Seguici su
Innovazione 29 Aprile, 2020 @ 12:30

Questa startup è riuscita a individuare alcuni tumori prima dell’insorgenza di sintomi

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
ricerca scientifica, esami del sangue per cura dei tumori
(shutterstock.com)

Articolo di Leah Rosenbaum apparso su Forbes.com

Thrive Earlier Detection, società attiva nel campo della diagnostica del cancro sulla base di screening del sangue, ha rilasciato i dati di uno studio di fase uno che ha dimostrato come il suo test diagnostico sia stato in grado di rilevare alcuni tumori in fase iniziale in pazienti che non mostravano sintomi.

Aspetti principali

  • Lo studio, pubblicato sulla rivista Science e realizzato in collaborazione con il Johns Hopkins Kimmel Cancer Center, ha trovato 26 nuovi tumori in oltre 9.900 donne che non avevano una storia pregressa di cancro né alcun sintomo della malattia.
  • L’analisi del sangue è stata in grado di segnalare la potenziale presenza di cancro, ma non dove si trovava il cancro nel corpo, che è stato diagnosticato usando una scansione PET-CT.
  • Un esame del sangue seguito da una scansione aveva una specificità del 99,6% (nel senso che c’erano pochi risultati falsi positivi), ma l’esame del sangue da solo ha dimostrato una sensibilità del 31%, il che significa che potrebbero esserci stati un certo numero di casi di cancro che non sono stati rilevati dal test.
  • David Daly, ceo di Thrive, afferma che il test di “biopsia liquida” dovrebbe essere usato insieme a regolari screening del cancro come mammografie e colonscopie e non dovrebbe essere usato in sostituzione di questi.

Citazione rilevante

Nickolas Papadopoulos, oncologo del Johns Hopkins e autore senior dello studio, ha affermato di non essere preoccupato dai potenziali falsi negativi perché i tumori individuati sono normalmente malattie per le quali non sono disponibili test di screening, come il cancro uterino e renale. “Tutto ciò che abbiamo rilevato era in aggiunta a ciò che può essere rilevato dalla terapia standard”, afferma Papadopoulos.

Il contesto

La Thrive, con sede a Cambridge, è relativamente da poco nel settore della biopsia liquida per la rilevazione del cancro. Come altre società che si occupano di biopsie liquide, il test di Thrive cerca il DNA tumorale circolante nel sangue e proteine ​​specifiche, che possono essere precoci indicatori del cancro. L’obiettivo è trovare il carcinoma in fase iniziale utilizzando solo un prelievo del sangue in modo che possa essere trattato prima che i sintomi progrediscano. Alcune società di biopsia liquida, come l’importante Grail, hanno raccolto miliardi di dollari per raggiungere questo obiettivo. Thrive è stata lanciata a maggio dello scorso anno con un round di Serie A da 110 milioni di dollari guidato da Third Rock Ventures.

Sviluppi futuri

Daly afferma che Thrive sta attualmente raccogliendo ancora più denaro per il suo round di finanziamenti di serie B. Dice anche che la società sta lavorando a stretto contatto con la FDA per finalizzare uno studio clinico di fase 2 per l’inizio del 2021. Come questo recente studio, anche il prossimo test verificherà la capacità della biopsia liquida di rilevare diversi tipi di cancro. “Abbiamo dimostrato che possiamo avere un impatto positivo sulla vita dei pazienti”, afferma Daly, “e questo è il nostro obiettivo”.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!