Dopo lo champagne Jay-Z vende anche il servizio di streaming Tidal. E il suo patrimonio balza del 40%

(Photo by Alberto E. Rodriguez/Getty Images for The Recording Academy)
Share

Articolo di Madeline Berg apparso su Forbes.com

Nelle ultime due settimane, Jay-Z ha stretto accordi per vendere il suo servizio di streaming musicale e metà del suo marchio di champagne Armand de Brignac, aggiungendo un enorme mucchio di soldi alla sua già enorme fortuna.

“L’hip-hop è stata sin dall’inizio un’aspirazione” ha detto Jay-Z nel 2010 quando Forbes ha ottenuto un posto in prima fila all’incontro del rapper a Omaha con l’investitore miliardario Warren Buffet. “Ha sempre infranto l’idea che un artista non possa pensare anche ai soldi”.

Più di un decennio dopo, il rapper diventato miliardario sta mostrando esattamente cosa voleva dire: nel suo secondo importante accordo in due settimane, Jay-Z ha venduto una quota di maggioranza della società di streaming musicale Tidal a Square, la società del ceo di Twitter Jack Dorsey, per 297 milioni di dollari. La transazione ha valutato l’azienda a circa 450 milioni di dollari, 150 in più rispetto alla stima di Forbes del 2019. Forbes calcola che Jay-Z ha raccolto 149 milioni di dollari tra liquidità e azioni – e ha ottenuto un posto nel consiglio di amministrazione – dopo aver racquistato il 33% di Tidal da T-Mobile all’inizio di questa settimana e poi aver venduto lo stesso. Gli “artisti azionisti” di Tidal continueranno ad avere una partecipazione nella società e anche Jay-Z ne deterrà una piccola percentuale.

Ciò avviene una settimana dopo aver venduto metà del suo marchio di champagne Armand de Brignac a Lvmh in un affare che stimava la società di liquori di lusso a circa 640 milioni di dollari.

I due accordi hanno contribuito a portare la fortuna del primo miliardario dell’hip-hop da 1 a 1,4 miliardi di dollari.

È solo l’inizio. La sua attività diversificata e in crescita include la restante quota del 50% della Armand de Brignac da 300 dollari a bottiglia, così come il marchio di cognac D’Usse e una raccolta di startup tra cui quella assicurativa Ethos e la catena di insalate Sweetgreen. Possiede anche una parte della musica da lui stesso prodotta, condivide più palazzi multimilionari con sua moglie Beyoncé e ha una collezione d’arte in crescita.

Nel 2005 ha scritto un verso che è oggi può dirsi profetico: “Non sono un uomo d’affari, sono un business man, amico”.

Ecco come si compone il suo patrimonio:

Liquidità e investimenti: 425 milioni di dollari

Jay-Z ha cantato per anni l’importanza di spendere saggiamente i soldi. E ha fatto proprio questo, investendo una buona parte dei suoi guadagni, stimati intorno ai 760 milioni di dollari (al lordo delle imposte). Le sue partecipazioni includono partecipazioni in Uber e ora in Square, nonché in società private come la catena di insalate Sweetgreen, la startup assicurativa Ethos e SpaceX. La sua prossima grande vittoria: la società Oatmilk Oatly dovrebbe fare l’Ipo quest’anno e, secondo quanto riferito, ha una valutazione che si aggira intorno ai 10 miliardi di dollari. Ha investito un importo sconosciuto in questa società nel luglio 2020.

Armand de Brignac: 320 milioni di dollari

La scorsa settimana, Jay-Z ha annunciato che stava vendendo metà della sua azienda di champagne, nota anche come Ace of Spades, alla casa di lusso Lvmh di Moët Hennessy. Forbes stima che l’accordo valesse 640 milioni di dollari, più del doppio del suo valore stimato nel 2019.

Roc Nation: 140 milioni di dollari

La joint-venture di Jay-Z con Live Nation è stata fondata nel 2008 ed è una società d’intrattenimento a servizio completo che serve alcuni dei più grandi nomi dello showbiz, dai musicisti Rihanna e Alicia Keys agli atleti Kyrie Irving e Cc Sabathia. La compagnia ha organizzato il Super Bowl Halftime Show, un festival musicale americano e ha un contratto editoriale con Random House. Sebbene la pandemia abbia rallentato l’attività di tour dal vivo della compagnia, era in costante crescita prima del Covid-19.

LEGGI ANCHE: “Dal concerto con Jay-Z all’accordo con Google: così il Milan vuole diventare un club 4.0”

D’Usse: 120 milioni di dollari

Una partnership con il gigante dei liquori Bacardi, il cognac di Jay-Z lanciato nel 2012. Mentre in genere viene venduto al dettaglio per 30 dollari a bottiglia, cinquanta bottiglie rare, tra cui un decanter di cristallo a forma di diamante, sono attualmente all’asta da Sotheby’s per un prezzo stimato che va dai 24 mila dollari ai 75 mila ciascuno.

Diritti discografici: 95 milioni di dollari

La discografia di quasi 300 canzoni di Jay-Z vale 20 milioni di dollari in più rispetto a due anni fa e, grazie a una serie di trattative intelligenti, possiede sia i diritti di pubblicazione che le registrazioni principali dei suoi album.

Collezione d’arte: 70 milioni di dollari

Grande fan di Jean Michel Basquiat – nella canzone Picasso Baby dice di averne uno in cucina e secondo quanto riferito ha speso 4,5 milioni di dollari per acquistarne uno nel 2013 – l’impressionante collezione d’arte di Jay-Z comprende anche opere di Damian Hirst, David Hammons e Richard Principe. Vede la sua collezione come un investimento. Come cantava in The story of OJ: “Ho comprato delle opere d’arte per un milione / Due anni dopo, quella m***a vale due milioni / Pochi anni dopo, quella m***a vale otto milioni / non vedo l’ora di dare questa m***a ai miei figli”.

Immobiliare: 50 milioni di dollari

Jay-Z e Beyoncé hanno preso due case nel 2017 dopo aver dato alla luce i loro gemelli: una villa a Bel Air da 88 milioni di dollari e una proprietà da 26 milioni di dollari nell’East Hamptons. La casa di Los Angeles vale già 5 milioni di dollari in più rispetto al prezzo di acquisto. A dimostrazione che la coppia è, in effetti, umana, hanno ancora un’ipoteca sulla casa. Inoltre Jay-Z possiede ancora anche il suo appartamento da scapolo nell’attico in Tribeca, a New York, che ha acquistato nel 2004 per 6,85 milioni di dollari.