Chi sono gli ex dipendenti di Elon Musk stanno per diventare i suoi principali rivali

Elon Musk
(foto Joshua Lott/Getty Images)
Share
Elon Musk ha un patrimonio netto stimato da Forbes di quasi 20 miliardi. (Photo by Joshua Lott/Getty Images)

Articolo di Alan Ohnsman apparso su Forbes.com

PayPal è famoso non soltanto per aver fatto da pioniere nei pagamenti elettronici, ma anche per la sua cosiddetta “mafia”, un gruppo di ex di successo che dopo hanno fondato o finanziato società che vanno da LinkedIn a Yelp, da Palantir a Affirm.

Ora Elon Musk, che ha generato un’enorme ricchezza a capo della “gang” di Tesla, ha dato origine ad una nuova schiera di persone che un giorno potrebbero rivaleggiare anche con Tesla. Alcuni degli ex dipendenti della casa automobilistica infatti hanno continuato a formare società di veicoli elettrici e batterie, principalmente in California. Dozzine di altri sono approdati a società di veicoli elettrici come il produttore di autobus Proterra e il produttore di autocarri Rivian. Tutti questi ex dipendenti di Tesla si preparano ad avere un impatto enorme su un’industria automobilistica da 6mila miliardi di dollari nelle decadi a venire.

“Tesla non può fare tutto da sola” afferma Peter Rawlinson, chief engineer in Tesla per la Model S e adesso ceo della sua startup di veicoli elettrici, la Lucid. “Ha bisogno di un po’ di concorrenza” aggiunge, riferendosi a Musk.

“È una buona comunità di cui far parte”, spiega Sterling Anderson, cofondatore della startup di guida autonoma Aurora, che ha lasciato Tesla nel 2016. “Sono stato davvero felice di vedere quanto successo e impatto hanno avuto molti dei miei ex colleghi in questo settore”.

Rawlinson, Anderson e altri tre ex dipendenti Tesla si stanno preparando a competere e sostenere la spinta della casa automobilistica di Musk verso l’elettrificazione e l’automatizzazione dei veicoli. Le loro aziende hanno già un valore complessivo di oltre 30 miliardi di dollari. Si tratta soltanto di una piccola parte rispetto alla capitalizzazione di mercato da 780 miliardi di Tesla, ma siamo soltanto all’inizio.

Sterling Anderson

Aurora Innovation, cofounder e Chief Product Officer

Anderson è arrivato in Tesla nel 2013 per lavorare sul crossover Model X e ha contribuito a lanciare la ricerca di Tesla sulla tecnologia della guida autonoma, guidando lo sviluppo della sua funzione di assistenza alla guida del pilota automatico. “Un po’ come stare insieme in trincea”, racconta del suo tempo trascorso in Tesla. “Crei un vero legame in un ambiente ad alta pressione”.

Lo scienziato formato dal Mit se ne è andato nel 2016 per fondare la startup di guida autonoma Aurora Innovation insieme all’ex chief delle auto a guida autonoma di Google Chris Urmson e dal ricercatore di AI (Artificial Intelligence) presso la Carnegie Mellon University, Drew Bagnell. Aurora ha raccolto più di un miliardo di dollari e a dicembre 2020 ha acquistato l’unità autonoma di Uber, aumentando la probabilità di diventare un attore importante nella tecnologia dei veicoli autonomi. Finora sono in programma partnership tecnologiche con Uber, con il produttore di autocarri Paccar e con Toyota. La valutazione della startup della Silicon Valley è balzata a una stima di 10 miliardi di dollari, a seguito dell’acquisizione di Uber.

Gene Berdichevsky

Sila Nanotechnologies, Cofounder e Ceo

Berdichevsky è stato il settimo dipendente di Tesla, assunto nel 2004 come principale ingegnere di batterie per la Roadster, primo tentativo dell’azienda di realizzare un’auto elettrica per il mercato consumer. Quando uscì sul mercato, il suo interesse era quello di rendere le batterie agli ioni di litio sulle quali stava lavorando molto più economiche ed efficienti. “Dopo il lancio della Roadster, mi sono trovato a dover decidere se creare la mia azienda oppure rimanere a lavorare sul progetto della Model S”, dice Berdichevsky, che ha lasciato nel 2008 per avviare Sila Nano nel 2011.

Da allora, la batteria di Berdichevsky si è evoluta, sviluppando un anodo a base di silicio per sostituire la grafite più costosa. Il materiale potrebbe rendere le batterie utilizzate da Tesla e altri produttori di veicoli elettrici almeno del 20% più efficienti e potrebbe migliorare le prestazioni del 50%, secondo l’azienda. Ha raccolto 930 milioni di dollari, incluso un round di 590 milioni di dollari a gennaio che ha portato la valutazione di Sila Nano a circa 3,3 miliardi di dollari, oltre a fornire fondi per il suo primo impianto su larga scala che aprirà nel 2024. “È stato un lungo viaggio, ma alla fine è ciò che amo fare”.

