Ecco quanto hanno perso i miliardari ucraini dall’inizio dell’invasione russa

Rinat Akhemotov (Alexander Khudoteply-Afp-Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

I sette ucraini della Classifica dei miliardari del 2022 hanno perso 7 miliardi di dollari rispetto al 2021, con Vlad Yatsenko di Revolut che ha preso il posto del magnate del cioccolato ed ex presidente dell’Ucraina Petro Poroshenko.

L’invasione della Russia è costata migliaia di vite e distrutto alcune delle più grandi città dell’Ucraina, il tutto devastando le infrastrutture del paese. Per i miliardari ucraini, molti dei quali possiedono importanti risorse in settori che vanno dall’acciaio e carbone all’industria mineraria e bancaria, la devastazione operata dall’esercito di Putin ha causato gravi danni ai loro beni e intaccato in modo significativo le loro fortune.

I miliardari ucraini hanno perso 9,7 miliardi di dollari dall’invasione russa

È difficile valutare le aziende in questa fase della guerra, ma, in collaborazione con i nostri partner di Forbes Ukraine, stimiamo che i miliardari ucraini valgano un totale di 11,9 miliardi di dollari. Sono 7 miliardi in meno rispetto ai 18,9 miliardi di dollari dell’elenco dei miliardari del mondo 2021 di Forbes, pubblicato nel marzo 2021. All’epoca il magnate del cioccolato Petro Poroshenko era ancora un miliardario e Vlad Yatsenko, cofondatore della banca digitale Revolut, non faceva parte del club dei miliardari.

Complessivamente, i miliardari ucraini hanno perso 9,7 miliardi di dollari, ossia il 45%, rispetto a poco prima dell’inizio dell’invasione russa. Uno dei motivi per cui il calo non è stato totale è che molti hanno una quantità significativa dei loro beni al di fuori dell’Ucraina.

LEGGI ANCHE: “Ecco quanto hanno perso in un anno i miliardari più ricchi della Russia”

Forbes ha inserito nella lista dei miliardari di quest’anno sette ucraini. Uno dei magnati più importanti del paese, Petro Poroshenko, che è stato presidente dell’Ucraina dal 2014 al 2019, è uscito dalla lista. Il suo patrimonio netto è diminuito di oltre la metà, a circa 700 milioni di dollari. La sua azienda dolciaria Roshen ha perso infatti circa il 75% del suo valore ed è stata costretta a chiudere due fabbriche a Kiev e nella vicina Boryspil a causa della guerra.

Gli sforzi dei miliardari contro la guerra

Nei giorni precedenti l’invasione, i miliardari ucraini si sono uniti attorno al governo di Kiev e molti di loro sono tornati nel Paese per mostrare il loro sostegno. Alcuni hanno anche deciso di intervenire economicamente per aiutare lo sforzo bellico. Rinat Akhmetov, la persona più ricca dell’Ucraina, in un’intervista a Forbes del 10 marzo, ha detto che la sua holding industriale System Capital Management (Scm) stava “aiutando l’esercito e le forze di difesa territoriale”. Poroshenko, invece, ha indossato un giubbotto antiproiettile e ha preso in mano un fucile nelle apparizioni nelle televisioni occidentali.

La lista dei miliardari ucraini che hanno perso di più

Ecco i miliardari ucraini e un riassunto delle loro fortune e attività recenti (i patrimoni netti sono quelli della lista dei miliardari del mondo del 2022):

1. Rinat Akhmetov

Patrimonio netto: 4,2 miliardi di dollari

Fonte di ricchezza: acciaio, carbone

Cambiamenti dall’invasione: -4,3 miliardi di dollari

Figlio di un minatore di carbone, Akhmetov ha ingrandito la sua attività fino a diventare la persona più ricca dell’Ucraina. Ma è il miliardario la cui fortuna ha sofferto di più a causa della guerra. Attraverso Scm possiede partecipazioni in diverse società industriali. La partecipazione più importante è in Metinvest Group, una delle più grandi società minerarie e siderurgiche del Paese. Gli impianti di Metinvest a Mariupol e Avdiivka hanno subito danni a causa degli attacchi russi e la società ha dichiarato la forza maggiore il 28 febbraio. Il 31 marzo, Akhmetov ha dichiarato che Scm avrebbe intentato causa contro la Russia per danni relativi a l’invasione.

