ci vive tutto l’anno. «Amano i paesaggi, la cucina, apprezzano l’olio appena uscito dal frantoio, il vino locale, il formaggio appena fatto dal contadino, cercano le esperienze. Per questo quando forniamo una cuoca per l’intero soggiorno vogliamo che sia una vera signora di casa, che sappia cucinare piatti locali». Certo, capita anche qualche imprevisto e che gli ospiti non sempre capiscano a che cosa vanno incontro. Come quella volta che una coppia americana aveva scelto una villa isolata, raggiungibile solo attraverso una strada sterrata, e poi voleva affittare una Ferrari. «Gli abbiamo fatto capire che sarebbe stato meglio un fuoristrada», sorride Rossella, abituata a non perdere il suo aplomb davanti alle richieste più complesse. Come far cantare un soprano di fama internazionale per il compleanno a sorpresa di un ospite. O far recapitare un pianoforte a coda in giardino, in una villa a picco sul mare.

Con l’incognita del Covid e i divieti di circolazione aerea, quest’anno il passaparola ha coinvolto anche molti italiani. Che dal 3 giugno potranno circolare tra regioni. «La villa garantisce il distanziamento sociale richiesto, per questi molti le cercano. Sul nostro sito, da poco in lingua italiana, si possono trovare le soluzioni. Chi ama il mare e le isole troverà anche ville a Favignana e Marettimo, Lipari e Capraia. Sono tra le più belle d’Italia», conclude Rossella. «Su questo garantisco io».

Lifestyle 16 Luglio, 2019 @ 9:25

Otto cose da fare a Milano per chi trascorre le vacanze in città

di Roberta Maddalena

Staff writer, Forbes.it

Scrivo di moda, viaggi, arte e nuove tendenze.Leggi di più dell'autore
chiudi
piscina vetri
(aspria.com)

Passeggiare tra i vicoli meno “turistici”, cenare a bordo piscina, gustare le specialità dei migliori chef internazionali e studiare le stelle nelle calde serate di agosto. Sono solo alcune delle attività, e delle experiences, che si possono fare a Milano nel mese dedicato al relax. Certo, sempre a patto di seguire i consigli di forbes.it sulle 8 cose da fare in città questa estate.

Cinema con vista
Non poteva essere scelto un luogo più spettacolare: piazza Duomo, a due passi dalla cattedrale simbolo di Milano, proprio davanti Palazzo Reale, residenza reale fino al 1919 e oggi sede di mostre ed esposizioni. È la location scelta da AriAnteo Milano 2019, rassegna cinematografica che porterà in scena dal 3 giugno al 15 settembre un calendario ricco di proiezioni sotto le stelle ma anche concerti e anteprime.

volto capelli giallo
(mudec.it)

Un tuffo nella pop art
La sua arte, riconoscibile al primo sguardo e apparentemente facile da comprendere, ha affascinato generazioni di creativi, dalla pittura alla pubblicità, dalla fotografia al design e alla moda. Stiamo parlando dell’artista statunitense Roy Lichtenstein cui il Mudec di Milano ha deciso di dedicare la mostra Roy Lichtenstein. Multiple visions: circa 100 opere tra prints, sculture, arazzi, video e fotografie organizzate secondo un percorso tematico dalla storia della nascita degli Stati Uniti all’epopea del Far West, dai vernacoli e le espressioni artistiche etnografiche degli indiani d’America alla cultura pop.

Sapori italiani 
Per palati raffinati. Identità Golose Milano powered by TheFork – Hub Internazionale della Gastronomia sorge a pochi passi da via Manzoni e dal Teatro alla Scala. Lo spazio si sviluppa all’interno di un edificio di pregio di fine ‘800, che fino al 2016 era sede della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli. All’interno, la sala “Ovale” per conferenze ed eventi, The Restaurant, con un’area dedicata ai vini, e Glicine Room con un cortile interno che ospita un’area degustazione all’aperto. Nella sezione “Programma e prenotazioni” del sito web anche una serie di iniziative ad hoc organizzate da chef di fama internazionale come Franco e Stefano Pepe (in calendario dal 6 all’8 agosto tre serate dedicate alla pizza).

