Seguici su
Tecnologia 31 Luglio, 2019 @ 3:23

Google cerca Ceo: quel post su LinkedIn che prometteva il lavoro dei sogni

di Simona Politini

Staff

Leggi di più dell'autore
chiudi
Google
(Shutterstock)

In questi tempi in cui avere un’occupazione che assicuri una certa stabilità economica e soddisfazione personale è quasi una chimera, coltivare il desiderio di trovare il lavoro dei sogni sembra l’unica cura per non perdere la speranza di un futuro più gratificante. Chissà dunque come si saranno sentite tutte quelle persone che hanno risposto all’annuncio pubblicato sul profilo aziendale LinkedIn di Google che invitava a candidarsi per il ruolo di ceo.

Lavorare per Google col ruolo di ceo: il post fake che ha messo in subbuglio LinkedIn

Google è in testa alla classifica dei migliori posti di lavoro al mondo stilata da Forbes. E ora Google starebbe cercando un sostituto a Sundar Pichai, l’attuale ceo, e lo starebbe facendo attraverso la piattaforma di networking professionale più accreditata del web: LinkedIn. Un fatto talmente eccezionale da non sembrare vero, ed in effetti, per il dispiacere di chi in quell’occasione ha creduto, vero non è.

Tutto lasciava pensare fosse un “normale” post con offerta di lavoro, ma in realtà il post era stato pubblicato da Michel Rijnders, un reclutatore online olandese, che, in seguito, ha ammesso di aver rilevato un bug nella sicurezza della piattaforma e di volerlo testare, bug che gli avrebbe consentito di pubblicare un post di lavoro dall’aspetto credibile sulla pagina ufficiale di qualsiasi azienda presente su LinkedIn.

Anche se LinkedIn di solito addebita un importo per la pubblicazione di un annuncio di lavoro e la persona che pubblica ha bisogno di un account premium, Rijnders afferma di essere stato in grado di pubblicare ogni offerta di lavoro – incluso un posto di lavoro come nuovo CEO per LinkedIn – a costo zero.

LinkedIn, allertata da alcuni utenti per la particolarità della posizione offerta, ha immediatamente provveduto a cancellare i post fake e risolto il  problema.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!