Seguici su
Leader 18 Aprile, 2020 @ 9:15

Come Michael Jordan è diventato lo sportivo più ricco del mondo

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Michael Jordan
Michael Jordan nel 1988 con la casacca dei Chicago Bulls (Mike Powelll/Allsport-Gettyimages)

Articolo di Kurt Badenhausen apparso su Forbes.com

Michael Jordan è stato come l’oro per le reti televisive nei giorni in cui dominava il parquet. È apparso nelle quattro finali NBA più viste di tutti i tempi, con il pubblico che ha raggiunto il picco di 29 milioni a partita nel 1998. Quando ha lasciato definitivamente i Chicago Bulls nel suo secondo ritiro, il pubblico delle finali è precipitato del 45%. Nei due decenni seguenti, l’NBA non si è nemmeno avvicinata, con le finali più viste – i Golden State Warriors contro i Cleveland Cavaliers – che hanno attirato 20 milioni di spettatori sia nel 2016 che nel 2017.

Questo fine settimana, con il mondo dello sport bloccato, MJ sta tornando. La tanto attesa serie di documentari in dieci parti The Last Dance, che segue l’ultima stagione di Jordan ai Bulls, prenderà il via domenica sera su ESPN con un paio di episodi. La serie si svolgerà, due episodi alla volta, ogni domenica sera fino al 17 maggio. La serie è disponibile su Netflix al di fuori degli Stati Uniti.

Il documentario era originariamente previsto in uscita a fine giugno, ma ESPN, che soffre di una carenza di programmazione causata dalla quarantena di coronavirus, lo ha riprogrammato dopo che i fan hanno inondato i social media con le richieste di velocizzare il rilascio. Lo sfogo ha rivelato la profonda relazione amorosa del pubblico con la star, oggi 57enneche dopo il suo ritiro dallo sport è entrata nella Hall of Fame nel 2009, è diventato protagonista di un leggendario meme su Internet e ha guadagnato il titolo di atleta più ricco di tutti i tempi.

Per l’occasione, Forbes ha passato al setaccio tutti i business di Michael Jordan.

Michael Jordan
Michael Jordan mentre gioca a golf in North Carolina. (Scott Halleran/Getty Images)

Patrimonio netto

Mentre la maggior parte dei miliardari ha perso denaro negli ultimi 12 mesi, il patrimonio netto di Jordan è aumentato di $ 300 milioni grazie all’incremento di valore degli Charlotte Hornets, la franchigia NBA di cui detiene circa il 70% e di altri $ 145 milioni, provenienti in gran parte da Nike. La sua quota negli Hornets vale $ 940 milioni al netto del debito. Jordan si è classificato al n° 1001 il mese scorso nella classifica annuale di Forbes dei miliardari del mondo , con un patrimonio stimato complessivo di $ 2.1 miliardi. Jordan è entrato nel club dei miliardari nel 2014.

In classifica lo sportivo più vicino a Jordan è Tiger Woods con $ 800 milioni.


Il gioco dello stipendio

In totale, Jordan ha guadagnato 94 milioni di dollari al lordo delle tasse nelle sue 13 stagioni con i Chicago Bulls e nei due anni passati con i Washington Wizards, oltre ai 4 milioni di dollari che i Bulls gli hanno pagato quando si è ritirato dalla NBA nella stagione 1993-94 per andare a giocare a baseball in AA, il campionato di serie C americano.

Per mettere in prospettiva quel salario, il primo contratto di Jordan nel 1984 valeva $ 2,8 milioni in quattro anni. Sono circa 7 milioni di dollari dopo l’adeguamento all’inflazione, ovvero 1,75 milioni di dollari all’anno. L’MVP della stagione 2019, Zion Williamson, guadagnerà $ 44 milioni nei suoi primi quattro anni. Solo nella sua dodicesima stagione, quando già aveva inanellato quattro titoli NBA e un numero uguale di MVP Awards, a Jordan fu assegnato il miglior stipendio della lega, pari a $ 30,1 milioni. Accadde di nuovo l’anno successivo, quando il contratto raggiunse i $ 33,1 milioni, prima del ritiro nel 1998. Sarebbero passati altri 16 anni prima che un altro giocatore della NBA (Kobe Bryant) arrivasse a guadagnare $ 30 milioni, in conseguenza di un limite ai salari individuali messo in atto nel 1999.