L’altra partecipazione importante è nella società energetica Dtek, che, prima della guerra, forniva circa il 30% dell’elettricità dell’Ucraina, grazie a una miscela di combustibili fossili ed energia rinnovabile. Dtek è stata colpita il 22 febbraio, quando una delle sue centrali elettriche a carbone nella regione orientale di Luhansk, occupata dai separatisti filo-russi dal 2014, è stata bombardata. Dtek ha dichiarato il 29 marzo di aver ha aiutato 900 persone a evacuare da Mariupol e da Berdyansk, città occupata dai russi. Oltre all’aiuto umanitario, le attività di Akhmetov hanno anche fornito materiale bellico, producendo oltre 35.000 ostacoli anticarro chiamati “ricci”.

“Sono in Ucraina e non lascerò il Paese. Condivido gli stessi sentimenti con tutti gli ucraini: sto aspettando sinceramente la vittoria dell’Ucraina in questa guerra”, ha detto Akhmetov a Forbes il 10 marzo. “E inizieremo a ricostruire il Paese per renderlo più felice e prospero. Da parte mia, non risparmierò né spese né sforzi per raggiungere questo obiettivo”.

Mentre Akhmetov rimane in Ucraina, i suoi jet hanno attraversato il globo. Un Airbus A319 immatricolato ad Aruba con numero di coda P4-RLA ha volato da Dubai a Nizza, in Francia, il 31 marzo e poi ad Amburgo, in Germania, il 1 aprile; Akhmetov ha detto al quotidiano ucraino Ukrainska Pravda che il jet è stato utilizzato da conoscenti personali che non sono coinvolti nel conflitto in Ucraina. Altri due aerei collegati ad Akhmetov, un Dassault Falcon 7X immatricolato ad Aruba con numero di coda P4-SCM e un altro Dassault Falcon 7X immatricolato nell’Isola di Man con numero di coda M-SCMG, sono stati visti per l’ultima volta volare da Ginevra, in Svizzera, a Budapest, in Ungheria il 23 marzo e a Farnborough nel Regno Unito il 24 marzo.

2. Victor Pinchuk

Patrimonio netto: 1,9 miliardi di dollari

Fonte di ricchezza: tubi d’acciaio, attività diversificate

Cambiamento dall’invasione: -700 milioni di dollari

Pinchuk trae parte della sua fortuna da Interpipe, un’industria siderurgica da lui fondata nel 1990. Già devastata dall’annessione della Crimea nel 2014, che ha causato la perdita di tutti gli affari in Russia, Interpipe ha interrotto la produzione e le esportazioni a fine febbraio dopo l’inizio dell’invasione. Pinchuk, che ora ha quasi 1 miliardo di dollari in immobili fuori dall’Ucraina e circa 600 milioni di dollari in contanti e arte, è uno dei miliardari più filo-occidentali dell’Ucraina. Ospita meeting annuali incentrati sull’Ucraina al World Economic Forum di Davos, in Svizzera, e ha organizzato e ospitato un “pranzo ucraino” alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco il 19 febbraio, cinque giorni prima che le truppe russe invadessero l’Ucraina.

3. Vadim Novinskij

Patrimonio netto: 1,3 miliardi di dollari

Fonte di ricchezza: l’acciaio

Cambiamenti dall’invasione: -2,2 miliardi di dollari

Novinsky detiene una partecipazione di minoranza in Metinvest di Akhmetov. Il miliardario di origine russa ha ottenuto la cittadinanza ucraina nel 2012 e in seguito ha vinto le elezioni per il parlamento del Paese come deputato del partito filo-russo Blocco di opposizione. Sebbene sia stato a lungo considerato uno dei miliardari ucraini più favorevoli a Putin – ha cercato di avviare i negoziati con la Russia prima dell’invasione ed è fuggito dal paese quando le tensioni crescevano – è tornato a Kiev prima dello scoppio delle ostilità e il 16 febbraio ha visitato Mariupol con il suo socio in affari Akhmetov per dimostrare il suo impegno per la città e la causa.

4. Kostyantin Zhevago

Patrimonio netto: 1,3 miliardi di dollari

Fonte di ricchezza: l’estrazione mineraria

Cambiamento dall’invasione: -800 milioni di dollari

Zhevago possiede una quota di maggioranza nella società mineraria Ferrexpo. Ha rilevato il suo precursore, Poltava Iron Ore, e lo ha quotato alla Borsa di Londra nel 2007. Il 25 febbraio, la società ha dichiarato forza maggiore per alcuni clienti che ricevevano il pellet via nave dal porto di Pivdennyi, nel sud-ovest dell’Ucraina, ma ha detto che le sue attività di estrazione e trasformazione avrebbero continuato a funzionare. Ferrexpo il 7 marzo ha istituito un fondo umanitario da 7,5 milioni di dollari che fornisce, tra gli altri servizi, alloggio, pasti gratuiti, assistenza all’infanzia e forniture mediche.

