Seguici su
Business 8 Settembre, 2020 @ 4:12

Far fortuna prima dei 40 anni: chi sono i più giovani miliardari d’America

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

Di Hayley C. Cuccinello per Forbes.com

Sebbene la maggior parte delle 400 persone più ricche d’America abbia l’età per andare in pensione – non che ne abbiano bisogno – una dozzina di loro ha meno di 40 anni. Alcuni dei più giovani della lista hanno ereditato la loro ricchezza, come Lukas Walton, nipote del fondatore di Walmart Sam Walton. Ma la maggior parte ha guadagnato miliardi avviando società tecnologiche o di social media, inclusi i cofondatori di Snap Evan Spiegel e Bobby Murphy, nonché Dustin Moskovitz e Mark Zuckerberg di Facebook, che è la persona più ricca del mondo sotto i 40 anni.

Uno di questi millennial è il nuovo arrivato nella Forbes 400 Trevor Milton, un 38enne che ha abbandonato l’università e che ha avviato Nikola, produttore di camion a idrogeno ed elettrici nel 2015. Originario dello Utah, ha fondato quattro società prima di Nikola, tra cui dHybrid Systems, una startup che ha progettato sistemi di alimentazione per camion a gas naturale. Ha venduto l’attività al produttore di metalli Worthington Industries nel 2014 per $ 15,9 milioni, quindi ha utilizzato i proventi per avviare Nikola un anno dopo.

Nel settembre 2019, Nikola si è assicurata un investimento di $ 250 milioni dal conglomerato olandese CNH Industrial, portando la sua valutazione a $ 3 miliardi e il patrimonio netto di Milton a poco meno di $ 1,1 miliardi. A giugno Nikola si è quotata acquisendo il controllo di una società già presente sul listino; le sue azioni hanno avuto un avvio strepitoso, quasi triplicando in quattro giorni di negoziazione. Da allora il titolo è tornato sulla a terra, scendendo del 68% fino al 24 luglio, ma Milton, il maggiore azionista di Nikola, è entrato nella Forbes 400 con un patrimonio 3,3 miliardi di dollari, triplicandolo in meno di un anno.

Il numero degli under 40 nella lista 2020 è diminuito di uno rispetto allo scorso anno. L’ereditiere Julio Mario Santo Domino III è uscito dalla classifica dei 400 americani più ricchi dopo che il valore della sua partecipazione in Anheuser-Busch è sceso. L’ex presidente di Facebook e finanziatore di Spotify, Sean Parker, ha compiuto 40 anni a dicembre.

Evan Spiegel

Età: 30 anni

Patrimonio: $ 11 miliardi

Fonte: Snap, self made

A giugno, il ceo di Snap è stato criticato da Trump dopo che la società ha annunciato che non avrebbe più promosso l’account della campagna elettorale nella tab Discover di Snapchat. Spiegel, il più giovane miliardario d’America, aveva appena pubblicato un nota di 2.000 parole in cui scriveva che “l’esperimento americano sta fallendo”, chiedendo tasse più alte per i ricchi e di considerare risarcimenti per i neri americani.

Bobby Murphy

Età: 32 anni

Patrimonio: $ 4,7 miliardi

Fonte: Snap, self made

Il cofondatore e chief technology officer di Snap ha donato 5 milioni di dollari ad aprile per aiutare 60.000 residenti di Los Angeles ad affrontare difficoltà finanziarie causate dal coronavirus.

Lukas Walton

Età: 33 anni

Patrimonio: $ 15,4 miliardi

Fonte: Walmart, ricchezza ereditata

Il nipote del fondatore di Walmart, Sam Walton, ha ereditato il suo patrimonio quando suo padre, John, è morto in un incidente aereo nel 2005. Walton presiede il comitato ambientale della Walton Family Foundation, che recentemente ha donato 1,25 milioni di dollari alla National Fish and Wildlife Foundation per aiutare il ripristino delle foreste e delle zone umide nella valle alluvionale del Mississippi inferiore.

Mark Zuckerberg, ceo di Facebook. (Photo by Win McNamee/Getty Images)

Mark Zuckerberg

Età: 36 anni

Patrimonio: $ 85 miliardi

Fonte: Facebook, self made

L’amministratore delegato di Facebook ha scavalcato il grande investitore Warren Buffett nella lista di quest’anno, diventando la terza persona più ricca d’America. Le azioni del gigante dei social media sono aumentate di quasi il 60% dal minimo di marzo, poiché l’uso di Facebook e le entrate pubblicitarie sono aumentate durante la pandemia. Più di mille inserzionisti hanno boicottato la piattaforma a metà giugno per protestare contro la scarsa sorveglianza di Facebook nei confronti dell’incitamento all’odio e i post fuorvianti dei politici. Zuckerberg ha annunciato alla fine di giugno che Facebook avrebbe iniziato a vietare più annunci che contengono contenuti di incitamento all’odio.

