Seguici su
Lifestyle 13 Ottobre, 2020 @ 4:09

LeBron James più grande di Michael Jordan e Kobe Bryant? Ecco cosa dicono i numeri

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
LeBron James
LeBron James (Photo by Douglas P. DeFelice/Getty Images)

Articolo di Tommy Beer apparso su Forbes.com

Tifosi, esperti ed ex giocatori possono trovare facili e ragionevoli argomenti per sostenere che Michael Jordan sia il più grande giocatore di basket di sempre. Simili argomentazioni potrebbero essere trovate anche a sostegno della candidatura di Kareem Abdul-Jabbar, troppo spesso colpevolmente sottovalutato. Ma a questo punto della sua carriera, nel pieno dei suoi trentacinque anni di età e con il quarto personale titolo Nba appena conquistato, anche LeBron James può entrare di diritto nella conversazione su chi sia il Goat (Greatest of all time).

Sono senza dubbio innumerevoli gli spunti per paragonare e contrapporre LeBron a MJ. Qui ci prendiamo un po’ di spazio per apprezzare quanto il ragazzo di Akron, Ohio, è stato in grado di conseguire durante gli ultimi 17 anni. Evitando di ricorrere a un linguaggio eccessivamente fiorito e prosa ricercata. Prendiamo direttamente in esame i numeri nudi e crudi.

Per apprezzare il dominio in termini statistici di LeBron su tutti i suoi contemporanei, prendiamo i leader delle seguenti classifiche (punti, assist, rimbalzi difensivi, palle rubate, tiri da tre messi a segno) durante i playoff dal 2000 a oggi (da notare il gap tra primo e secondo posto):

Punti:
1. LeBron James: 7.491
2. Kobe Bryant: 4.376
3. Tim Duncan: 4.274

Assist:
1. LeBron James: 1.871
2. Tony Parker: 1.143
3. Jason Kidd: 1.046

Rimbalzi in difesa:
1. LeBron James: 1.954
2. Tim Duncan: 1.880
3. Dirk Nowitzki: 1.234
4. Kevin Garnett: 1.107

Palle rubate:
1. LeBron James: 445
2. Manu Ginobili: 292
3. Dwyane Wade: 273

Triple messe a segno:
1. Stephen Curry: 470
2. LeBron James: 414
3. Klay Thompson: 374
4. Ray Allen: 366

Di seguito le statistiche all-time di LeBron nelle classifiche sulla postseason:

Punti:
1. LeBron James: 7.491
2. Michael Jordan: 5.987
3. Kareem Abdul-Jabbar: 5.762

Assist:
1. Magic Johnson: 2.346
2. LeBron James: 1.871
3. John Stockton: 1.839

Palle rubate:
1. LeBron James: 445
2. Scottie Pippen: 395
3. Michael Jordan: 376

Triple messe a segno:
1. Stephen Curry: 470
2. LeBron James: 414
3. Ray Allen: 385

In termini di rimbalzi complessivi, LeBron si piazza al sesto posto, alle spalle soltanto di Bill Russell, Wilt Chamberlain, Duncan, Shaquille O’Neal e Kareem.

Ora veniamo ai suoi risultati più recenti.

Domenica sera James si è aggiudicato il suo quarto titolo Nba ed è stato nominato Mvp delle Finals per la quarta volta (secondo soltanto a Jordan).

LeBron è il primo giocatore di sempre a vincere l’Mvp delle Finals con tre squadre diverse (Miami Heat, Cleveland Cavs e Los Angeles Lakers).

Nelle Finals quest’anno, giusto un paio di mesi prima di compiere 36 anni, LeBron ha tenuto una media di 29,8 punti, 11,8 rimbalzi e 8,5 assist a partita, con una percentuale realizzativa del 59% e 41,7% nei tiri da tre punti.
Nella decisiva gara 6 LeBron ha totalizzato 28 punti, 14 rimbalzi e dieci assist. Sorprendentemente la sua undicesima tripla doppia nelle Finals Nba, che significa che può vantare più triple doppie nelle Finals di quelle messe a segno da tutti gli altri giocatori Nba ancora in attività messi insieme. Gara 6 è stata anche la sua dodicesima personale partita delle Finals con più diu 25 punti, più di undici rimbalzi e cinque assist.

Nessuno individualmente nella storia delle Finals Nba può vantare più di quattro partite con simili risultati (né Magic Johnson né Michael Jordan ne hanno più di quattro). Mentre James ha più partite da almeno 25 (punti), 10 (rimbalzi) e 5 (assist) nelle Finals di Larry Bird, Magic, Mj, Hakeem Olajuwon, Kevin Durant, Bill Russell e Steph Curry messi insieme.

Lungo l’arco degli ultimi 15 anni LeBron ha raggiunto i playoff 14 volte. Ha sempre superato il primo turno e raggiunto le Finals dieci volte. Durante l’ultimo decennio, ha giocato 51 delle 57 partite di Finals Nba che hanno avuto luogo.

LeBron non ha mai saltato una partita di postseason (gara 6 era la sua 260esima partita consecutiva), dove detiene una media di 42 minuti per incontro. Secondo Basketball-Reference, James è stato leader della sua squadra in punti, rimbalzi e assist nelle Nba Finals per sette volte. Solo altri tre giocatori nella storia del campionato sono riusciti a compiere questa impresa (Magic Johnson, Tim Duncan e Jimmy Butler). Ma, a parte LeBron, nessun giocatore lo ha fatto più di una volta.

Per quanto riguarda il falso mito che LeBron non sia in grado di prendersi la responsabilità dell’ultimo tiro, è stato più volte dimostrato che si tratta di una ripetuta falsità. James può infatti contare più tiri a canestro sulla sirena nei playoff di ogni altro giocatore nella storia (più di quanti non ne abbiano presi Michael Jordan e Kobe Bryant assieme).

LeBron ha anche la più alta media realizzativa in ogni gara 7 (34,9 punti a partita) e match a eliminazione giocato. Secondo Elias Sports Bureau, James detiene il record di 39-11 (.780) nel rapporto tra partite a eliminazione diretta giocate e vittorie a referto, il migliore per un giocatore Nba nella storia delle postseason (se si considera chi ha giocato almeno 25 partite di playoff).

Va da sè che anche i numeri di LeBron nella regular season siano altrettanto incredibili. Nel 2019-2020 è stato nominato per la tredicesima volta in carriera membro del quintetto base ideale, con 25,3 punti di media, 7,8 rimbalzi e il record di assist 10,2. Sesto giocatore a comparire contemporanemente nelle classifiche di punti segnati e in quella degli assist. Secondo giocatore di sempre a mantenere una media assist superiore a dieci a 35 anni di età o più. James è il miglior realizzatore tra i giocatori in attività ed è l’unico di sempre ad avere messo a segno contemporaneamente più di 9mila punti, 9mila rimbalzi e 9mila assist.

LeBron James, al quale peraltro rimane ancora molto da dare, ha già messo a segno più punti complessivi in carriera di Michael Jordan e Kobe Bryant, più assist di Isiah Thomas e Gary Payton, più rimbalzi di Larry Bird e Willis Reed, più palle rubate di Allen Iverson e Magic Johnson, più blocchi di Scottie Pippen e Yao Ming, più triple di Kevin Durant e Peja Stojakovic, più triple doppie di Wilt Chamberlain e James Harden, con una percentuale dal campo più alta di Moses Malone e Michael Jordan.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!