Amazon, Google e altri big tech stanno facendo a gara per competere con TikTok: ecco come

TikTok
(Shutterstock)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Google ha annunciato che adotterà ulteriori misure per promuovere contenuti di alta qualità nei suoi risultati di ricerca, mentre Amazon, come ha riportato il Wall Street Journal questa settimana, sperimenterà una nuova funzione video per gli acquirenti. Le due aziende sono solo gli ultimi giganti della tecnologia a introdurre cambiamenti per cercare di competere con il sempre più popolare TikTok.

Aspetti principali

  • Google ha dichiarato che sta apportando aggiornamenti per garantire che i contenuti di alta qualità siano promossi nei risultati di ricerca, riducendo al contempo il numero di contenuti di bassa qualità e non originali progettati “per posizionarsi bene nei motori di ricerca piuttosto che per aiutare o informare le persone”.
  • Le modifiche arrivano dopo che il mese scorso il vicepresidente senior di Google Prabhakar Raghavan ha dichiarato che i più giovani utilizzano applicazioni come TikTok e Instagram invece di Google per le ricerche.
  • Amazon, nel frattempo, sta sperimentando un flusso di foto e video simili a quelli di TikTok nella sua app chiamata “Inspire”, in cui gli acquirenti possono mettere “like”, condividere e acquistare articoli nello stesso posto, ha riferito il Journal, citando una persona che ha familiarità con il prodotto.
  • Il nuovo portale è in fase di test da parte dei dipendenti di Amazon, ma potrebbe essere lanciato in maniera più ampia, come riporta il Journal.
  • La portavoce di Amazon, Alyssa Bronikowski, ha dichiarato a Forbes che l’azienda sta “costantemente testando nuove funzionalità per contribuire a rendere la vita dei clienti un po’ più semplice”.

Grandi numeri

Un miliardo. È il numero di utenti attivi mensili che TikTok ha dichiarato di avere nel settembre 2021, con un aumento del 45% rispetto all’anno precedente.

Sullo sfondo

Alphabet, la società madre di Google, ha intrapreso una serie di iniziative quest’anno per apportare miglioramenti al motore di ricerca e alla funzione mappe, al fine di attirare gli utenti più giovani, tra cui nuove funzioni per la ricerca di oggetti nelle vicinanze tramite immagini e la scoperta di oggetti fisici utilizzando la fotocamera del telefono.

A maggio Raghavan ha dichiarato a Bloomberg che l’azienda punta a far sì che Google Search “sia qualcosa che si possa fare ovunque, in qualsiasi modo si voglia, utilizzando tutti i propri sensi”. Anche Meta ha cercato di competere con la popolarità di TikTok, lanciando brevi video noti come reel nel 2020 per gli utenti di Instagram, seguiti quest’anno dagli utenti di Facebook.

Alphabet ha creato per YouTube una nuova funzione chiamata “Shorts”, una piattaforma di video di breve durata progettata per assomigliare a TikTok. Attualmente il social cinese sta sperimentando una nuova funzione per migliorare le proprie modalità di ricerca, identificando le parole chiave nei commenti e collegandosi ai risultati della ricerca per quelle parole.

L’app ha registrato un’impennata di popolarità da quando è stata lanciata nel 2016, diventando la terza piattaforma di social media a livello mondiale dietro Instagram e Facebook nel 2021, secondo Insider Intelligence. A luglio Raghavan ha dichiarato che circa il 40% dei giovani si rivolge a popolari app di social media come TikTok o Instagram “quando cerca un posto per il pranzo”, invece di Google Maps o Search, prodotti chiave per Alphabet.

Le critiche

Il mese scorso, Instagram ha deciso di sospendere le modifiche progettate per rendere l’app più simile a TikTok, compresa una riprogettazione del feed, dopo aver affrontato una serie di critiche da parte degli utenti, tra cui importanti influencer come Kylie Jenner e Kim Kardashian. L’azienda aveva pianificato di dare priorità ai contenuti video rispetto alle foto, ma poi ha deciso di “fare un grande passo indietro e riorganizzarsi” dopo aver affrontato gli effetti di tali modifiche, ha dichiarato all’epoca il capo di Instagram Adam Mosseri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.