Seguici su
Leader 23 Giugno, 2020 @ 2:17

Quest’uomo (pressoché sconosciuto in Italia) è appena entrato nella top 10 dei più ricchi al mondo

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Mukesh Ambani
Mukesh e NIta Ambani in visita ufficiale in India. (Chris Jackson/Getty Images)

Articolo di Naazneen Karmali su Forbes.com

Mentre gran parte del mondo degli affari si è trovato a isolarsi dopo lo scoppio della pandemia di Covid-19, l’uomo più ricco dell’Asia, Mukesh Ambani era impegnato a scrivere un’altra pagina di quella che può essere descritta solo come la nuova normalità. In poco meno di due mesi, per essere precisi 58 giorni, il gigante del petrolio e delle telecomunicazioni di Ambani, Reliance Industries, ha raccolto oltre 22 miliardi di dollari, nel mezzo di un rigoroso lockdown nazionale in India.

Questa raccolta fondi ha trovato la fiducia degli investitori e ha incrementato il valore delle azioni di Reliance, riportando Ambani tra i primi 10 miliardari più ricchi del mondo dopo una pausa durata nove anni. Ora alla posizione numero 10 (con un patrimonio netto di  64,1 miliardi di dollari), Ambani ha aggiunto 27,3 miliardi di dollari alla sua fortuna rispetto a quanti gliene venivano attribuiti nella Forbes World Billionaires di marzo, dove si posizionava al numero 21 con 36,8 miliardi di dollari.

Non si tratta della prima apparizione di Ambani nella top 10 dei più ricchi del mondo. Era entrato per la prima volta nell’esclusivo gruppo nel 2008, quando era stato il numero 5 della lista con 43 miliardi di dollari ed è rimasto tra i primi 10 per i successivi tre anni. Nel 2009, era al numero 7 sebbene il suo patrimonio netto fosse precipitato a 19,5 miliardi di dollari a seguito della crisi finanziaria globale del 2008. Nel 2010, era risalito al numero 4 con 29 miliardi di dollari, scendendo al numero 9 un anno dopo con 27 miliardi di dollari. E’ uscito dalla top 10 nel 2012 dopo essere stato superato da altri miliardari.

La rinascita di Ambani ha molto a che fare con il modo in cui il magnate ha fatto ruotare il suo gigante petrolifero e petrolchimico verso nuove iniziative in rapida crescita nel settore delle telecomunicazioni e della vendita al dettaglio. “Mukesh ha cambiato il volto di Reliance dai prodotti petrolchimici alla tecnologia”, afferma il collega miliardario Harsh Goenka, presidente del gruppo RPG. “Che gli investitori globali siano a caccia di un pezzo di Jio durante una pandemia globale, è a dir poco incredibile.”

Oltre i due terzi dei 22 miliardi di dollari sono stati raccolti trasferendo una quota del 25% nella Jio Platforms, l’unità di telecomunicazioni e banda larga in rapida crescita di Reliance, ad alcuni degli investitori più importanti del mondo. Questo gruppo includeva i miliardari Mark Zuckerberg, con Facebook che ha raccolto una quota del 10% per 5,7 miliardi di dollari, e il titano del private equity Robert Smith, titolare della società di investimento Vista Equity Partners, che ha pagato 1,5 miliardi di dollari per una quota del 2,3%.

Il mese scorso, Ambani ha anche concluso con successo un’emissione da 7 miliardi di dollari di azioni della Reliance, la prima in tre decenni. Il magnate ha sottoscritto oltre la metà di quell’offerta, un acquisto che gli costerà 3,6 miliardi di dollari. Gli investitori sembrano concordare con il voto personale di Ambani sulla fiducia nella crescita futura di Reliance: le azioni della società hanno guadagnato oltre l’80% negli ultimi tre mesi. (Nota: Reliance Industries possiede Network18, che pubblica Forbes India)

Questa spinta, afferma Sudeep Anand, responsabile della ricerca istituzionale presso IDBI Capital Markets & Securities è in parte dovuta a “gli investitori di razza che sono saliti a bordo e anche al fatto che Reliance ha sempre offerto risultati”.

Lo scorso agosto, Ambani aveva annunciato che Reliance, che aveva investito 46 miliardi di dollari per realizzare Jio Platforms, avrebbe avuto un debito netto pari a zero entro marzo 2021. Con un debito netto di 21,2 miliardi di dollari a partire da marzo 2020, la società dovrebbe raggiungere questo obiettivo una volta che i fondi arriveranno a destinazione. Prossimo passo nell’agenda di Ambani è quello di quotare sia le attività di vendita al dettaglio di Jio che quelle di Reliance. Ciò potrebbe dargli la possibilità di lottare per recuperare un posto tra i 5 più ricchi del mondo.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!