Dustin Moskovitz

Dustin Moskovitz

Età: 36 anni

Patrimonio: $ 14,2 miliardi

Fonte: Facebook, self made

Il cofondatore di Facebook ha lasciato il social network nel 2008 per avviare la società di gestione del lavoro da remoto Asana. La maggior parte del patrimonio netto di Moskovitz è legato a una quota stimata del 2% in Facebook, ma Asana sta prendendo piede grazie a un aumento dello smart working. L’ultima valutazione è di $ 1,5 miliardi a novembre 2018, ma Asana prevede di quotarsi in Borsa in autunno.

Scott Duncan

Età: 37 anni

Patrimonio: $ 4,8 miliardi

Fonte: gasdotti, ricchezza ereditata

Duncan e i suoi tre fratelli maggiori hanno ereditato ciascuno una partecipazione nella società di gasdotti del loro defunto padre Dan, la Enterprise Product Partners, nel 2010. Il suo patrimonio netto è sceso dai 6,3 miliardi di dollari dell’anno scorso quando i prezzi del petrolio sono crollati e le azioni della società sono scese di pari passo.

Nathan Blecharczyk

Età: 37 anni

Patrimonio: $ 3,1 miliardi

Fonte: Airbnb, ricchezza ereditata

Blecharczyk ha cofondato Airbnb con Brian Chesky e Joe Gebbia, anche loro under 40, nel 2008. La pandemia ha inferto un duro colpo alla società di affitti brevi di case. Ha raccolto 2 miliardi di dollari a debito e gli investitori privati ​​hanno ridotto la valutazione della società a 26 miliardi di dollari ad aprile dai 35 miliardi di dollari del 2018; di conseguenza il patrimonio dei cofondatori è diminuito di 1,1 miliardi di dollari ciascuno. A maggio Airbnb ha licenziato un quarto della sua forza lavoro poiché la pandemia ha sconvolto il settore dei viaggi. Ad agosto la società ha presentato in via confidenziale i documenti per la quotazione in borsa.

Ernest Garcia III

Età: 37 anni

Patrimonio: $ 4,2 miliardi

Fonte: auto usate, ricchezza ereditata e poi accresciuta

Garcia ha cofondato il rivenditore di auto usate online Carvana come sussidiaria di DriveTime, che è di proprietà di suo padre, l’altro miliardario Ernest Garcia II. Grazie agli americani costretti a casa che hanno acquistato auto online durante la pandemia, Carvana è ora il quarto più grande venditore di veicoli usati negli Stati Uniti, rispetto allo scorso anno quando era l’ottavo.

Courtesy Nikola

Trevor Milton

Età: 37 anni

Patrimonio: $ 3,3 miliardi

Fonte: Nikola Motor, self made

Milton, il più giovane nuovo arrivato tra i 400 americani più ricchi, ha annunciato su Twitter alla fine di agosto che avrebbe dato 6 milioni delle sue azioni ai primi 50 dipendenti di Nikola.

Lynsi Snyder

Età: 38 anni

Patrimonio: $ 3 miliardi

Fonte: In-N-Out Burger, ricchezza ereditata e poi accresciuta

Snyder ha ereditato l’iconica catena di hamburger della West Coast In-N-Out dai suoi nonni, diventando miliardaria nel 2017 quando ha ricevuto l’ultima parte della sua eredità per il suo 35° compleanno. In-N-Out, che afferma di aver inventato la prima finestra drive-thru, sta sopravvivendo alla pandemia grazie al suo business drive-thru. Nonostante la crisi economica, la catena prevede di aprire tre ristoranti in Colorado questo autunno, i primi a est dell’Arizona.

Brian Chesky, uno dei fondatori di Airbnb
Brian Chesky, uno dei fondatori di AirBnb (Justin Sullivan/Getty Images)

Brian Chesky

Età: 39 anni

Patrimonio: $ 3,1 miliardi

Fonte: Airbnb, self made

Joe Gebbia

Età: 39 anni

Patrimonio: $ 3,1 miliardi

Fonte: Airbnb, self made

Chesky e Gebbia sono rispettivamente ceo e chief product officer di Airbnb. La società si è assicurata 2 miliardi di dollari di debito ad aprile per rimanere a galla durante la pandemia, e ad agosto ha emesso un divieto globale alle feste e imposto limiti di occupazione delle case per gli affitti nel tentativo di frenare la diffusione di Covid-19.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!