Jordan è tornato a giocare nel 2001 con i Washington Wizards, dove era deteneva una quota e rivestiva anche una posizione dirigenziale, donando il suo stipendio annuo da $ 1 milione in favore delle vittime degli attacchi dell’11 settembre.

Michael Jordan
Michael Jordan testimonial di Nike a Parigi (Photo by Jordan Brand via Getty Images)

Il ruolo da testimonial

L’NBA ha reso famoso Jordan, ma sono stati i suoi sponsor a renderlo ricco. In quasi quattro decenni, ha guadagnato $ 1,7 miliardi (al lordo delle imposte) fuori dal campo da marchi come Nike, Coca-Cola, McDonald’s, Wheaties, Chevrolet e altri, ed è ancora testimonial per  Nike, Hanes, Gatorade e Upper Deck.


Nike

La Nike è sempre stata la più grande sostenitrice di Jordan. Il suo accordo iniziale di cinque anni con la Nike, firmato nel 1984, valeva $ 500.000 all’anno (circa $ 1,2 milioni in dollari di oggi), più le royalties. Il suo introito relativo allo scorso anno (incluso nel conteggio sopra) è stato di $ 130 milioni secondo Forbes, quattro volte di più di quello di LeBron James, che ha il secondo testimonial di scarpe di maggior valore della NBA .

Nike ha trasformato il marchio Jordan in una rilevante attività indipendente, con $ 3,1 miliardi di entrate nell’anno fiscale che si è chiuso a maggio 2019, con un aumento del 10% rispetto all’anno precedente. Anche con l’impatto del coronavirus, le vendite nell’anno fiscale in corso saranno probabilmente maggiori, secondo i recenti aggiornamenti di Nike. La società ha dichiarato che il marchio ha raggiunto per la prima volta un miliardo di dollari in un solo trimestre alla fine del 2019 e ha evidenziato come Jordan sia stato uno dei motori di crescita degli ultimi risultati trimestrali.

“La cosa più eccitante è che siamo ancora nelle prime fasi di diversificazione del portafoglio Jordan”, ha dichiarato l’ex ceo Mark Parker quando ha annunciato i risultati del secondo trimestre . “E abbiamo continuato con forza verso il terzo trimestre con il lancio delle Jordan 11 “Bred”, soddisfacendo la domanda di uno dei prodotti più richiesti di tutti i tempi nella cultura sneaker”.

La Nike ha rilasciato la scarpa da basket Air Jordan XXXIV a settembre e gli attuali giocatori della NBA Zion Williamson, Jayson Tatum e Rui Hachimura la indossano sul campo. La quota di Nike nel mercato statunitense di scarpe da basket – che include il marchio Jordan – era dell’86% nel 2019, secondo la società di ricerche di mercato NPD. Ha una quota del 96% nella più ampia categoria denominata “basket lifestyle”.

Michael Jordan
Michael Jordan (Streeter Lecka/Getty Images)

Gli Hornets

Nel 2003, quando si è ritirato definitivamente, ci si aspettava che Jordan sarebbe tornato al suo ruolo di dirigente e co-proprietario della squadra di basket dei Washington Wizards, ma fu costretto ad abbandonare dall’allora proprietario dei Wizards, Abe Pollin. Tre anni dopo ci fu il ritorno, con l’acquisizione di una partecipazione di minoranza nei Charlotte Bobcats, che da allora sono stati ribattezzati Hornets. Ha assunto il controllo di maggioranza della squadra nel 2010 con un accordo del valore di $ 175 milioni, che è stato in gran parte finanziato con debito. Successivamente ha portato la sua quota al 90%.

Il suo investimento è avvenuto giusto in tempo per approfittare di un’esplosione dei valori della squadra, innescata da tre grandi eventi: un nuovo accordo di contrattazione collettiva che ha ridotto la quota di entrate dei giocatori dal 57% al 50% nel 2011; l’effetto Ballmer, avvenuto dopo che l’ex ceo di Microsoft Steve Ballmer ha pagato $ 2 miliardi nel 2014 per rilevare i Los Angeles Clippers, più del triplo del precedente record NBA; e un nuovo accordo tra la NBA TV e i canali ESPN e TNT, che ha triplicato il valore del contratto precedente.