Guarda che Luna…e che stelle
Il Civico Planetario “Ulrico Hoepli” fu inaugurato il 20 maggio 1930. Donato il 10 luglio 1929 alla città di Milano da Ulrico Hoepli, si trattava del secondo Planetario costruito in Italia. Oggi, nei giardini di Porta Venezia ospita conferenze ed eventi privati per conoscere il cosmo e i suoi mille segreti. Per il mese di agosto sono tanti gli eventi in calendario come incontri alla scoperta del sistema solare, osservazione delle stelle e lezioni sui misteri dello spazio.

Estate al castello
Dal 7 giugno al 25 agosto 2019 sul palco nel Cortile delle Armi del Castello Sforzesco va in scena la settima edizione di Estate Sforzesca con spettacoli di danza, concerti e rappresentazioni teatrali. Sessantadue serate dedicate alla musica (dalla classica al jazz, dal rock al pop, dal gospel al punk), diciassette al teatro, sei alla danza, per un totale di ottantadue appuntamenti promossi e coordinati dal Comune di Milano|Cultura.

Milano segreta
In via Abramo Lincoln, a pochi passi da Piazza Cinque Giornate, c’è una zona conosciuta come Quartiere Operaio, Giardino o Arcobaleno, dove non sembra di essere a Milano quanto piuttosto nel quartiere Balat di Istanbul. Edifici colorati, anzi coloratissimi che hanno una storia antica: a fine Ottocento, una cooperativa operaia ha concepito l’idea di un quartiere-giardino destinato agli operai della zona Porta Vittoria. Ogni casa aveva il proprio orto, destinato al proprietario, con tanto di roseti e alberi da frutto.

Benessere di lusso
Aspria Harbour Club Milano è considerato uno dei Club più esclusivi d’Europa. Le sue strutture all’aperto di altissimo livello sono immerse in sette ettari di parco e la sua scuola di tennis è un’eccellenza in città (zona San Siro). Complici le piscine, la spa, l’area fitness, la terrazza, 18 campi da tennis e un campo da golf.

Karaoke in Terrazza
Scatenarvi sulle note dei musical più divertenti della storia del cinema sarà ora possibile. Dall’11 giugno al 23 agosto sulla Terrazza della  Fondazione Cineteca Italiana si svolgeranno 5 appuntamenti con 5 film musicali con animazione live: Jesus Christ Superstar, Mary Poppins, Grease, Dirty Dancing e Bohemian Rhapsody.

Lifestyle 25 Giugno, 2019 @ 1:28

Costa Navarino è la nuova meta di lusso per l’estate. Parola di Ronaldo

di Roberta Maddalena

Staff writer, Forbes.it

Scrivo di moda, viaggi, arte e nuove tendenze.Leggi di più dell'autore
chiudi
tramonto sole mare cielo
Il tramonto a Navarino (marriott.it)

Estate, tempo di vacanze. Purché sempre di lusso. E se la meta è insolita, e non include i sempre più gettonati Ibiza e Santorini, ancora meglio. Avrà pensato la stessa cosa Cristiano Ronaldo, calciatore attaccante della Juventus, che per questa stagione ha deciso di volare fino a Costa Navarino, in Grecia.

E naturalmente, come per qualsiasi celebrità di rispetto, non sono mancati gli episodi curiosi legati alla sua permanenza. Sembra infatti che per il famoso sportivo portoghese la riservatezza sia fondamentale: oltre ad aver sborsato la cifra di 30mila euro per soggiornare nel Westin Resort, Ronaldo abbia lasciato 20 mila euro di mancia al personale per i servizi e la cortesia.

Ma cosa avrà di tanto speciale questa località situata nel cuore del Peloponneso? Costa Navarino fa parte della regione della Messinia, una destinazione turistica eco-sostenibile bagnata dal Mediterraneo, che si distingue per paesaggi quasi incontaminati, spiagge sabbiose e tramonti mozzafiato. E se questo ancora non dovesse bastare, qui il turismo di massa è praticamente sconosciuto, ragione per la quale molte star, a partire da Ronaldo, scelgono questa destinazione per trascorrere le vacanze estive. Personaggi celebri come lo chef 3 stelle Michelin Heinz Beck, la principessa del Marocco Lalla SalmaAngelina Jolie ed Ethan Hawk.

Tutto ebbe inizio negli anni Settanta quando l’imprenditore greco Vassilis Constantakopoulos, che trascorse la sua infanzia a Messinia, decise dopo un viaggio in Costa Smeralda di trasformare Navarino in un’oasi green del turismo. Così, dopo 25 anni e 1000 ettari acquisiti da oltre un migliaio di proprietari, Costa Navarino è diventata un place to be per il turismo eco.