Non è chiaro se Zhevago, membro del parlamento ucraino dal 1998 al 2019, sia ancora in Ucraina. Possiede uno yacht di nome Z, registrato alle Isole Cayman, che è stato visto l’ultima volta nel Mar Rosso il 2 aprile in rotta verso Sharm El Sheikh. Lo yacht, valutato 62 milioni di dollari dagli esperti di valutazione degli yacht VesselsValue, è partito da Dubai il 25 marzo, dove era stato ormeggiato per l’annuale Dubai Boat Show, che si è svolto dal 9 al 13 marzo. Un jet Bombardier BD700 collegato a Zhevago, registrato nel Il Regno Unito con numero di coda G-XXRS, è stato registrato l’ultima volta in volo da Dubai a Luton, in Inghilterra, il 3 aprile, di ritorno dopo aver volato a Dubai da Luton il 13 marzo. Un rappresentante di Ferrexpo ha detto a Forbes di non aver “tracciato la posizione” di Zhevago e degli amministratori dell’azienda e di non essere in grado di rivelare le loro posizioni.

5. Henadiy Boholyubov

Patrimonio netto: 1,1 miliardi di dollari

Fonte di ricchezza: banche, investimenti

Cambiamenti dall’invasione: -900 milioni di dollari

Boholyubov ha cofondato PrivatBank, la più grande banca commerciale in Ucraina, con 1 milione di dollari di capitale all’inizio degli anni ’90 insieme al collega miliardario Ihor Kolomoyskyy. Il governo ucraino ha nazionalizzato PrivatBank nel 2016 per prevenirne il crollo dopo che le indagini aveva scoperto una frode su larga scala. Nel dicembre 2017, il Regno Unito ha congelato più di 2,5 miliardi di dollari in beni appartenenti a Kolomoyskyy e Boholyubov, schierandosi con PrivatBank in una causa contro i suoi ex proprietari. Boholyubov ora trae gran parte della sua fortuna dal Gruppo Privat, un conglomerato che possiede partecipazioni in distributori di benzina e petrolio e gas.

6. Vlad Yatsenko

Patrimonio netto: 1,1 miliardi di dollari

Fonte di ricchezza: fintech

Cambiamento dall’invasione: nessuno

Yatsenko è il cofondatore della banca digitale londinese Revolut, diventata la società fintech più preziosa del Regno Unito quando ha raccolto $ 800 milioni con una valutazione di $ 33 miliardi nel luglio 2021. L’accordo ha reso Yatsenko un miliardario. Il britannico-ucraino gestisce l’attività con il cofondatore di Revolut, Nik Storonsky, che è cresciuto in Russia ed è ora cittadino britannico. (Il padre di Storonsky è nato in Ucraina.) Yatsenko ha definito Vladimir Putin “uno dei bugiardi più sfacciati della storia” il giorno dell’invasione, il 24 febbraio, e Revolut ha donato 2 milioni di dollari alla Croce Rossa ucraina.

7. Ihor Kolomoyskyy

Patrimonio netto: 1 miliardo di dollari

Fonte di ricchezza: banche, investimenti

Cambiamento dall’invasione: -800 milioni di dollari

Oltre ai loro investimenti in combustibili fossili, Kolomoyskyy e il suo partner Boholyubov possiedono partecipazioni in aziende dell’industria siderurgica e chimica, nonché in un’attività di distribuzione di elettricità, porti marittimi e di Bitcoin. Kolomoyskyy, uno degli oligarchi più europeisti dell’Ucraina, avrebbe speso milioni per equipaggiare i battaglioni militari volontari sul campo per fermare le truppe russe nel 2014. È stato anche governatore della sua regione nativa del Dnipro dal marzo 2014 al marzo 2015, quando è stato licenziato dall’allora presidente Petro Poroshenko.

Kolomoyskyy è stato sanzionato dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti nel marzo 2021 per corruzione e il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha presentato una denuncia contro lui e Boholyubov a gennaio per presunta frode e furto da PrivatBank.

Alleato del presidente Volodymyr Zelensky, il cui programma televisivo Servitore del popolo una volta è andato in onda sulla sua rete televisiva, Kolomoyskyy è molto più calmo da quando Putin ha invaso. Un jet Hawker 800XP collegato a lui, registrato in Ucraina con il numero di coda UR -PRT, è volato a Kiev da Londra il 21 febbraio. Due yacht identificati come appartenenti a Kolomoyskyy da VesselsValue, il Trident di 214 piedi e il Mustique di 180 piedi, entrambi registrati alle Isole Cayman, sono stati visti l’ultima volta a Tivat, Montenegro e Trogir, Croazia, il 4 aprile. Secondo VesselsValue, Trident vale almeno 55 milioni di dollari e Mustique ha un valore di 18 milioni di dollari.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.