Trump nel bunker della Casa Bianca durante le proteste più violente

Il cordone di sicurezza all’esterno della Casa Bianca nella notte del 30 maggio (Alex Wong/Getty Images)
Share
Il cordone di sicurezza all’esterno della Casa Bianca nella notte del 30 maggio (Alex Wong/Getty Images)

Articolo di Nicholas Reimann apparso su Forbes.com

Secondo quanto riferito dal New York Times, il presidente Donald Trump sarebbe stato portato dai servizi segreti in un bunker sotterraneo della Casa Bianca pensato per la difesa dagli attacchi terroristici. La decisione è stata presa mentre i manifestanti si radunavano fuori dalla Casa Bianca.

Fatti chiave

  • Il Times ha detto che i servizi segreti temevano per la sicurezza di Trump venerdì sera e il Presidente sarebbe stato portato nel bunker dagli agenti dei servizi segreti mentre i manifestanti si sono scontrati con la polizia vicino alla Casa Bianca.
  • L’articolo non menziona se Trump abbia usato il bunker sabato, che è stata finora la più violenta notte di dimostrazioni, o nella notte di domenica, con i manifestanti riuniti vicino alla Casa Bianca domenica sera.
  • Trump negli ultimi giorni ha impiegato Twitter per denunciare una risposta delle forze dell’ordine che riteneva non abbastanza forte, in particolare criticando la leadership democratica locale in tutto il Paese e suggerendo che potrebbe essere necessario l’intervento delle forze armate per affrontare le rivolte.
  • A differenza di Trump, l’ex vicepresidente e presunto candidato alla presidenza democratica Joe Biden si è avventurato domenica – una rarità per lui durante la pandemia di coronavirus – a visitare il sito delle proteste di sabato sera nella sua città natale di Wilmington, nel Delaware.

Contesto di fondo

Domenica è stato il settimo giorno di proteste diffuse dopo la morte di George Floyd, un uomo nero disarmato che è morto dopo che l’agente di polizia bianco di Minneapolis Derek Chauvin ha tenuto il ginocchio al collo di Floyd per otto minuti e 46 secondi, sotto gli occhi delle videocamere.

Da allora Chauvin è stato arrestato e accusato di omicidio di terzo grado, nonché omicidio colposo, ma molti manifestanti promettono di continuare le loro proteste fino a quando gli altri tre poliziotti non saranno messi sotto accusa. Mentre le proteste sono state pacifiche per gran parte della settimana, le scene sono diventate violente nelle città di tutto il paese sabato sera in quelle che lo storico Douglas Brinkley ha definito le rivolte più diffuse “dall’assassinio di Martin Luther King. Jr. nel 1968 “. Diversi Stati hanno richiamato le loro guardie nazionali quando le tensioni tra i manifestanti e le forze di polizia sono diventate fuori controllo. In diversi casi, i giornalisti che hanno coperto le proteste sono stati colpiti con lacrimogeni o proiettili di gomma.

Le critiche

Gli organizzatori hanno denunciato il modo in cui le proteste si sono trasformate in tumulti, affermando che saccheggiatori e vandali tra i loro ranghi come “opportunisti“. John Lewis, che a 80 anni è forse la più nota icona dei diritti civili viventi, ha biasimato le scene di violenza, twittando sabato sera che “Ribellarsi, saccheggiare e bruciare non è la strada giusta “.