Seguici su
Investimenti 14 Febbraio, 2020 @ 2:06

Tesla metterà sul mercato altre azioni per 2 miliardi di dollari

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

Elon Musk

di Alan Ohnsman per

Tesla intende vendere nuove azioni per un valore di circa $ 2 miliardi nel bel mezzo di un notevole aumento del prezzo dei suoi titoli, in considerazione del fatto che gli investitori sembrano pensare che le operazioni per la società di auto elettriche di Elon Musk abbiano finalmente svoltato. Musk aveva respinto questa mossa qualche settimana fa, ma i grandi piani di investimento previsti potrebbero avergli fatto cambiare idea. 

La società ha dichiarato in alcuni documenti depositati giovedì che venderà almeno 2,65 milioni di azioni, del valore di poco più di $ 2 miliardi sulla base di un prezzo di chiusura di $ 767,29 del 12 febbraio. Potrebbe raccogliere un totale di $ 2,3 miliardi. Musk, già il maggiore azionista di Tesla, intende acquistare $ 10 milioni delle nuove azioni e Larry Ellison, capo di Oracle e membro del consiglio di Tesla, acquisterà circa $ 1 milione.

Le azioni Tesla sono triplicate di valore da ottobre, dopo che la società ha registrato un utile a sorpresa nel terzo trimestre . L’apertura da parte della società del suo stabilimento di Shanghai a gennaio per la costruzione di berline elettriche Model 3 per i clienti cinesi ha fornito un ulteriore impulso, così come i risultati del quarto trimestre che hanno anche superato le aspettative degli analisti. I fondi rivenienti dall’offerta saranno utilizzati per investimenti in una serie di progetti, tra cui la costruzione di fabbriche e il lancio di nuovi prodotti tra cui il pickup Cybertruck. Tesla sta inoltre procedendo con i piani per la costruzione di una fabbrica in Germania, anche se continua a lavorare allo stabilimento di Shanghai e alla Gigafactory in Nevada. 

Durante la call con gli analisti seguita alla presentazione degli utili il 29 gennaio, Musk aveva affermato che l’aumento della generazione di cassa avrebbe potuto sostenere gli investimenti di capitale e che la raccolta di nuovo capitale non sarebbe stata necessaria nel breve termine. “Non ha senso raccogliere fondi perché prevediamo di generare liquidità in presenza di questo livello di crescita”, aveva affermato.

Le azioni di Tesla sono aumentate del 4,8% nella seduta di ieri al Nasdaq, per terminare le contrattazioni a $ 804, la seconda chiusura più alta di sempre dopo i $ 887,06 del 4 febbraio . Forbes stima che l’ultima salita del titolo abbia fatto crescere il patrimonio netto di Musk di $ 1 miliardo a $ 40,2 miliardi .

Ben Kallo, analista azionario di Baird che valuta Tesla “neutrale”, in una nota di ricerca ha dichiarato che l’offerta è “prudente, dati i prezzi attuali delle azioni”.

“Riteniamo che la decisione di Tesla di raccogliere capitali sia stata intelligente; infatti pensiamo che gli investitori possano ritenere che l’offerta avrebbe dovuto essere più ampia ”, ha affermato Kallo. “Detto questo, notiamo che il management ha indicato durante la presentazione dei risultati del quarto trimestre che” non ha senso “raccogliere fondi data la prossima generazione di cassa, quindi l’annuncio è stato in qualche modo sorprendente.”

Garrett Nelson, analista azionario CFRA con rating sell su Tesla, ha dichiarato che l’offerta era prevedibile a causa di “piani di crescita ambiziosi” e ha dato un tono più cauto alle prospettive a breve termine dell’azienda. “Recenti aumenti di velocità, tra cui un ritardo correlato al coronavirus nelle consegne di veicoli dalla sua nuova fabbrica cinese e il richiamo del modello X probabilmente hanno tenuto conto della decisione della direzione di procedere con l’offerta”, ha affermato. Il piano di investimenti della società per il 2020 tra $ 2,5 miliardi e $ 3,5 miliardi è anche al di sopra della sua gamma precedente di $ 2 miliardi a $ 2,25 miliardi, ha detto, citando l’attuale 10-K. Ciò dovrebbe “equivalere a un flusso di cassa libero più debole di quello che ha generato negli ultimi trimestri”, ha detto Nelson.

Goldman Sachs e Morgan Stanley sono lead manager dell’offerta, con la partecipazione di Barclays, BofA Securities, Citigroup, Credit Suisse, Deutsche Bank e Wells Fargo Securities e Societe Generale.