Quanto hanno guadagnato gli attori candidati agli Oscar di quest’anno

Sacha Baron Cohen Oscar
(foto Jason Merritt/Getty Images)
Share

Articolo di Madeline Berg e Dawn Chmielewski apparso su forbes.com

Fare arte o fare soldi: questo è sempre stato l’enigma per gli attori di serie A, fin dai giorni dei primi film sonori. E nonostante lo tsunami che ha scosso il mondo del cinema nell’ultimo anno, questa è una tradizione di Hollywood che è rimasta radicata e costante. I cinque attori più pagati tra i candidati agli Oscar 2021 hanno guadagnato, in totale, 41 milioni di dollari negli ultimi 12 mesi: meno della metà degli 87,5 milioni di dollari che l’attore più pagato, Dwayne Johnson (The Rock), ha incassato lo scorso anno. Solo una di loro, Viola Davis, è entrata nelle liste degli attori o attrici più pagati dello scorso anno, e questo grazie al suo ruolo televisivo in Le regole del delitto perfetto, non all’interpretazione in Ma Rainey’s Black Bottom che le è valsa la candidatura.

“In un mondo in cui gli artisti affermati possono fare delle scelte, la giusta sceneggiatura e un regista di talento spesso prevalgono sul denaro”, ha detto Ken Ziffren, partner dello studio legale di intrattenimento Ziffren Brittenham. “Ricevere una nomination, anche se potrebbero non vincere, ai Sag Awards (Screen Actors Guild Awards, i premi del sindacato degli attori) o agli Oscar, può anche portare vantaggi economici per il futuro”.

Il candidato agli Oscar più pagato, Sacha Baron Cohen, illustra la dicotomia tra i film popolari e quelli considerati degni di premi. Domenica sera sarà in corsa per due Academy Awards: uno per il ruolo dell’attivista politico Abbie Hoffman nel dramma Il processo ai Chicago 7, l’altro per aver scritto la sceneggiatura di Borat – Seguito di film cinema, un sequel della commedia di successo del 2006 Borat, acquisito da Amazon per 80 milioni di dollari.

Le statuette possono sembrare uguali, ma le cifre che ha guadagnato con i due film non potrebbero essere più diverse: ha guadagnato circa 20 milioni di dollari per Borat, cioè 20 volte il milione ricevuto per Il processo. La sbalorditiva discrepanza tra i compensi riassume la scelta che i protagonisti dell’industria cinematografica sono chiamati a compiere da decenni: girare un blockbuster ad alto budget per una grossa somma o un film di prestigio per il plauso della critica e – da un punto di vista meno cinico – l’amore per il mestiere. In rari casi, come quello Borat, le due opzioni possono sovrapporsi. Il più delle volte, però, gli artisti che aspirano all’Oscar non scelgono quei ruoli per i soldi.

Detto questo, vincere un Oscar rappresenta spesso il giusto mix di pubblicità e riconoscimento per aumentare il potenziale di guadagno futuro. Basti pensare ad Angelina Jolie, che è stata la seconda attrice più pagata al mondo lo scorso anno con 35,5 milioni di dollari di guadagni. Prima della sua interpretazione premiata con l’Oscar in Ragazze interrotte, Jolie aveva recitato principalmente in film indipendenti che non erano riusciti a raccogliere un vasto pubblico o grosse retribuzioni. La sua vittoria come attrice non protagonista nel 1999 ha cambiato le sue sorti: ha ottenuto il ruolo che dà il titolo al film d’avventura del 2001 Lara Croft: Tomb Raider, ispirato ai videogiochi. Già nel 2004 chiedeva un cachet di 10 milioni di dollari per ruolo, più una quota degli incassi, per i film ad alto budget. E da allora, quella cifra non ha fatto che aumentare. Forbes stima che abbia ricevuto 20 milioni di dollari per il suo recente ritorno in Maleficent – Signora del male.

