Bill Gates rinuncia allo status di miliardario: “Donerò tutta la mia ricchezza”

Bill Gates donerà tutta la sua ricchezza
(Photo by Jamie McCarthy/Getty Images for Bill & Melinda Gates Foundation)
Share

C’è chi brama di diventare uno degli uomini più ricchi al mondo e c’è chi, invece, non vede l’ora di scucire questo titolo dalla propria pelle a favore della società. Stiamo parlando di Bill Gates.

Mr Microsoft ha infatti dichiarato sul suo profilo Twitter che donerà tutta la sua intera ricchezza, pari a circa 103 miliardi di dollari secondo Forbes, alla Bill & Melinda Gates Foundation, la fondazione istituita con la sua ormai ex moglie, che da sempre insegue obiettivi sociali e filantropici, come la ricerca o la donazioni di vaccini o cure contro svariate malattie, tra cui il Covid-19, l’ebola, l’aids e altre malattie genetiche e croniche.

“Guardando al futuro ho l’intenzione di donare praticamente tutta la mia ricchezza alla fondazione. Avrò sempre meno, fino a uscire completamente dalla classifica delle persone più ricche del mondo”, ha dichiarato Bill Gates, che in un tweet successivo ha invitato anche gli altri miliardari a seguire il suo esempio: “Ho l’obbligo di restituire le mie risorse alla società nei modi che avranno il maggiore impatto per ridurre la sofferenza e migliorare la vita. E spero che anche altri in posizioni di grande ricchezza e privilegio si facciano avanti in questo momento”, ha aggiunto l’ex numero uno di Microsoft.

LEGGI ANCHE: “Melinda French Gates non donerà più la maggior parte del suo patrimonio alla Gates Foundation”

Bill Gates e l’idea nata con The Giving Pledge

L’idea di donare tutta la sua ricchezza non è una novità per Bill Gates. Nel 2010, infatti, insieme al suo storico amico, nonché numero uno degli investimenti, Warren Buffett (che dal 2006 ha donato finora 36 miliardi di dollari alla Bill & Melinda Gates Foundation), ha lanciato The Giving Pledge, una campagna per incoraggiare le persone estremamente ricche a contribuire con la maggior parte della loro ricchezza a cause filantropiche. Partita con 40 delle persone più ricche d’America, a giugno 2022, The Giving Pledge contava un numero quasi sei volte maggiore: 236 firmatari provenienti da 28 paesi. I quali, come stabilito dall’impegno preso, devono impegnarsi pubblicamente a donare la propria ricchezza e farlo o in vita o attraverso le proprie volontà.

LEGGI ANCHE: “Chi sono i 25 miliardari più generosi d’America e quanto hanno donato in beneficenza”

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.