Angiodroid

Share

Angiodroid è la startup bolognese fondata nel luglio 2013 da SparkBio e partecipata dal fondo di venture capital Zernike MetaVentures attraverso il Fondo Ingenium Emilia Romagna. È un’azienda innovativa che sviluppa, produce e vende soluzioni per il mercato biomedicale, con il business rivolto a interventi cardiologici, radiologici, angiologici e alla chirurgia vascolare.Il suo principale prodotto è l’iniettore per l’iniezione automatica di anidride carbonica come mezzo di contrasto in angiografia. L’esperienza in ambito clinico e ingegneristico e l’attenzione verso i bisogni delle persone sono gli aspetti attraverso i quali Angiodroid fa innovazione. I prodotti dell’azienda, che ha già attirato l’attenzione sia di clienti privati sia di aziende sanitarie pubbliche, raggiungono gli utilizzatori finali attraverso una rete di distributori nazionali con mandato esclusivo per il territorio e i segmenti di mercato di competenza. Nel 2020 Angiodroid ha ricevuto il company prize del premio Gaetano Marzotto, uno dei più ambiti nel panorama dell’innovazione italiana.

CONTATTI

Via Caselle 76
San Lazzaro di Savena (Bo)
Tel. 051 463269
Email: [email protected]

Personaggi ed interpreti

Sebastiano Zannoli è ceo di Angiodroid e anche di SparkBio, incubatore specializzato in aziende medicali. Dall’esperienza in un’azienda produttrice di macchine ad aria compressa nell’ambito del fitness, è scaturita l’idea di mettere insieme un piccolo ma competente team di persone - il fratello Samuele che è un fisico e due ingegneri biomedici - per rispondere a questa domanda: si può trasformare una macchina per il fitness in un iniettore angiografico? Dalla risposta, nel 2013, è nata Angiodroid, impresa che ha installato oltre 500 iniettori non solo in Europa ma in tutto il mondo, da Sydney a Buenos Aires, passando attraverso l’Asia.

Il punto forte

Gli iniettori per l’iniezione automatica di anidride carbonica come mezzo di contrasto in angiografia sono il pezzo forte di Angiodroid. Tali iniettori consentono di eseguire angiografie periferiche, consentendo di annullare le complicazioni legate all’uso del mezzo di contrasto iodato nei pazienti con insufficienza renale. Angiodroid è già utilizzato in più di 500 ospedali nel mondo e ha ottenuto 32 certificazioni internazionali oltre alla marcatura CE, necessaria per l’accesso al mercato europeo. Altro prodotto sviluppato è un contropulsatore aortico per supportare la funzione cardiaca in situazioni di emergenza.

Share
Contenuto successivo