Più esperienza, meno matricole: come cambiano i cda delle grandi società europee

governance cda
(Getty Images)
Share

Le trasformazioni geopolitiche, economiche e sociali dell’ultimo anno hanno avuto riflessi nel rinnovo e nella composizione dei consigli di amministrazioni delle blue chip europee. L’ultimo Board Monitor Europe – la ricerca annuale condotta dalla società di ricerca di Chicago Heidrick & Struggles sui trend nel rinnovo della composizione dei cda delle principali società quotate – evidenzia la crescente esigenza di dominare la nuova complessità e la sensibilità sui temi della sostenibilità.

Dallo studio emerge come la risposta a questa esigenza sia stata una crescente designazione di profili manageriali esperti e ancora attivi in ruoli esecutivi, rispetto al tradizionale ricorso ai pensionati. Quindi, consiglieri più consapevoli ed esposti alle nuove sfide, portatori di competenze tangibili e più agili nell’affiancare il management team. Non in controtendenza, ma degno comunque di considerazione, il ritorno a cda “più autoctoni” (con un calo dell’inserimento di membri stranieri) e un rallentamento nella diversificazione di genere.

I dati salienti

Rispetto allo scorso anno (e a fronte di un maggior numero di nuove designazioni: 573 rispetto alle 500 del 2020), le principali evidenze segnalano:

• La crescita della quota di consiglieri che coprono ruoli esecutivi e manageriali in altre organizzazioni (il 67% nel 2021 rispetto al 63%).
• Il rallentamento del percorso per il riequilibrio di genere (il numero di consigliere di nuova nomina è passato dal 45% al 43%).
• Un trend di ri-localizzazione culturale e di esperienze (con una contrazione, dal 40% al 34%, dei profili di nazionalità diversa rispetto al paese in cui la società è quotata).

“Il contratto che lega le aziende all’ecosistema in cui operano e sviluppano il loro business è da mesi oggetto di una pressante richiesta di evoluzione, che rende centrale il contributo al benessere collettivo rispetto alla tradizionale ricerca del profitto e dell’efficienza”, osserva Heidrick & Struggles. “Le varie manifestazioni recessive della crisi sistemica innescata dalla pandemia e amplificata dal conflitto in corso richiedono oggi una risposta più esperta, meno tattica, più agile nell’anticipazione dei futuri fattori di rischio. Gli stessi macro trend impongono una nuova sensibilità manageriale”.

LEGGI ANCHE: I cda delle Pmi ai raggi X: ci sono più donne, ma latitano i giovani. “Si rischia la carenza d’innovazione”

Più nomine, più rinnovi

Cresce il numero di nomine, 573 rispetto a 500 nel 2020. Tra i paesi che registrano il maggior numero di nuove designazioni si segnalano Francia (19%) e Portogallo (18%), mentre in coda ci sono Belgio (6%), Spagna (8%) e Svizzera (8%). L’Italia – che, a differenza degli altri paesi nel campione, non adotta lo staggering (rinnovo graduale nel tempo, spesso su base annuale), ma rinnova in blocco alla fine del mandato triennale – ha aumentato il numero di consiglieri di prima designazione (32%).

Nei nuovi ingressi è stata privilegiata la designazione di profili attualmente esecutivi e attivi in ruoli apicali: il 67% nel 2021 rispetto al 63%. Tra i leader di questa tendenza si segnalano Francia (80%), Norvegia (79%) e Italia (73%), mentre in Irlanda (38%), Paesi Bassi (55%) e Svezia (54%) si è optato per un maggiore equilibrio tra profili attivi (in ruoli manageriali) e quelli non più attivi (in pensione e/o in periodo sabbatico).

Meno matricole

In controtendenza rispetto a Stati Uniti e Regno Unito, diminuisce in Europa il numero di ‘matricole’ nei consigli di amministrazione rispetto al 2020: dal 48% al 43%. Un dato che suggerisce come il manifestarsi di crescenti di rischi sistemici abbiano indotto a privilegiare una precedente esperienza di governance.

Questo approccio più prudente si è manifestato nei Paesi Bassi (10% di neofiti), Svizzera (26%) e Italia (32%), laddove Germania (56%), Norvegia (56%) e Svezia (49%) hanno mostrato più determinazione nel rinnovamento. Questo trend conservativo incide in particolare sulla diversity, allargando il gender gap invece di ridurlo: la percentuale di matricole di genere maschile è più elevata. Nel caso delle donne, si tende a privilegiare la designazione di consigliere che già siedono in altri cda.

Il curriculum dei nuovi consiglieri: esperienza e competenze

In sostanziale continuità con il trend del 2020, il 38% dei nuovi consiglieri ha esperienza da ceo (era il 35%), il 14% da cfo (era il 15%). Alcuni fattori regolamentari locali incidono sulla comparazione tra paesi. Quanto alle competenze professionali, si confermano trend già registrati in passato:

• Il maggior ricorso a profili con competenze digitali (dal 11% a 15%),
• Il consolidamento della richiesta di expertise finanziaria (da 27% al 29%),
• La difficoltà a identificare profili esperti in cybersecurity (5%),
• La persistente scarsità di consiglieri esperti sul tema della sostenibilità (5%).

A fronte di paesi come Danimarca, Irlanda e Francia, dove oltre un quinto dei seggi sono stati assegnati a consiglieri qualificati – con all’estremo opposto il Belgio, dove nessuna nuova nomina ha un taglio esg – economie avanzate come Germania, Svizzera e Italia propongono valori inferiori alla già bassa media europea del 5%.

Rallenta il riequilibrio di genere

Nel 2021 la percentuale di nuovi ingressi al femminile è leggermente diminuita: dal 45% del 2020 al 43%. A fronte di un 66% in Spagna (il paese che registra la più alta percentuale di nuove designazioni al femminile) e del 31% in Belgio, alcuni casi di rallentamento segnalano comunque un trend positivo. La Francia, paese all’avanguardia nella normativa sull’equilibrio di genere, e la Danimarca hanno sì visto un calo rispetto al 2019, ma come indicatore di un progressivo raggiungimento dell’equilibrio di genere.

La nuova legislazione europea impone alle aziende di assegnare il 40% dei seggi al genere meno rappresentato. A oggi Francia e Italia sono gli unici due Paesi che – per effetto di precedenti previsioni normative – arrivano alla soglia del 40% in totale, con circa tre quarti delle società quotate che hanno raggiunto tale obiettivo. In coda l’Irlanda, con solo il 13%.

Cda autoctoni

In Europa, solo il 34% delle nuove nomine è andato a profili stranieri (di nazionalità differente rispetto al paese in cui la società è quotata). La quota ha visto un calo complessivo del 40%, trainato dalle diminuzioni in Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Paesi Bassi e Spagna. In controtendenza, ma a partire da valori iniziali più ridotti, l’Italia ha visto invece un notevole aumento della quota di seggi assegnati a consiglieri esteri (27% rispetto al precedente 15%). Altri paesi, come Norvegia, Portogallo, Svezia e Svizzera, hanno registrato aumenti più modesti.

Generazione: la nuova frontiera della diversità

L’età media dei nuovi amministratori nei consigli di amministrazione è di 56 anni. Va notato come quasi tre quarti dei seggi siano andati a profili tra i 50 e i 65 anni, mentre, solo il 7 % a quelli under 45. L’età media tra i paesi varia da 59,3 nei Paesi Bassi a 51 in Norvegia.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.