Seguici su
Business 29 Marzo, 2020 @ 11:03

I conti degli economisti: riaprire tutto troppo presto costerebbe più dell’isolamento forzato

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
(Leon Neal/Getty Images)

di Sarah Hansen per Forbes.com

Questa settimana, il presidente Trump ha lanciato l’idea di alleggerire le misure di distanziamento sociale secondo la teoria secondo cui il danno causato dalla chiusura dell’economia potrebbe essere maggiore del costo di lasciare che il virus faccia il suo corso – alcuni modelli suggeriscono, tuttavia, che riaprire l’economia troppo presto potrebbe essere esponenzialmente più costoso.

  • Se gli Stati Uniti abbandonassero le misure di distanziamento sociale dopo 14 giorni, oltre 125 milioni di persone contrarranno il virus, circa 7 milioni potrebbero essere ricoverati in ospedale e 1,9 milioni di persone moriranno (tenendo conto di altri fattori come l’infettività e i tassi di ospedalizzazione), secondo un modello costruito dal New York Times .
  • Se il distanziamento sociale durasse due mesi, il modello prevede che 14 milioni contrarranno il virus, con meno di 100.000 morti.
  • Non vi è alcun dubbio sul fatto che l’economia in generale risentirà anche dell’attuale tasso di diffusione. Morgan Stanley prevede un calo del 30% del PIL nel prossimo trimestre. Il PIL degli Stati Uniti è attualmente di $ 21,43 trilioni . Un calo del 30% significherebbe una perdita di valore di oltre $ 6,4 trilioni (il disegno di legge di aiuto economico firmato dal presidente Trump vale circa $ 2 trilioni).
  • Se l’epidemia peggiorasse a causa di misure di distanziamento sociale rilassate, non è irragionevole prevedere perdite economiche ancora maggiori.
  • Gli economisti possono calcolare il valore medio di una vita salvata utilizzando un modello chiamato valore statistico di una vita . È una metrica utilizzata da alcune agenzie governative basata su quanto una persona è disposta a pagare per ridurre il rischio di morte. In questo momento, questa cifra si aggira intorno ai $ 10 milioni.
  • “Se potessimo prevenire un milione di decessi, valutandoli circa $ 10 milioni ciascuno, il conto sarebbe di $ 10 trilioni, che è la metà del PIL”, afferma James Hammitt, professore di economia nel dipartimento di politica sanitaria di Harvard.
  • Gli economisti dell’Università di Chicago sono giunti a una conclusione simile : hanno scoperto che sotto misure di distanziamento sociale “moderate”, si potrebbero salvare 1,7 milioni di vite e almeno 7,9 trilioni di dollari.

Numero chiave: il costo medio di una degenza ospedaliera per un caso lieve di polmonite è di $ 9.763, secondo l’ analisi di Peterson-KFF (la polmonite è comunemente associata a COVID-19, la malattia causata dal coronavirus). Il costo medio aumenta a $ 88,114 per i casi più gravi che richiedono più di quattro giorni di supporto del ventilatore polmonare. Sette milioni di ricoveri per pazienti con casi lievi costerebbero più di $ 68 miliardi. Se il 17% di quei pazienti avesse necessitato del supporto del ventilatore, come nel caso di uno studio cinese , il costo dei soli ricoveri potrebbe ammontare alla cifra sbalorditiva di $ 161 miliardi, e questo senza contare il costo di altre complicazioni di salute legate al virus.

Citazione cruciale: “Tutto ciò che rallenta il tasso di diffusione del virus è la cosa migliore che si possa fare per l’economia, anche se utilizzando le misure convenzionali potrebbe sembrare dannoso per l’economia”, ha detto l’economista dell’Università di Chicago Austan Goolsbee al New York Times .

Contesto di fondo: in un certo senso, tutto questo discorso ha più di un secolo. Un nuovo paper pubblicato ieri ha scoperto che durante la pandemia di influenza del 1918 – l’analogo storico più vicino all’attuale epidemia di coronavirus – le città intervenute prima e in modo più aggressivo per rallentare la diffusione del virus attraverso il distanziamento sociale e l’isolamento dei casi non hanno subito danni economici maggiori di quelle che invece non l’hanno fatto. “Al contrario”, scrivono gli autori, “le città che sono intervenute prima hanno sperimentato un aumento relativo dell’attività economica dopo la pandemia”. Seattle, Oakland, Omaha e Los Angeles, per esempio, adottarono misure di contenimento più forti rispetto a Pittsburgh, Nashville e Filadelfia e tutte conobbero un’impennata molto più grande nella crescita dell’occupazione dopo la crisi nel 1920.

Tema connesso: il vice governatore del Texas, Dan Patrick,  ha suggerito all’inizio di questa settimana che i nonni potrebbero essere disposti a morire per preservare l’economia dei loro nipoti. “Nessuno mi ha contattato e mi ha detto: “Come anziano, sei disposto a rischiare la tua sopravvivenza in cambio di mantenere l’America così come tutti noi la amiamo per i tuoi figli e per i tuoi nipoti?'”, ha detto. “E se quello è lo scambio, io ci sto.” I suoi commenti e quelli di Trump hanno scatenato un contraccolpo tra i progressisti sui social media martedì, quando l’hashtag # NotDying4WallStreet ha fatto tendenza su Twitter mentre gli utenti esprimevano le loro paure della pandemia e della risposta del governo ad esso. “Lascerò che Wall Street muoia prima che lo faccia mia nonna”, ha scritto un utente di Twitter.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!