Nello scorso settembre Jordan ha fatto cassa con alcune delle sue azioni degli Hornets, vendendo circa il 20% della squadra (per una valutazione di $ 1,5 miliardi) ai gestori di hedge fund con sede a New York, Gabe Plotkin e Daniel Sundheim.


Gli investimenti

Gli Hornets sono di gran lunga il più grande investimento di Jordan, che ha anche partecipato individualmente a un round di finanziamento per Sportradar, un fornitore di dati sportivi con sede in Svizzera; per il marchio di cuffie Muzik; per Gigster, un marketplace con sede a San Francisco per i talenti della tecnologia freelance; e per aXiomatic. Nel 2018 Jordan si è unito a un altro ex cestista inserito nella Hall of Fame della NBA, Magic Johnson, in qualità di investitore in aXiomatic, la società che controlla la squadra di eSports Team Liquid, recentemente valutata $ 320 milioni .

Jordan e tre altri proprietari di squadre NBA – Jeanie Buss dei Los Angeles Lakers , Wes Edens dei Milwaukee Bucks e Wyc Grousbeck dei Boston Celtics – hanno lanciato l’anno scorso un marchio di tequila super premium, Cincoro. La bottiglia più costosa della linea, Extra Añjeo, viene venduta al dettaglio per 1.600 dollari.

MJ si è unito al gruppo di investitori che ha acquistato la squadra di baseball dei Miami Marlins per $ 1,2 miliardi nel 2017. Derek Jeter, un amico di lunga data di Jordanè l’amministratore delegato del club e possiede il 4% della squadra mentre Jordan ne possiede meno dell’1%. È un ritorno al baseball per Jordan, che ha trascorso un anno giocando a baseball in una lega minore con i Chicago White Sox nel 1994. (Tornò ai Bulls l’anno successivo con un memorabile comunicato stampa di due parole: “Sono tornato”. )

Jordan possiede anche una concessionaria di automobili ed è partner del Cornerstone Restaurant Group, che gestisce cinque ristoranti a marchio Jordan.

(Gettyimages)

I Chicago Bulls

MJ non ha il tocco di Re Mida solo quando si tratta del proprio conto bancario, ma la sua magia ha anche aiutato gli altri a costruire fortune da miliardi di dollari.

Nel 1985, l’anno successivo alla prima convocazione in NBA di Jordan, Jerry Reinsdorf guidò un gruppo di investimento che pagò $ 16 milioni per i Bulls. Quell’anno furono vendute altre tre squadre della NBA – Milwaukee, Denver e Utah – con i Bulls che furono i più economici del gruppo. Quando Jordan si ritirò per la seconda volta dopo la stagione 1997-98, i Bulls erano la squadra di maggior valore della NBA, e nonostante la squadra abbia raggiunto le finali della Eastern Conference solo una volta da allora, il suo valore ha continuato ad aumentare, anche se senza Jordan, i Bulls sono stati superati in valore dai New York Knicks, dai Los Angeles Lakers e dai Golden State Warriors. I Bulls sono al quarto posto nella NBA con un valore di $ 3,2 miliardi nella classifica Forbes dei team dell’NBA di maggior valore pubblicata a febbraio, generando un rendimento annualizzato per Reinsdorf del 17% rispetto al 6,7% dell’indice S&P 500 (prima dei dividendi).


Filantropia

La quota multimilionaria di Jordan dei ricavi di The Last Dance andrà tutta a enti di beneficenza, tra cui l’ente no profit Friends of the Children, così come altri beneficiari non ancora identificati.

Jordan si è unito alla maggior parte degli altri proprietari dell’NBA nell’impegno a pagare i dipendenti durante l’interruzione del coronavirus, e il club ha donato aiuti per la Carolina. Negli ultimi anni, ha scritto assegni a sette cifre per aiuti alle popolazioni colpite dagli uragani sia alle Bahamas che in Carolina, ed è stato coinvolto per tre decenni dalla fondazione Make-A-Wish come donatore e mettendosi a disposizione per delle aste benefiche.

La prima delle due Novant Health Michael Jordan Family Medical Clinics è stata aperta ad ottobre per assistere i membri svantaggiati della comunità di Charlotte. Jordan ha contribuito con $ 7 milioni al progetto. La clinica ha cessato le sue normali operazioni durante la pandemia di coronavirus e sta fungendo da centro di osservazione per pazienti con sintomi respiratori.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!