Ondate ricorrenti e distanziamento sociale fino al 2022: lo studio di Harvard sul coronavirus

Mezzi pubblici: riduzione del rischio contagio Covid-19
(Getty Images)
Share
(Getty

Distanziamento sociale fino al 2022 e ondate anche nel 2024. È questo in sintesi ciò che emerge da un report di un team di cinque ricercatori di Harvard pubblicato su Science, sul futuro della pandemia da Covid-19, la cui minaccia potrebbe ricomparire a intermittenza nei prossimi quattro anni.

Lo studio, pubblicato dalla Scuola di salute pubblica T. H. Chan dell’Università di Harvard, ha utilizzato i dati statunitensi su due coronavirus precedenti per calcolare le possibili traiettorie di trasmissione del Covid-19 in diversi scenari. Secondo gli esperti, il nuovo coronavirus continuerà a circolare stagionalmente, come i virus influenzali. L’immunologo Stephen Kissler e i suoi collaboratori hanno quindi elaborato un modello matematico per calcolare le dinamiche del contagio nei prossimi cinque anni. “Abbiamo previsto che focolai ricorrenti di Sars-Cov-2 si verificheranno probabilmente dopo l’ondata pandemica iniziale più grave”. In tutte le simulazioni il risultato sembra essere sempre lo stesso: il contagio potrebbe riprendere “proliferare in qualsiasi momento dell’anno”, non appena vengono allentate le restrizioni.

Le misure di distanziamento sociale restano quindi necessarie, consigliano ancora i ricercatori, dal momento che sono l’unico strumento di contenimento del virus, in mancanza di un vaccino o di una cura efficace. Ma, “interventi aggiuntivi, come una estensione della capacità di terapia intensiva e un’efficace cura, migliorerebbero il successo del distanziamento intermittente e accelererebbero l’acquisizione dell’immunità di gruppo”.

Inoltre, conclude la ricerca, sono “urgentemente necessari studi sierologici longitudinali per determinare l’estensione e la durata dell’immunità alla Sars-Cov-2. Anche in caso di apparente eliminazione, la sorveglianza Sars-Cov-2 dovrebbe essere mantenuta poiché una ripresa del contagio potrebbe essere possibile nel 2024”.