E difatti, se si pensa a luoghi come Voidokilia Beach, dalla particolare forma a mezzaluna, e l’isola di Elafonissos (in italiano Cervi, ndr), che offre ai visitatori alcune tra le più belle spiagge di sabbia di tutta la Grecia, non è difficile crederlo. Nella baia di Navarino, anche la Laguna di Gialova merita una sosta: circondata da uliveti e piante di agrumi, Gialova è il paradiso del birdwatching con una colonia di fenicotteri e 271 specie di uccelli.

Per chi volesse entrare davvero in contatto con il territorio, infine, esiste Messinian Authenticity, un programma di experience che prevede tour guidati alla scoperta dell’arte locale, lezioni di cucina per imparare a preparare la pita, artwork personalizzati, wine master class e la raccolta delle olive con visita nei frantoi che da secoli producono l’olio del posto.

Lifestyle 23 Aprile, 2019 @ 3:00

Vacanze da eremita, le 10 mete più belle del mondo

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
acqua montagne
Rishikesh, Uttarakhand, India (gettyimages)

di Letizia Redaelli

Gli appuntamenti di lavoro che finiscono mai, l’agenda a cui non resta più spazio, le notifiche delle mail che fanno vibrare lo smartphone anche quando non dovrebbe: vi riconoscete? Sappiate che non siete soli. Con l’avvicinarsi dell’estate il logorio della vita quotidiana fa venire voglia di fuga, di tempo per sé ed è un attimo ritrovarsi a sognare vacanze da eremita. Perché se immaginarvi su una spiaggia affollata cercando di recuperare l’ultimo ghiacciolo rimasto vi fa sentire ancora più stressati piuttosto che in pieno spirito vacanziero, la verità è che il modo migliore per ricaricare le pile è quello di scegliere mete insolite e, più di ogni altra cosa, un approccio nuovo alle ferie.

Non è un caso, infatti, che di anno in anno le vacanze da eremita acquisiscano sempre più popolarità, visto che sono in molti a scegliere questo modo originale per allontanarsi tanto dal caos cittadino quanto da quello delle mete più gettonate, dimenticandosi di tutto (e tutti) restando in connessione solo con sé stessi. Da Ellidaey Island, nell’Islanda incontaminata, a Socotra, gioiello dell’Oceano Indiano, ecco le 10 mete più belle nel mondo.

E se avete paura di cedere al richiamo dello smartphone, tranquilli: qui la connessione non prende.

Dove andare in vacanze per trovare la pace interiore: Ellidaey Island, Islanda

Una superficie di 0,45 km² ricoperta quasi del tutto da un manto erboso, meta dei pulcinella di mare e tra i luoghi migliori al mondo per ritrovare se stessi. Su Ellidaey Island, l’isola nell’arcipelago delle Vestmann a sud delle coste islandesi, non vive nessuno. In questo luogo incontaminato non esistono strade, abitazioni o vita notturna: si entra in contatto con la natura più libera, col vento che sale dal mare e il verde a perdita d’occhio. Qui trova posto un solo cottage, di proprietà della Elliðaey Hunting Association, raggiungibile via terra con una fune, per gli appassionati di arrampicata, e via mare.

Vacanze da eremita nel mondo: Just Room Enough Island in Canada

Se le chiacchiere da vicinato non fanno per voi, la meta ideale è la Just Room Enough Island, tradotto letteralmente l’isola con lo spazio sufficiente per una stanza. Il nome non trae in inganno, visto che quest’isola è la più piccola di Thousand Islands, l’arcipelago formato da ben 1864 isolotti. Posto nel lago Ontario, se tutto l’insieme di isole è da visitare la Just Room Enough Island è la dimensione migliore in cui immergersi per ritrovare l’equilibrio: una casa, il lago e 3.300 metri quadrati tutti per sé.

Casa do Penedo in Portogallo, il posto giusto per una vera vacanza relax

La Casa do Penedo trova posto da quattro enormi massi di granito sui monti Fafe, in Portogallo. Costruita negli anni ’70 come casa vacanze, non è un difficile capire come mai sia diventata una meta imprescindibile di chi visita questi luoghi. Nonostante l’aspetto a dir poco rustico, la verità è che al suo interno nasconde molteplici meraviglie, come un camino e una piscina scavata nella pietra.

