Una startup americana investirà € 3 milioni a Torino per progettare il futuro dell’automotive elettrico

Share

L’Italia si conferma polo di attrazione per le aziende dell’automotive. Dopo l’annuncio della sede emiliana della joint venture Silk-Faw, anche la startup statunitense Electra Vehicles ha infatti in programma di investire circa 3 milioni di euro per stabilire una sede a Torino, contando sul sostegno di istituzioni e realtà finanziarie locali.

Il progetto ha ricevuto il supporto del Centro Estero Internazionalizzazione, società consortile promossa da Regione e Unioncamere Piemonte, oltre che il sostegno finanziario di realtà come Liftt (Politecnico di Torino), Fondazione Compagnia di San Paolo (Banca Intesa) e Club degli Investitori, che a Torino riunisce oltre 200 imprenditori, manager e professionisti che investono in start-up ed imprese innovative. Liftt e Club degli Investitori hanno impegnato rispettivamente 610.000 e 540.000 dollari sul progetto. Electra Vehicles ha creato un avanzato software di controllo degli accumulatori per EV, di qualsiasi formato e composizione chimica, basato sull’intelligenza artificiale. In sostanza l’azienda intende sviluppare un pacco batterie intelligente, in grado di aumentare la durata, la vita utile e la sicurezza degli accumulatori. Un primo esempio in questa direzione è rappresentato dal sistema di controllo EVE-Ai 360 Adaptive Controls, che consente di aumentare di circa il 28% l’autonomia per singola carica, ridurre del 30% i tempi di rifornimento e allungare il ciclo di vita delle batterie.

L’investimento da parte di Liftt e Club degli Investitori risponde a questa esigenza ed è totalmente in linea con i trend del mercato (nel 2027 oltre il 50% dei veicoli prodotti a livello globale sarà ibrido o elettrico, per un totale di circa 54 milioni di unità) e con le priorità politiche espresse nel Green New Deal ed agli obiettivi di decarbonizzazione da parte dell’Unione Europea, e con gli obiettivi di Next EU. Fabrizio Ricca, assessore all’Internazionalizzazione della Regione Piemonte: “Automotive e aerospaziale sono due fondamentali snodi di crescita del tessuto industriale del nostro territorio. Partendo da questa osservazione non possiamo che dirci estremamente contenti di constatare che, ancora una volta, il Piemonte riesca ad essere una Regione capace di attirare imprese altamente tecnologiche desiderose di investire, creare posti di lavoro e aprire sedi nelle nostre città. Il futuro dell’industria dell’automobile si gioca molto sull’elettrico. Riuscire, come in questo caso, ad aggiungere un tassello di ricerca e produzione che si occupa proprio di questo aspetto fondamentale dell’automotive è una garanzia di competitività per tutti”.

Ai più attenti non sarà sfuggita la presenza di Fabrizio Martini, ceo e co-fondatore di Electra Vehicles, durante il recente evento di presentazione della Fulminea, l’hypercar di Automobili Estrema. Electra Vehicles è infatti uno dei nove partner all’avanguardia nella tecnologia EV che hanno lavorato a stretto contatto con Automobili Estrema per la prima hypercar elettrica ad alte prestazioni con un pacco batterie multi-chimica al mondo.

Share