Henrik Fisker

Fisker Inc, Cofounder e Ceo

Fisker, un famoso designer che ha disegnato la roadster Bmw per James Bond e ha guidato lo studio di design di Ason Martin, è anche stato consulente di design per la Model S. Musk non ha apprezzato il suo design e, senza successo, lo ha citato in giudizio nel 2008 per aver violato il contratto, sostenendo che l’imprenditore danese avesse firmato l’accordo soltanto per spiare Tesla (cosa che Fisker ha sempre negato). Il primo tentativo da competitor di Tesla, la lussuosa plug-in ibrida di Karma Automotive, è fallito a causa di una serie di complicazioni: incendi della batteria, difetti di assemblaggio, persino una spedizione di auto finita perduta a causa di un uragano nel 2012. Ha chiuso Fisker Automotive nel 2014.

Ora è tornato con una nuova società, quotata in borsa come Fisker Inc., e si sta preparando a vendere i crossover elettrici Ocean. Il suv alimentato a batteria, al prezzo di 37.550 dollari, sarà costruito con il gigante dell’ingegneria automobilistica Magna e competerà direttamente con la Model Y. Fisker, che è stata quotata in borsa con un accordo Spac nel 2020, è a un anno dall’inizio della produzione ma ha già una capitalizzazione di mercato di 4 miliardi di dollari e circa 1 miliardo di cassa per lo sviluppo del prodotto. La raccolta di fondi per il lancio di una startup automobilistica è servito da lezione. “L’industria automobilistica non è proprio il tipo di industria in cui la Silicon Valley vuole investire”, afferma Fisker, ricordando i problemi di denaro sorti nella Fisker Automotive. “Tesla ce l’ha fatta abbastanza velocemente… Elon aveva molti soldi (provenienti da PayPal) quando è entrato in Tesla, e questo lo ha aiutato. Poi è stato in grado di quotarsi abbastanza presto, nel 2010… Noi no”.

Peter Rawlinson

Lucid Motors, Cofounder e Ceo

Rawlinson, un veterano di Jaguar e Lotus, si è unito a Tesla nel 2009. Lui e Musk andavano molto d’accordo, almeno all’inizio. “Siamo entrambi ossessionati dall’idea di raggiungere il massimo con la tecnologia, e l’ingegneria da sola non può essere abbastanza”, afferma Rawlinson su Zoom. Era il chief engineer della Model S di Tesla, la berlina elettrica del 2012 che ha ridefinito l’idea di auto alimentata a batteria.

Ha lasciato quello stesso anno sia per prendersi cura della madre, che era malata, sia per una serie di divergenze con Musk sul programma di sviluppo della Model X. Ora è il ceo di Lucid Motors, una startup di veicoli elettrici con sede a Newark, in California, che ha ricevuto 1,3 miliardi di dollari di fondi dall’Arabia Saudita. Le consegne di berline elettriche di lusso top di gamma, la Air, in grado di percorrere oltre 500 miglia per carica e al prezzo di 169 mila dollari, inizieranno questa primavera. “Non sono in concorrenza con il prodotto Tesla. Sono in competizione con Mercedes-Benz”, dice Rawlinson.

JB Straubel

Redwood Materials, Founder e Ceo

Come Musk, Straubel è un collega co-fondatore di Tesla ed è stato il suo chief technology officer dai primi giorni della casa automobilistica elettrica fino al 2019. Il suo sogno iniziale era quello di realizzare auto elettriche per ridurre l’inquinamento da monossido di carbonio.

Ora si è concentrato sul riciclaggio delle batterie con la sua startup, Redwood Materials, per garantire che il litio, il cobalto e il nichel nelle batterie usate di Tesla e degli altri veicoli elettrici rimangano fuori dalle discariche. La società di Carson City, con sede in Nevada, ha annunciato un round di finanziamento di 40 milioni di dollari nel settembre 2020. Nel frattempo sta lavorando su progetti di riciclaggio con Panasonic e Amazon. “Per combattere il cambiamento climatico, dobbiamo risolvere l’impatto che i prodotti hanno sull’ambiente”, ha detto al momento della raccolta fondi. Forbes stima che Straubel abbia un patrimonio netto di 1 miliardo di dollari, supponendo che detenga una parte delle azioni Tesla e in base alle azioni ricevute come membro del consiglio di QuantumScape, un produttore di batterie sostenuto da Bill Gates.