Vacanze da eremita in Italia: San Francesco del Deserto, Venezia

Anche in Italia esistono diverse mete da eremita di tutto rispetto. Tra queste San Francesco del Deserto, in quel di Venezia: secondo la leggenda, il santo si sarebbe fermato qui sulla vita di ritorno dalla Terra Santa, nel 1220. Oggi i frati accolgono i turisti sull’isola tra Burano e Sant’Erasmo, senza perdere l’occasione di far loro visitare l’oratorio in cui Francesco d’Assisi si sarebbe trattenuto in preghiera.

costruzione bianco verde
Rocamadour, France (gettyimages)

Vacanze da eremita mete più belle: Rocamadour, Francia

Se Parigi così come tutta la Costa Azzurra sono mete inflazionate, la verità è che in Francia  sono molti i gioielli custoditi gelosamente. Come Rocamadour, la città sulla roccia che sembra essere sospesa tra terra e cielo. Dominante sul maestoso canyon dell’Alzou, la cittadina conta poco più di 700 abitanti ed è talmente suggestiva da essere stata inserita tra i Plus beaux villages de France. Il borgo, costituito da due file di case ai piedi del roccione, è raggiungibile tramite un ascensore o attraverso i 216 scalini della gradinata che, secondo la tradizione popolare, i pellegrini erano soliti salire in ginocchio.

Il Monastero di Taktsang Palphug in Bhutan, un luogo per ritrovare se stessi

Divenuto celebre per la sua inaccessibilità, il Monastero di Taktsang Palphug è uno dei luoghi da visitare se si va in Bhutan. La location è unica, visto che si trova su un picco montuoso nella valle di Paro, a 3120 metri sul livello del mare. Soprannominato anche come la Tana della Tigre, il complesso comprende diversi templi buddisti in uno scenario senza pari: incastonati nella montagna, collegati da ponti sospesi, lasciano spazio a caverne ora difficili da raggiungere ora di facile accesso.

Vacanze da eremita su un’isola: Socotra, Yemen

Sono tantissime le leggende su Socotra, la principale delle quattro isole che compongono l’arcipelago nell’Oceano Indiano. Un luogo le cui origini si perdono nel tempo sui cui, ancora oggi, gravitano racconti antichi: si dice che fosse protetta da incantesimi capaci di renderla invisibile e che, quasi sicuramente, sia proprio lei la Panchaia citata da Virgilio. Patrimonio UNESCO dal 2008, Socotra e le isole nei dintorni sono cariche di meraviglie, tra panorami mozzafiato e mare turchese. Tra le cose da non perdere, la meditazione all’ombra della dracena drago di Socotra, pianta succulenta dalle proprietà leggendarie.

montagne verde casa
Roussanou Monastery, Greece (gettyimages)

Vacanze da eremita mete migliori: Metéora, Grecia

Ritrovare se stessi a un passo dal cielo, riappropriandosi dei propri ritmi. Può succedere a Metéora, località nel nord della Grecia nei pressi della cittadina di Kalambaka. Qui, in cima a falesie di arenaria, si trovano ventiquattro monasteri. Oggi sono rimasti solo in sei a essere abitati: se un tempo l’unico modo per raggiungere questo centro della chiesa ortodossa era essere issati con delle reti, oggi ci sono scale scavate nella roccia.

Vacanze da eremita in Oriente: Koyasan, Giappone

Il monte Koyasan, detto anche Koya, è tra le mete predilette da chi, in vacanza, punta tutto sulla meditazione. Il complesso buddhista che qui trova posto, infatti, è tra i più famosi di tutto il Giappone, complice la vicinanza dei boschi che conciliano il relax della mente. Qui è possibile pernottare in uno dei templi condividendo lo stile di vita austero dei monaci, dalle prime ore del mattino fino all’imbrunire: sveglia all’alba, verdure come fonte di energia, preghiere e cerimonia del fuoco per un programma incentrato sul benessere dello spirito.

Vacanze Yoga: Rishikesh, India

Nella città indiana di Rishikesh, nel nord del Paese, sono tantissimi i templi, i centri e gli Ashram ispirati alla filosofia indù. Qui si può imparare l’antica arte dello yoga, ma anche meditare in uno dei luoghi più mistici al mondo: è la Vashishta Guha, grotta che da 5mila anni ospita saggi e santi, un posto unico per ritrovare l’equilibrio tra mente e corpo.