Seguici su
Cultura 23 agosto, 2019 @ 3:00

Mettete un mattino berlinese al cinema Moviemento

di Alessandro Turci

Contributor

Leggi di più dell'autore
chiudi
shutterstock

Karmaticket. Mettete un mattino berlinese, andate al cinema Moviemento, il quartiere è quello della bohème più autentica, la gentrification una minaccia ancora lontana, i monopattini già molto meno. Siete a Kreuzberg.

Andate al cinema con quel gusto speciale che hanno le cose quando si fanno fuori dall’orario consueto. Un piccolo box, accanto alla cassa, discreto e luccicante di monete da 50 centesimi o 1 euro, attira la vostra attenzione.

Ricco come l’agoraio sapiente delle nonne, da quella teca ogni cinque euro esce un sogno. E’ il karmaticket. Al Moviemento hanno deciso di permettervi di regalare il cinema a chi non può permetterselo. Siccome il cinema è sogno, emblema e adrenalina, ora potete, con appena poco più del nulla, regalare ali possenti.

Una nota accanto alla teca informa che bastano cinque euro per dare diritto a un biglietto; il resto (i prezzi minimi partono dai nove euro) lo mettono loro del cinema e l’iniziativa è rivolta in generale a tutti quelli che non vanno a vedere film perché è troppo caro. Si parla di rifugiati, si parla di bambini, si parla di persone sole che magari non ci pensano di andare a farsi coccolare le idee, o farsi infondere quel briciolo di coraggio che manca nella vita reale.

Più elegante e sicuramente più intenso del carrello della spesa che avete lasciato a mani bisognose (è sempre un bel gesto), o del caffè sospeso che ormai il barista travolto dalla baraonda delle colazioni in piedi giudica con sufficienza, lasciare una parte di biglietto pagato per il cinema allarga i confini della solidarietà quotidiana. Quella minuta. Quella, importantissima che riguarda il prossimo, reso invisibile dal mormorio stonato della vita nelle strade delle nostre città.

Ma perché no anche gesto d’affetto o d’amore. Giovanotti a scarso d’idee (adorabili testoline) se avete visto un bel film perché non far sapere che, nel caso, s’intende, lei ne avesse mai il tempo, avete lasciato un biglietto in quel cinema perché il film merita e le cose belle son molto più belle se condivise…?

Il cinema come emozione, pensiero, caleidoscopio che da un quartiere di città o di periferia porta il mondo oltre la poltrona di fronte: Mumbay, San Francisco, Belfast o la Sicilia. Scuola di tolleranza e tavolozza che rende avvincente il mondo fuori dai confini dell’omologazione. Potrete far ridere e piangere, far pensare o addirittura essere artefici della coccola sublime, addormentarsi al cinema e svegliarsi riposati mentre fuori è ancora giorno.

Karmaticket è la voglia di non tenersi la bellezza per sé. Non è bellissimo?

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!