Più di recente, Brie Larson, vincitrice di un Oscar nel 2016, ha lasciato progetti a budget più piccolo per unirsi all’universo cinematografico Marvel, nel ruolo di Captain Marvel. La sua prima apparizione nei panni della supereroina, in Captain Marvel del 2019, è coincisa con il primo film di supereroi con protagonista femminile a incassare oltre 1 miliardo di dollari al botteghino. Forbes stima che abbia incassato più di 10 milioni di dollari in totale per il film.

Ecco quanto hanno guadagnato alcuni dei candidati all’Oscar più pagati di quest’anno.

#5 | Daniel Kaluuya: 3 milioni di dollari

Dopo aver ottenuto la sua prima nomination all’Oscar nel 2018 per Scappa – Get Out, Kaluuya è il favorito per vincere il premio come miglior attore non protagonista quest’anno per il suo ruolo in Judas and the Black Messiah. Mentre lui e il co-protagonista LaKeith Stanfield hanno guadagnato la stessa somma di denaro per il progetto, Kaluuya ha incassato un assegno extra per una pubblicità dell’XBox basata sul suo ruolo in Get Out.

#4 | Glenn Close: 4,5 milioni di dollari

Anche se Elegia americana non ha entusiasmato la critica come Netflix sperava, una delle star del film, Glenn Close, ha comunque ottenuto la sua nomination all’Oscar. I compensi dell’otto volte candidata all’Oscar e della co-protagonista Amy Adams erano probabilmente intorno al 10% del budget di 45 milioni di dollari del film. Anche il film indipendente Four Good Days ha contribuito ad accrescere i suoi guadagni.

#3 | Chadwick Boseman: 5 milioni di dollari

La defunta star, morta nell’agosto 2020 di cancro al colon all’età di 43 anni, ha lavorato fino ai suoi ultimi giorni ed è stata nominata per la sua interpretazione di Levee, un ambizioso trombettista in Ma Rainey’s Black Bottom, uscito dopo il suo decesso. Per Boseman, diventato una star a tutti gli effetti con il ruolo di T’Challa in Black Panther, questa è la prima nomination agli Oscar. Boseman ha anche incassato un assegno per un ruolo da non protagonista in Da 5 Bloods – Come fratelli di Spike Lee.

#2 | Viola Davis: 7 milioni di dollari

La Davis può chiedere grossi cachet per ruoli televisivi di successo – come quello di Annalise Keating in Le regole del delitto perfetto – e per la sua campagna pubblicitaria L’Oréal, ma incassa assegni minori per progetti che le stanno a cuore. Detto questo, dopo aver vinto un Oscar nel 2017 per il suo ultimo ruolo in un altro adattamento di August Wilson, Barriere, è stata probabilmente in grado di negoziare un aumento per il suo ruolo in Ma Rainey’s Black Bottom. Forbes stima che il suo compenso per quel film sia stato di 3 milioni di dollari.

#1 | Sacha Baron Cohen: 22 milioni di dollari

Secondo alcune fonti, Amazon ha sborsato più di 70 milioni di dollari per il mockumentary Borat – Seguito di film cinema, e come protagonista, produttore e sceneggiatore, Baron Cohen ha ottenuto una cospicua fetta dei profitti. Al contempo, per il dramma intellettuale di Aaron Sorkin sul processo a un gruppo di manifestanti contro la guerra del Vietnam, accusati di incitamento alla rivolta durante la Convention nazionale democratica del 1968 a Chicago, “tutti hanno lavorato per un compenso molto minore rispetto a quello che ricevono di solito”, ha detto un importante agente dell’industria dell’intrattenimento.

I guadagni di cui sopra sono al lordo delle tasse e delle commissioni e riflettono tutti i progetti usciti negli ultimi 12 mesi. Le stime degli utili si basano sui dati di MRC Data, Box Office Mojo e IMDB, nonché su interviste con addetti ai lavori del settore.